WRC: presentato il team Hyundai 2020. L'obiettivo è vincere tutto

Livrea immutata quella della i20 Coupé, che però ha il terminale di scarico in mezzo al paraurti posteriore, poco sopra il diffusore. Presentato ufficialmente anche Ott Tanak.

WRC: presentato il team Hyundai 2020. L'obiettivo è vincere tutto

Per vincere il primo titolo nel WRC, Hyundai Motorsport ha dovuto attendere 6 stagioni. Ora, però, non vuole più smettere. Oggi è stato presentato ufficialmente il team di Alzenau che correrà nel Mondiale Rally 2020 con una line up ritoccata poco, ma in maniera molto significativa.

Ott Tanak è il pezzo pregiato del lavoro fatto sotto traccia dai vertici del team nella seconda parte del 2019, quando hanno convinto il campione del mondo in carica a lasciare la Toyota e a unirsi a una squadra già formata da piloti di grande successo e capaci di vincere su tutti i terreni.

Ai cancelletti di partenza Hyundai sembra arrivare da favorita, con Tanak che va ad aggiungersi al vice campione del mondo Thierry Neuville, a un Dani Sordo mai così forte e convincente come nel 2019 e a un'autentica leggenda come Sébastien Loeb.

Leggi anche:

Tutto questo con un solo e preciso obiettivo: confermarsi campioni nel Costruttori anche nel 2020, ma anche lottare finalmente per il titolo Piloti. Ed è normale che sia così, considerando che Hyundai è riuscita a mettere assieme nello stesso team i primi due piloti del Mondiale 2019.

Dunque Hyundai non si nasconde più. Il tempo della costruzione è finito. Ora è arrivato il momento di raccogliere quanto seminato in questi anni e fare incetta di tutto quello che il WRC mette a disposizione a team e piloti.

"Abbiamo avuto un 2019 di alto livello, anche grazie al primo titolo che abbiamo ottenuto nel WRC", ha dicharato il presidente Scott Noh. "E' un traguardo per noi molto bello e significativo e qualcosa su cui lavoravamo da tempo. Nel 2020, però, speriamo di lottare per portare a casa entrambi i titoli, lottando per il successo in ogni gara. Crediamo di avere un potenziale molto alto anche grazie ai nostri equipaggi".

Sulla stessa onda è Andrea Adamo, team director di Hyundai ormai da un anno: "Abbiamo una delle line up più forti del WRC. E' un riflesso della reputazione di Hyundai nel Motorsport e nel mondo. Siamo stati in grado di attrarre talenti di calibro incredibile".

Il team Hyundai Motorsport si presenterà all'avvio del WRC 2020, previsto il 23 gennaio al Rallye Monte-Carlo, con Thierry Neuville e Nicolas Gilsoul, Ott Tanak e Martin Jarveoja, Sébastien Loeb e Daniel Elena come i 3 equipaggi titolari. Ricordiamo che Loeb e Sordo si alterneranno per tutta la stagione al volante della terza Hyundai i20 Coupé WRC.

Leggi anche:

Così come la Toyota Yaris, anche la Hyundai i20 Coupé WRC Plus si presenta con una livrea molto simile a quella utilizzata l'anno passato. Segno di continuità, che però non nasconde del tutto le poche - ma evidenti - novità.

Il team aveva provato nei test invernali un nuovo airscope, più piatto e largo rispetto a quello usato fino al Rally di Catalogna nel 2019, ma anche una nuova posizione del terminale di scarico. Questa soluzione è stata promossa dai piloti e dal team, perché la i20, presenterà proprio la nuova soluzione sin dal Rallye Monte-Carlo che si terrà dal 23 al 26 di gennaio.

Hyundai i20 Coupe WRC
Hyundai i20 Coupe WRC
1/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Hyundai i20 Coupe WRC
Hyundai i20 Coupe WRC
2/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Hyundai i20 Coupe WRC
Hyundai i20 Coupe WRC
3/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Hyundai i20 Coupe WRC
Hyundai i20 Coupe WRC
4/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Ott Tänak, Martin Järveoja, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC
5/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Ott Tänak, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC
Ott Tänak, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC
6/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Hyundai i20 Coupe WRC
Hyundai i20 Coupe WRC
7/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
8/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Nicolas Gilsoul, Hyundai Motorsport
Nicolas Gilsoul, Hyundai Motorsport
9/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Ott Tanak, Hyundai Motorsport
Ott Tanak, Hyundai Motorsport
10/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Martin Jarveoja, Hyundai Motorsport
Martin Jarveoja, Hyundai Motorsport
11/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Daniel Elena, Hyundai Motorsport
Daniel Elena, Hyundai Motorsport
12/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Carlos del Barrio, Hyundai Motorsport
Carlos del Barrio, Hyundai Motorsport
13/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Sebastien Loeb, Hyundai Motorsport
Sebastien Loeb, Hyundai Motorsport
14/15

Foto di: Hyundai Motorsport

Dani Sordo, Hyundai Motorsport
Dani Sordo, Hyundai Motorsport
15/15

Foto di: Hyundai Motorsport

condivisioni
commenti
WRC, Tanak: "Con Neuville ci sarà sana rivalità nelle speciali"
Articolo precedente

WRC, Tanak: "Con Neuville ci sarà sana rivalità nelle speciali"

Prossimo Articolo

WRC: Pirelli avrà un test team per preparare le gomme 2021

WRC: Pirelli avrà un test team per preparare le gomme 2021
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021