WRC, Rally Messico, PS13: Ogier riparte forte e allunga

Prima prova del sabato dominata dal francese della Toyota, intanto Tanak torna in zona podio superando Elfyn Evans. Sordo non riparte.

WRC, Rally Messico, PS13: Ogier riparte forte e allunga

Sébastien Ogier continua a essere incontenibile, dimostrando di avere un altro passo in questo fine settimana al Rally del Messico, gara che in carriera ha già vinto più volte.

Il 6 volte iridato della Toyota ha aperto la seconda tappa del sabato vincendo in maniera perentoria la Prova Speciale 13, la Guanajuatito 1 di 24,96 chilometri, sfruttando anche la miglior posizione di partenza in assoluto guadagnata con un gran primo giorno proprio ieri.

Grazie a questo scratch, Ogier è riuscito ad aumentare considerevolmente il suo vantaggio nei confronti del primo degli inseguitori, Teemu Suninen con la Ford Fiesta WRC Plus del team M-Sport, portandolo a 22"9.

Se al momento le prime due posizioni della generale sembrano congelate, prosegue senza sosta la lotta per l'ultimo gradino del podio che vede sempre tre piloti in lotta, anche se in questa prova Ott Tanak ha dato prova del suo potenziale anche al volante di una Hyundai.

L'estone ha infatti colto il secondo miglior tempo, superando Elfyn Evans e tornando così terzo nella generale dopo aver ceduto il podio virtuale al gallese nell'ultima prova di ieri. Evans, però, potrà rispondere già nella prossima prova, perché tra i due c'è appena 1"4.

Kalle Rovanpera non è riuscito a replicare le ottime prestazioni fatte ieri pomeriggio, perdendo diversi secondi dai suoi rivali per il terzo posto. Ora si trova a 11"2 da Tanak e a 9"8 da Evans. Fa gara a sé Gus Greensmith, che sta imparando ciò che vuol dire pilotare una WRC Plus - in questo caso una Fiesta - in una gara così difficile come il Rally del Messico.

Da segnalare il rientro in gara di Thierry Neuville grazie alla formula del Rally2. Il belga cercherà di recuperare quante più posizioni che potrà per portare a casa punti importanti per il Mondiale Costruttori della Hyundai, mentre Daniel Sordo è stato costretto a non riprendere il via della gara dopo il ritiro di ieri a causa delle condizioni del suo motore, surriscaldatosi molto quando lo spagnolo è stato costretto ad accostare la sua i20 a bordo strada.

Rally del Messico - Classifica dopo la PS13

Pos. Pilota/navigatore Vettura Tempo/distacco Penalità
1 Ogier/Ingrassia Toyota Yaris WRC 1.39”54”0  
2 Suninen/Lehtinen Ford Fiesta WRC +22"9  
3 Tanak/Jarveoja Hyundai i20 Coupé WRC +41"6  
4 Evans/Martin Toyota Yaris WRC +43"0  
5 Rovanpera/Halttunen Toyota Yaris WRC +52"8  
6 Greensmith/Edmondson Ford Fiesta WRC +1'56"5  
7 Tidemand/Barth Skoda Fabia R5 Evo +5'39"5  
8 Gryazin/Fedorov Hyundai i20 N.G. R5 +6'28"1  
9 Bulacia/Bernacchini Citroen C3 R5 +7'46"9  
10 Veiby/Amdersson Hyundai i20 N.G. R5 +10'57"1 +1'00"
condivisioni
commenti
Video: l'incendio della Fiesta di Esapekka Lappi in Messico
Articolo precedente

Video: l'incendio della Fiesta di Esapekka Lappi in Messico

Prossimo Articolo

WRC, Rally Messico, PS14: Tanak si avvicina a Suninen

WRC, Rally Messico, PS14: Tanak si avvicina a Suninen
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021