Polonia, PS2: Mikkelsen si prende la vetta

Solo Ott Tanak con la Fiesta, secondo, è riuscito a inserirsi tra le tre Volkswagen Polo R WRC. Meeke terzo

Polonia, PS2: Mikkelsen si prende la vetta

Sin dalla prima prova speciale di ieri sera Andreas Mikkelsen ha dato prova di essere partito molto bene nel Rally di Polonia, appuntamento in cui anche l'anno scorso ha dato spettacolo, e questa mattina ha confermato il suo buon stto di forma centrando il miglir crono assoluto nei 13 chilometri che componevano la PS2 di Gorklo, prima prova del secondo giorno di gara.

Il pilota norvegese della Volkswagen ha così fermato il cronometro in 5'57"0, precedendo di due secondi e tre decimi la Ford Fiesta RS preparata dalla M-Sport di Ott Tanak. L'estone è stato molto bravo a sfruttare la propria posizione di partenza e non farsi frenare dai binari che si creano dopo il passaggio di tante vetture nel medesimo punto di corda e a inserirsi tra le tre Volkswagen Polo R ufficiali. 

Terzo un Kris Meeke che ha molto da farsi predonare dopo gli errori di ieri. Ricordiamo che il britannico ha cappottato la propria vettura dopo appena un ottantina di metri dallo start del proprio Shakedown, danneggiando in maniera visibile la sua DS3 WRC. Ieri sera ha invece avuto problemi in partenza durante la Prova Speciale 1 e ha lasciato via libera a Mikkelsen nell'uno contro uno previsto nella stage d'apertura del rally polacco. Quarto tempo per Jari-Matti Latvala, non brillante ieri sera mentre questa mattina è apparso molto più competitivo e veloce.

Dietro Latvala ecco il campione del mondo in carica, Sébastien Ogier, rimasto tra i primi della classifica parziale ma anche di quella generale dopo l'ottima partenza di ieri sera e avendo poi replicato questa mattina con un tempo di tutto rispetto, se si considera che il transalpino ha fatto da apripista a tutto il resto della carovana del WRC per via della sua posizione in classifica. Nono tempo perl'idolo di casa Robert Kubica, staccato da Mikkelsen di sette secondi e quattro decimi, a due secondi e mezzo da Meeke nella classifica generale, trovandosi comunque in quinta posizione. 

In netta difficoltà le Hyundai, con Thierry Neuville a tenere alto il nome della casa coreana centrando l'ottavo tempo davanti al proprio compagno di squara Hayden Paddon. Dani Sordo non ha fatto meglio dell'undicesimo tempo assoluto, dietro a Mads Ostberg.

WRC, Rally di Polonia, 03/07/2015
Classifica dopo la PS2 (primi dieci)
1. Andreas Mikkelsen - Volkswagen Polo R WRC - 7'41"
2. Ott Tanak - Ford Fiesta RS WRC - +2"3
3. Sébastien Ogier - Volkswagen Polo R WRC - +2"8
4. Jari-Matti Latvala - Volkswagen Polo R WRC - +4"1
5. Kris Meeke - Citroen DS3 WRC - +5"0
6. Robert Kubica - Ford Fiesta RS WRC - +7"4
7. Elfyn Evans - Ford Fiesta RS WRC - +7"6
8. Thierry Neuville - Hyundai i20 WRC - +8"0
9. Hayden Paddon - Hyundai i20 WRC - +9"0
10. Mads Ostberg - Citroen DS3 WRC - +11"1

condivisioni
commenti
Polonia, PS1: Ogier precede di un soffio Kubica
Articolo precedente

Polonia, PS1: Ogier precede di un soffio Kubica

Prossimo Articolo

Polonia, PS3: Ott Tanak si prende tutto!

Polonia, PS3: Ott Tanak si prende tutto!
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021