WRC, Rally d'Australia cancellato: Hyundai campione Costruttori!

Gli organizzatori del Rally d'Australia hanno cancellato l'evento a causa dei roghi che stanno colpendo lo stato. Hyundai vince il primo titolo Mondiale Costruttori WRC.

WRC, Rally d'Australia cancellato: Hyundai campione Costruttori!

Hyundai Motorsport c'è riuscita. Il team coreano è campione del Mondo Costruttori WRC per la prima volta nella sua giovanissima storia nei rally. Il titolo è sempre stato l'obiettivo primario da quando è rientrata nel Mondiale, ossia nel 2014, ma fino a ora aveva collezionato solo medaglie d'argento e tante vittorie, ma non aveva mai raggiunto l'apice.

Il titolo Costruttori è arrivato di fatto con una gara d'anticipo per via della cancellazione del Rally d'Australia, ultimo appuntamento della stagione 2019. Gli organizzatori dell'evento avevano provato a imbastire una gara di sole 59 miglia, ma la situazione si è rivelata troppo critica per procedere con la gara.

Attualmente il team di Alzenau ha 380 punti contro i 362 della Toyota, Casa campione del Mondo 2018. I 18 punti tra le due sono un margine incolmabile. Il titolo arriva dunque con team e piloti ancora fermi in hotel e al Parco Assistenza di Coffs Harbour, ma ciò non toglie nulla alla strepitosa cavalcata della squadra che da quest'anno è diretta da Andrea Adamo. Perfetta, o comunque la migliore, in scelte e strategie per tutto l'arco della stagione.

4 le vittorie complessive, grazie alle 3 di Thierry Neuville (Argentina, Tour de Corse e Catalogna) e una di Daniel Sordo, arrivata al Rally Italia Sardegna. Dunque 2 in meno di quelle ottenute dalla Toyota. Ma proprio questo dato sottolinea come la gestione dei 3 piloti titolari di gara in gara sia stata spesso oculata.

Oltre a Neuville, accreditato in questo momento di 227 punti totali che lo mantengono in seconda posizione nel Mondiale Piloti (finito nelle mani di Tanak), si sono rivelati fondamentali gli apporti di Andreas Mikkelsen (102 punti), Dani Sordo (89 punti) di Sébastien Loeb (51 punti) e Craig Breen (10 punti). E' chiaro che la somma dei punti - 479 - non sia da prendere in considerazione, perché per ogni evento i piloti che hanno portato a casa il bottino per il Costruttori sono stati i 2 meglio piazzati della classifica finale, ma ognuno dei 5 piloti impiegati ha portato il suo mattoncino per aiutare il team a raggiungere il suo obiettivo.

I piloti sono stati parte della chiave del successo di Hyundai in questo Mondiale, ma un'altra parte decisiva è stato l'approccio che ha portato Andrea Adamo alla squadra. "Cosa manca a Hyundai per vincere? Io al momento ho un'idea molto chiara, ma prima di condividerla con il mondo voglio esserne sicuro e prima capire bene. Credo che forse possa mancare un po' di malizia", aveva detto a Motorsport.com prima che iniziasse questa stagione.

Dagli equipaggi a sua disposizione, a cui si è aggiunto in corso d'opera quello formato da Craig Breen e Paul Nagle, si aspettava tanto e, dal punto di vista del Costruttori, è stato ripagato in pieno. L'obiettivo primario di Hyundai in questa stagione era dichiaratamente il Mondiale Costruttori e questo è finalmente arrivato. La gestione fatta dal team riguardo i piloti è stata precisa, chiara, e funzionale.

Neuville ha corso tutte e 14 le gare, vincendone 3 ma fermandosi ancora una volta a un passo dall'obiettivo del titolo. Va detto che in questa stagione ha raccolto il maggior numero di punti da quando corre nel WRC, ben 227 prima dell'ultima gara, con un solo grave errore (in Cile). Adamo ha poi fatto ruotare perfettamente Sordo, Mikkelsen, Loeb e Breen a seconda delle caratteristiche di questi e delle gare che avrebbero dovuto disputare.

