WRC | Rally Monza: Ogier-Ingrassia e Toyota campioni del mondo!

Sébastien Ogier e Julien Ingrassia hanno vinto l'ACI Rally Monza Italia e l'ottavo titolo Mondiale WRC della loro carriera. Toyota Gazoo Racing vince il titolo Mondiale Costruttori. Sul podio Evans e Sordo. Crugnola decimo!

WRC | Rally Monza: Ogier-Ingrassia e Toyota campioni del mondo!

Sébastien Ogier e Julien Ingrassia ce l'hanno fatta. All'ACI Rally Monza Italia hanno colto la vittoria numero 5 della loro stagione e si sono laureati con pieno merito campioni del mondo WRC per l'ottava e probabilmente ultima volta nella loro straordinaria carriera.

L'equipaggio francese è riuscito ad avere la meglio dei loro rivali per la vittoria dell'evento e per il titolo, Elfyn Evans e Scott Martin, arrivati al secondo posto in entrambe le classifiche. Per Ogier e Ingrassia si tratta dell'ottavo titolo della loro carriera, salendo al secondo posto di tutti i tempi nella classifica dei piloti più titolati nel motorsport a 4 ruote. Davanti a loro, solo Sébastien Loeb e Daniel Elena.

Molto bella la lotta tra Ogier ed Evans, durata tutta la gara con continui cambi di leadership per tutta la giornata di sabato. Ogier, però, ha avuto la meglio nelle prove decisive, sfruttando inoltre un paio di errori di Evans proprio nella penultima prova. Ecco dunque materializzarsi il quinto successo del 2021, il 54esimo della loro strepitosa carriera. Unico brivido per Ogier alla terzultima prova della giornata, in cui ha colpito un dissuasore di cemento rovinando cerchio e gomma, ma non - incredibilmente - la sospensione anteriore destra (foto).

Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC

Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC

Photo by: WRC.com

Ora l'equipaggio transalpino festeggerà a dovere e poi si separerà. Ingrassia si ritirerà, mentre Ogier continuerà nel WRC ma part time, navigato da Benjamin Veillas. Questo però è il futuro. Il presente li vede ancora come i migliori di tutti e nemmeno un Evans sontuoso nell'ultima parte della stagione è riuscito a fermarli.

Il secondo posto del gallese è la chiara fotografia di una stagione in cui, sino a settembre, non è mai riuscito a impensierire Ogier se non in Portogallo. Poi, complici diversi fattori che hanno portato Séb a essere molto meno presente a livello mentale nel corso delle ultime gare, era riuscito a rimontare tanti punti sul compagno di squadra, ma nel momento decisivo Ogier e Ingrassia hanno fatto ancora una volta la differenza.

Grazie alla doppietta Ogier-Evans e al nono posto di copertura di Kalle Rovanpera, Toyota Racing ha centrato il titolo Mondiale Costruttori. Questo, alla Casa giapponese, mancava da 3 anni. Un titolo arrivato non solo grazie alle prestazioni, ma soprattutto a un'affidabilità che ha rasentato la perfezione. Ecco qui la differenza tra Toyota e Hyundai, con quest'ultima che ha eccelso nelle prestazioni, ma ha avuto tanti problemi d'affidabilità che non le hanno consentito di difendere i due iridi consecutivi centrati nei due anni passati.

Il podio è stato comunque completato da una i20 Coupé WRC, quella di Dani Sordo e Candido Carrera. Gli spagnoli hanno controllato bene la posizione sul podio dopo averla ricevuta dai compagni di squadra Thierry Neuville e Martijn Wydaeghe. Il belga ha commesso un errore nella PS9 di ieri, in cui ha danneggiato la sua i20. Per questo ha perso la posizione in favore di Sordo.

Quinto posto per un eccellente Oliver Solberg. Il giovane svedese chiude l'anno con una prestazione davvero sopra le righe, che lascia ben sperare per il suo futuro e quello di Hyundai. Un quinto posto splendido, il miglior risultato della carriera al primo anno - part time - al volante di una vettura WRC Plus.

Solberg ha mostrato una velocità importante e costante. In quasi tutte le speciali è rimasto all'interno della Top 6, dunque un weekend davvero perfetto. Sesto posto invece per Teemu Suninen, salito di colpi in tutto il weekend alla sua prima uscita con Hyundai Motorsport. Suninen ha preo il posto di Ott Tanak (indisponibile) e ha fatto vedere buone cose.

Takamoto Katsuta ha perso la sesta piazza proprio nella penultima prova, rompendo la sospensione posteriore sinistra contro un dissuasore di cemento. Il giapponese era in piena rimonta e aveva intenzione di concludere al quinto posto. Ma l'errore lo ha limitato. Fortunatamente per lui, tra la penultima e l'ultima speciale era previsto un Service, in cui il team è riuscito a sistemare la sua Yaris e a fargli concludere la gara.

Gus Greensmith ha chiuso all'ottavo posto con una buona gara. Ricordiamo che il britannico ha corso con il nuovo navigatore Jonas Andersson, mentre Adrien Fourmaux, suo compagno di squadra in M-Sport, è stato costretto al ritiro per un incidente nel primo giorno di gara.

WRC2: Huttunen vince subito con la Fiesta Rally2 M-Sport

Jari Huttunen vince subito all'esordio nel WRC2 al volante della Ford Fiesta Rally2 del team M-Sport. Il finnico, dopo aver passato diversi mesi con Hyundai e a sviluppare la i20 N Rally2, è passato a correre per il team britannico in questo weekend e ha subito fatto il colpo grosso.

Jari è stato perfetto a sfruttare sfortune ed errori dei piloti del team TokSport e a portare a casa la vittoria nell'ultimo appuntamento della stagione. Andreas Mikkelsen, già campione 2021 della categoria, ha chiuso secondo ma è stato frenato da una foratura nel primo giorno di gara che gli ha fatto perdere la leadership.

Marco Bulacia Wilkinson è stato invece costretto al ritiro nella giornata di ieri dopo aver danneggiato la sua Skoda Fabia Rally2 mentre si trovava in testa alla classifica WRC2.

WRC3: Crugnola sontuoso, Rossel iridato all'ultimo!

Strepitoso decimo posto assoluto per il nostro Andrea Crugnola, il quale è anche risultato il miglior pilota al volante di una vettura Rally2. Il varesino di Hyundai italia ha portato la i20 N Rally2 a vincere la classifica WRC3 con una gara sontuosa, culminando proprio oggi una grande rimonta.

Merita anche la citazione Yohan Rossel, vincitore del titolo iridato WRC3 al volante della Citroen C3 Rally2 dopo una stagione davvero eccellente. Oggi al francese ha artigliato il titolo proprio all'ultima prova dell'evento, battendo per un soffio Kajetan Kajetanowicz. 

condivisioni
commenti
WRC | Rally Monza, PS15: Evans sbaglia. Ogier vede il titolo
Articolo precedente

WRC | Rally Monza, PS15: Evans sbaglia. Ogier vede il titolo

Prossimo Articolo

WRC | Ogier-Ingrassia: molto più grandi dei loro 8 titoli

WRC | Ogier-Ingrassia: molto più grandi dei loro 8 titoli
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021