WRC, Rally Messico: a Ogier la prima tappa. Disastro Hyundai

Evans sfrutta le superspeciali per passare Tanak e prendersi la zona podio, ma l'estone è a un passo. Ogier ha 12" di vantaggio su Suninen, primo degli inseguitori. A fuoco la Fiesta di Lappi.

WRC, Rally Messico: a Ogier la prima tappa. Disastro Hyundai

Sébastien Ogier ha chiuso in testa la prima tappa del Rally del Messico, terzo appuntamento di un Mondiale, quello WRC, che è rimasto l'unico a non ascoltare le sirene d'allarme accese ormai da tempo dalla pandemia di Coronavirus. Il pilota francese della Toyota è stato autore della consueta giornata perfetta, priva di grosse sbavature.

Sembra che ormai Ogier sia riuscito a entrare in sintonia con la Yaris, a capirla meglio, dopo le prime due uscite in cui la simbiosi con il mezzo appariva tutt'altro che perfetta. Oggi, invece, Séb ha sfoderato una di quelle giornate che lo hanno reso celebre in passato: veloce, puntuale, mai sopra le righe.

Sebbene sia meritatamente davanti a tutti, il transalpino non potrà dormire sonni tranquilli nella seconda tappa perché Teemu Suninen - primo degli inseguitori - è a 13"2 da lui dopo un'ottima giornata. Il pilota del team M-Sport ha sfruttato molto bene la sua posizione di partenza favorevole trovando un percorso già ben delineato dai passaggi dei piloti che lo hanno preceduto, arrivando così a giocarsela con Ogier.

Bellissima e avvincente la lotta per il terzo posto, che è proseguita per tutta la giornata. Questa si è accesa al momento dello sfortunato ritiro di Thierry Neuville nella PS9, dovuto a un problema elettrico verificatosi sulla sua Hyundai i20 Coupé WRC numero 11. A quel punto Ott Tanak, Kalle Rovanpera ed Elfyn Evans si sono dati battaglia per accaparrarsi la posizione.

Ad aver avuto la meglio è stato proprio Evans nelle ultime superspeciali della giornata, passando Tanak di appena 2 decimi di secondo. Il terzetto in lotta per il podio rimane molto vicino, perché anche Rovanpera si trova a 2"5 dal compagno di squadra. Il giovane finlandese ha dovuto rallentare il suo passo alla mattina dopo una foratura, non avendo più gomme di scorta dopo la sostituzione di quella danneggiata, ma poi si è rifatto nel pomeriggio, firmando tempi di tutto rispetto.

Giornata nera invece per Hyundai Motorsport. Prima Daniel Sordo ha dovuto perdere oltre 5 minuti per cercare di riparare un manicotto del radiatore staccatosi dalla propria sede (forse mal fissato). Lo spagnolo sembrava essere riuscito a sistemare il problema, ma nel pomeriggio si è dovuto fermare di nuovo con il motore surriscaldato. Per lui si tratta di ritiro definitivo, dunque non tornerà in gara nella seconda tappa. Ott Tanak, invece, ha rotto una componente della sospensione posteriore destra dopo aver colpito una roccia nella PS4. L'estone è riuscito comunque ad arrivare al Service di metà giornata pur con un passo non competitivo nelle speciali a cui ha preso parte. Nel pomeriggio, però, con la i20 aggiustata si è ampiamente rifatto. La nota più dolente riguarda però il ritiro di Thierry Neuville, avvenuto al chilometro 9 della PS9 a causa di un guasto elettrico mentre si trovava in terza posizione nella classifica generale e in piena lotta per riprendersi la vetta del Mondiale Piloti.

Chiude la fila delle vetture WRC Plus la seconda e ultima Ford Fiesta del team M-Sport, si tratta di quella affidata a Gus Greensmith, sesto e autore di una buona gara sino a questo momento. Brutte invece le immagini che tutti abbiamo visto al termine della PS7, con la Fiesta di Esapekka Lappi che è andata letteralmente bruciata dopo un principio d'incendio che nessuno - commissari compresi - è stato in grado di domare.

Leggi anche:

Pontus Tidemand è settimo assoluto e leader del WRC2 al volante della prima Skoda Fabia R5 Evo davanti alla Hyundai i20 New Generation R5 di Nikolay Gryazin. Tra i due ci sono 51" in favore dello svedese, dunque al momento la sua posizione è piuttosto salda. Peccato invece per Oliver Solberg, costretto a fermarsi dopo pochi chilometri della PS3 a causa di un guasto sulla sua Volkwagen Polo GTI R5. In testa al WRC3 c'è invece "Marquito" Bulacia al volante della Citroen C3 R5 privata e navigato dall'italiano Giovanni Bernacchini.