Il risultato è arrivato e per la Casa coreana è un'altra pietra miliare della sua storia che, nel motorsport, di anno in anno si fa sempre più importante. Ma il team ha già mostrato di non sedersi sugli allori ingaggiando il nuovo campione del mondo WRC, Ott Tanak, affiancandolo a Neuville, Sordo e Loeb. Una dichiarazione di intenti che, a ben vedere, fa anche più rumore del Mondiale appena vinto con merito.

condivisioni
commenti
WRC: proposto un percorso del Rally d'Australia di sole 59 miglia

Articolo precedente

WRC: proposto un percorso del Rally d'Australia di sole 59 miglia

Prossimo Articolo

WRC, Australia in fiamme: i team aiutano le persone colpite

WRC, Australia in fiamme: i team aiutano le persone colpite
Carica commenti
Pagelle WRC: Ogier bocciato, manca la zampata del campione Prime

Pagelle WRC: Ogier bocciato, manca la zampata del campione

Il Rally di Finlandia ha riaperto un mondiale che sembrava già chiuso. Merito del "ritorno" di Evans; mentre chi avrebbe dovuto tirare la zampata finale, come Ogier, porta a casa una prova totalmente incolore. Ecco le pagelle della tappa finlandese di Motorsport.com con Giacomo Rauli e Beatrice Frangione.

WRC
5 ott 2021
Pagelle WRC: In Grecia Rovanpera perfetto, Hyundai per...niente Prime

Pagelle WRC: In Grecia Rovanpera perfetto, Hyundai per...niente

Se da un parte il Rally dell'Acropoli ha regalato a Kalle Rovanpera la seconda - e strepitosa - vittoria in carriera, dall'altra ha generato una contrapposizione di emozioni: con Hyundai in difficoltà, Ogier conquista un bronzo che vale oro. Ecco le pagelle stilate e commentate da Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
15 set 2021
Ora è Hyundai il riferimento prestazionale del WRC Prime

Ora è Hyundai il riferimento prestazionale del WRC

Toyota e Ogier dominano le classifiche Mondiali del WRC, ma i dati che abbiamo in mano devono essere interpretati. Ecco perché Hyundai non ha solo recuperato il gap prestazionale dalla Casa giapponese, ma l'ha addirittura superata.

WRC
18 ago 2021
Pagelle WRC Belgio: Neuville perfetto, Ogier irriconoscibile Prime

Pagelle WRC Belgio: Neuville perfetto, Ogier irriconoscibile

Andiamo a dare i voti alla tappa belga del Mondiale WRC in compagnia di Giacomo Rauli e Beatrice Frangione. Thierry Neuville ritrova la vittoria sul suolo di casa, un successo che al portacolori Hyundai mancava dal Rally di. onte Carlo 2020. Ogier, invece, conquista un'insufficienza...

WRC
17 ago 2021
WRC 2022: il cooling dell'ibrido aiuterà il recupero di downforce Prime

WRC 2022: il cooling dell'ibrido aiuterà il recupero di downforce

Le vetture Rally1 ibride 2022 non avranno più il diffusore e saranno meno raffinate dal punto di vista aerodinamico. I team lavorano per recuperare carico al posteriore sfruttando il raffreddamento delle batterie del motore elettrico da 100 kW. Ecco come.

WRC
12 ago 2021
WRC, mercato piloti 2022: tutti i dubbi di Toyota e M-Sport Prime

WRC, mercato piloti 2022: tutti i dubbi di Toyota e M-Sport

Giunti a metà stagione 2021, facciamo il punto sul mercato piloti per la stagione WRC 2022. Solo Hyundai si è assicurata top driver. Toyota attende le mosse future di Ogier, M-Sport le occasioni migliori.

WRC
24 lug 2021
WRC: Rovanpera fa la storia, ma ora arriva la parte difficile Prime

WRC: Rovanpera fa la storia, ma ora arriva la parte difficile

Al Rally Estonia Kalle Rovanpera è diventato il pilota più giovane ad aver vinto un rally Mondiale, togliendo il record al suo attuale team principal Jari-Matti Latvala. Ora, per il finnico, arriva la parte difficile: confermarsi e migliorare ancora.

WRC
21 lug 2021
Pagelle WRC: In Estonia Tanak padrone di casa senza chiavi Prime

Pagelle WRC: In Estonia Tanak padrone di casa senza chiavi

Il Rally Estonia ha regalato tanti promossi, tanti bocciati e...tante sorprese. Le pagelle stilate e commentate da Giacomo Rauli e Beatrice Frangione.

WRC
20 lug 2021