WRC
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
16 lug
-
19 lug
Postponed
06 ago
-
09 ago
Canceled
03 set
-
06 set
Canceled
G
Rally di Turchia
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
80 giorni
G
Rally di Germania
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
101 giorni
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
115 giorni
29 ott
-
01 nov
Canceled
19 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
136 giorni

WRC: il Rally del Galles Gran Bretagna a rischio cancellazione

condivisioni
commenti
WRC: il Rally del Galles Gran Bretagna a rischio cancellazione
Di:
8 giu 2020, 14:30

Il governo del Galles non vuole riaprire ai turisti e la gara è in bilico. Il WRC 2020 rischia di rimanere con sole 3 gare in calendario e l'eventuale Rally Italia Sardegna ancora da sistemare.

L'elenco dei rally che componevano il calendario 2020 del WRC e che sono stati poi cancellati si è rimpinguato la scorsa settimana con la defezione ufficiale dei Rally di Finlandia e Nuova Zelanda.

Questi si sono aggiunti al Rally del Portogallo e al Rally del Cile, quest'ultimo saltato non a causa della pandemia da COVID-19 ma per disordini dovuti a una vera e propria guerra civile con il popolo in rivolta a causa di alcune decisioni del governo locale ritenute inaccettabili.

Purtroppo, nelle ultime ore, è entrato nel novero delle gare a rischio cancellazione anche il Rally del Galles - Gran Bretagna, a oggi il penultimo evento della stagione 2020 del Mondiale Rally, ultimo per quanto riguarda le gare europee prima della chiusura in Giappone.

Dello stesso autore, leggi anche:

A portare il Rally del Galles - Gran Bretagna sempre più vicino alla cancellazione è il volere del governo locale, che ha fatto sapere di aver intenzione di tenere chiuso il paese ai turisti e agli stranieri anche in autunno.

La gara, prevista dal 29 ottobre al 1 novembre, diventa dunque a rischio. A confermare questa situazione è stato direttamente il primo ministro del Galles, Mark Drakeford.

"Sembra proprio che la fine di questo incubo sia molto lontana. Non ho rinunciato all'idea di poter essere in grado di salvare parte della stagione turistica, anche se non siamo ancora pronti per prendere queste decisioni".

"La miglior prospettiva è essere in grado di consentire alle persone di visitare il Galles in alloggi interamente autonomi, dove i visitatori potrebbero fare l'auto-isolamento qualora fosse necessario. Sarebbe una soluzione per non rappresentare un rischio ulteriore per le altre persone".

Drakeford ha spiegato poi i motivi per cui il Galles dovrebbe rimanere chiuso ancora a lungo, stagione autunnale compresa: "La pandemia da COVID-19 ci ha colpito proprio mentre le giornate si stavano allungando, con un meteo decisamente più favorevole".

"In autunno la situazione sarà opposta. I giorni saranno più corti, saranno più freddi e umidi. A quanto pare al COVID-19 piace molto la condizione che avremo in quel periodo. Per questo non possiamo assolutamente metterci nella posizione di correre rischi extra proprio quando il virus potrebbe essere più pericoloso".

Se la defezione del Rally del Galles - Gran Bretagna dovesse essere tale, allora in calendario rimarrebbero solo 3 gare fissate: il Rally di Turchia, il Rally di Germania e il Rally del Giappone. I promotori e la FIA, a quel punto, potrebbero avere più spazio per inserire il Rally Italia Sardegna, rinviato qualche settimana fa, e il Rally d'Argentina, situazione logistica permettendo.

Il Rally Italia Sardegna potrebbe trovare spazio tra il mese di settembre e quello di ottobre, ma qualora saltasse il Rally del Galles - Gran Bretagna - ci sarebbe uno slot libero e potrebbe essere inserito proprio in sostituzione della gara nel Regno Unito.

Prossimo Articolo
WRC, Ciesla: "Il Rally Italia? Forse a settembre od ottobre"

Articolo precedente

WRC, Ciesla: "Il Rally Italia? Forse a settembre od ottobre"

Prossimo Articolo

WRC: brutto incidente per Neuville nei primi test post COVID-19

WRC: brutto incidente per Neuville nei primi test post COVID-19
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WRC
Autore Giacomo Rauli