Rally del Messico - Classifica dopo la PS12

Pos. Pilota/navigatore Vettura Tempo/distacco
1 Ogier/Ingrassia Toyota Yaris WRC 1.23'09”2
2 Suninen/Lehtinen Ford Fiesta WRC +13"2
3 Evans/Martin Toyota Yaris WRC +33"2
4 Tanak/Jarveoja Hyundai i20 Coupé WRC +33"4
5 Rovanpera/Halttunen Toyota Yaris WRC +35"7
6 Greensmith/Edmondson Ford Fiesta WRC +1'16"8
7 Tidemand/Barth Skoda Fabia R5 Evo +4'16"7
8 Gryazin/Fedorov Hyundai i20 N.G. R5 +5'07"8
9 Bulacia/Bernacchini Citroen C3 R5 +5'54"3
10 Fernandez/Garcia Skoda Fabia R5 Evo +8'39"8
condivisioni
commenti
WRC, Rally Messico, PS9: anche Neuville tradito dalla i20!

Articolo precedente

WRC, Rally Messico, PS9: anche Neuville tradito dalla i20!

Prossimo Articolo

Fotogallery WRC: la prima tappa del Rally del Messico

Fotogallery WRC: la prima tappa del Rally del Messico
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WRC
Evento Rally del Messico
Sotto-evento Giorno 2
Autore Giacomo Rauli
Cosa rappresenta il Rallye Sanremo nella storia dei rally Prime

Cosa rappresenta il Rallye Sanremo nella storia dei rally

Giunto nel 2021 alla 67esima edizione, il Rallye Sanremo fa oggi parte del calendario del Campionato Italiano Rally. Ma la sua storia, anche recente, racconta di un evento celebre ben oltre i confini del Bel Paese. Una gara che tutti i più grandi campioni di rally hanno sognato di vincere.

CIR
8 apr 2021
WRC: cosa comporta la permanenza di Hyundai, Toyota e M-Sport Prime

WRC: cosa comporta la permanenza di Hyundai, Toyota e M-Sport

Hyundai, Toyota e M-Sport Ford hanno firmato un contratto triennale con FIA e promotori WRC per rimanere nel Mondiale Rally. Ecco cosa comporta il contratto e la scelta fatta dai tre team a medio-lungo termine.

WRC
8 apr 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
WRC: Solberg e Rovanpera, le stelle del futuro analizzate da vicino Prime

WRC: Solberg e Rovanpera, le stelle del futuro analizzate da vicino

Terenzio Testoni, Rally Activity manager di Pirelli, ha messo a confronto Kalle Rovanpera e Oliver Solberg, le due nuove stelle del WRC. Il manager sardo conosce bene entrambi grazie agli anni in cui Pirelli ha supportato le carriere di entrambi nel mondo del Rally. Ecco cosa è emerso...

WRC
9 mar 2021
Oliver Solberg: l'esordio strepitoso della futura stella del WRC Prime

Oliver Solberg: l'esordio strepitoso della futura stella del WRC

Analizziamo prova per prova, motivo per motivo, lo straordinario esordio di Oliver Solberg nella classe regina del WRC, avvenuto al volante di una Hyundai i20 Coupé al Rally Arctic Lapland. Il futuro è (anche) suo...

WRC
3 mar 2021
WRC: Le pagelle del Rally Arctic 2021 Prime

WRC: Le pagelle del Rally Arctic 2021

Il WRC 2021 ha affrontato la sua seconda tappa, in Finlandia, nel Rally Arctic. Tante le sorprese, in positivo e in negativo, in attesa del prossimo appuntamento in Croazia. Ecco le pagelle stilate e commentate da Giacomo Rauli e Beatrice Frangione.

WRC
2 mar 2021
WRC: perché nel 2022 arriva l'ibrido, ma non nuove Case? Prime

WRC: perché nel 2022 arriva l'ibrido, ma non nuove Case?

Il nuovo regolamento che introdurrà le vetture Rally1 a partire dal 2022 non è stato posticipato a causa della pandemia da COVID-19. L'ibrido era necessario, ma non ha ancora attirato al WRC alcuna nuova Casa...

WRC
22 feb 2021
WRC: M-Sport con la Puma nel 2022 per avere più supporto da Ford? Prime

WRC: M-Sport con la Puma nel 2022 per avere più supporto da Ford?

Ford Performance è stata coinvolta in prima persona nello sviluppo della nuova vettura per il WRC 2022. Ecco perché M-Sport dovrebbe far correre la Puma: non è solo questione di regolamento.

WRC
19 feb 2021