Kubica: "Nessun pronostico, ma spero di fare bene"

Robert racconta del rapporto speciale con la sua gara di casa, in cui la Fiesta potrebbe denotare pro e contro

Kubica: "Nessun pronostico, ma spero di fare bene"

Ci siamo. Poco prima di salire in macchina per la mia gara di casa vi racconto la vigilia di un weekend che inevitabilmente per me ha un sapore molto speciale. Da quando nel 1998 mi trasferii all’estero per cimentarmi nel karting europeo, non ho avuto tante occasioni per correre nella mia nazione, davanti ai tanti appassionati che mi supportano. Questo rally per la Polonia è un vero e proprio evento, con un grandissimo seguito confermato anno dopo anno. C’è molta passione per i rally da queste parti, ed ovviamente avere in calendario una prova del WRC rappresenta per tanti tifosi l’evento dell’anno. E lo è anche per i diversi equipaggi polacchi chi vi partecipano, a conferma di un movimento nazionale molto nutrito che si cimenta in questa disciplina. 

UN RALLY MOLTO VELOCE E INSIDIOSO
Il rally di Polonia è una gara che ormai ha una lunga tradizione. E’ un rally particolare e su tutti c’è un aspetto che rende questa gara molto caratteristica: la velocità. Il percorso presenta molte curve, ma la velocità a cui le si percorre è molto maggiore rispetto al solito. Magari si lavora meno di sterzo, ma ci vuole una grande attenzione perché basta la minima sbavatura per avere danni seri. La strada scorre veloce, bisogna avere un ottimo feeling con la vettura per cercare di mantenere una buona velocità di percorrenza. Il chilometraggio è di oltre trecento chilometri, ma la media molto elevata lo trasforma di fatto in un rally “sprint”. Il tempo che si passa in macchina è parecchio minore rispetto alle quindici o sedici ore di una giornata media del rally di Sardegna. Tra le insidie, oltre alla velocità, c’è anche il fondo. In passato era sabbioso, ultimamente gli organizzatori hanno scelto strade più “dure”, quindi le sollecitazioni meccaniche sono elevate. C’è poi la variabile climatica. Di solito è un rally freddo, ma quest’anno sembra che avremo anche delle punti di trenta gradi.

LA FIESTA SI COMPORTA BENE NEI TRATTI VELOCI
Vi dico con sincerità che non so a quale risultato è realisticamente possibile puntare questo weekend. Il percorso e le caratteristiche di questo rally premiano la potenza, perché alla fine ci sono allunghi in cui si sta molto tempo con l’acceleratore al massimo. A volte in uscita di curva si apre la tutta “farfalla” e in certi tratti si resta al massimo per oltre un chilometro e mezzo. Questa non è una buona notizia per la mia Fiesta, che paga sempre un po’ rispetto alla concorrenza sul fronte della velocità massima. Ma c’è anche un aspetto positivo: la Fiesta ha una buona guidabilità sul veloce, un comportamento neutro che aiuta la guida in queste condizioni. Questo mi fa ben sperare, almeno sulla possibilità di bilanciare qualche chilometro in meno di velocità. Ma per prima cosa spero di non avere problemi, e di raccontarvi tra qualche giorno l’esito di una gara priva di inconvenienti.

condivisioni
commenti
Meeke fiducioso: "Voglio ancora prendere il via"
Articolo precedente

Meeke fiducioso: "Voglio ancora prendere il via"

Prossimo Articolo

Polonia, PS1: Ogier precede di un soffio Kubica

Polonia, PS1: Ogier precede di un soffio Kubica
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021