WRC, Rally Estonia, PS6: arriva la firma di Neuville

Il belga della Hyundai vince la prova, si difende dagli attacchi di Ogier e riduce lo svantaggio che lo separa dai compagni di squadra che gli sono davanti nella classifica generale. Loubet sbaglia, ma il talento c'è.

WRC, Rally Estonia, PS6: arriva la firma di Neuville

Thierry Neuville non vuole perdere l'occasione di guadagnare punti sui diretti rivali nella lotta al titolo iridato WRC 2020. Nella Prova Speciale 6 del Rally Estonia, la Elva 1 di 11,72 chilometri, il belga ha ottenuto il suo primo scratch di questo fine settimana, allungando su di loro.

Per il 32enne si tratta di una buona notizia, perché questo tempo gli ha permesso non solo di respingere il ritorno di Ogier, ma anche di recuperare qualche secondo sia su Craig Breen che lo precede, che sul leader della corsa Ott Tanak.

Neuville ha fatto sapere a fine prova di non avere in mente di recuperare sull'estone, perché troppo esperto delle strade di casa. Ma qualora riuscisse a guadagnare altri punti pesanti per il Mondiale, sarebbe un bel colpo in ottica del prosieguo del campionato che, lo ricordiamo, prevede altre 3 gare prima della fine.

Kalle Rovanpera continua a far segnare tempi molto interessanti. Il suo secondo crono di speciale lo ha portato a superare il compagno di squadra Takamoto Katsuta e a salire in sesta posizione nella classifica generale. Questo è stato l'unico movimento all'interno di una Top 10 molto ravvicinata.

Non una grande prova per Elfyn Evans. Il gallese della Toyota sembra aver perso lo smalto dei primi mesi dell'anno e, in questa speciale, ha commesso qualche errore di troppo perdendo contatto da Ogier in classifica.

Continua il calvario di Esapekka Lappi, perché in questa speciale il finnico del team M-Sport è arrivato lungo a un bivio, perdendo ulteriori secondi. Errure che ha fatto anche Pierre-Louis Loubet, ma, a suo discapito, c'è da sottolineare che per lui si tratta dell'esordio nel Mondiale al volante di una vettura WRC Plus.

Un peccato l'errore di Loubet, perché sino a pochi chilometri dal traguardo aveva un passo di altissimo livello, che lo manteneva addirittura nei primi 5 intermedi di una prova di una certa rilevanza in quanto a chilometraggio. Per capire se sta nascendo una stella o meno dovremo attendere altre prove e altre gare, eppure i primi segnali dati dal francesino sono più che incoraggianti.

Il giro mattutino di questa giornata termina qui. Tutti i piloti si stanno recando al riordino, poi avranno l'incontro con i media e il Service di metà giornata. Il giro pomeridiano scatterà alle ore 13:37 italiane con la PS7, la Prangli 2 di 20,93 chilometri. Ricordiamo inoltre che da questo pomeriggio l'ordine di partenza delle speciali non seguirà più la classifica generale Piloti, bensì quella dell'evento in corso.

Rally Estonia - Classifica dopo la PS6

  Posizione Pilota/navigatore Vettura Tempo/distacco
1 Tanak/Jarveoja Hyundai i20 Coupé WRC 38'26”8
2 Breen/Nagle Hyundai i20 Coupé WRC +6"8
3 Neuville/Gilsoul Hyundai i20 Coupé WRC +11"1
4 Ogier/Ingrassia Toyota Yaris WRC +15"5
5 Evans/Martin Toyota Yaris WRC +23"1
6 Rovanpera/Halttunen Toyota Yaris WRC +32"3
7 Katsuta/Barritt Toyota Yaris WRC +35"3
8 Lappi/Ferm Ford Fiesta WRC +47"1
9 Suninen/Lahtinen Ford Fiesta WRC +54"0
10 Loubet/Landais Hyundai i20 Coupé WRC +1'18"6
condivisioni
commenti
WRC, Rally Estonia, PS5: Ogier tenta di recuperare e sale quarto
Articolo precedente

WRC, Rally Estonia, PS5: Ogier tenta di recuperare e sale quarto

Prossimo Articolo

WRC, Rally Estonia, PS7-9: Neuville va KO. Ogier torna terzo

WRC, Rally Estonia, PS7-9: Neuville va KO. Ogier torna terzo
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021