WRC: Ogier attacca le gomme, Pirelli risponde per le rime

Il 7 volte iridato punta il dito contro Pirelli accusandola per le 3 forature patite al sabato del Rally Croazia. Pirelli, però, fa notare come in 2 occasioni Sébastian abbia rotto il cerchio. Questo ha causato lo stallonamento delle gomme.

WRC: Ogier attacca le gomme, Pirelli risponde per le rime
Carica lettore audio

Sébastien Ogier ha vinto il Rally Croazia, secondo successo della sua stagione dopo quello arrivato al Rallye Monte-Carlo a fine gennaio, e si è portato in testa alla classifica Piloti del WRC. Eppure nel corso dell'ultimo evento ha sfogato la sua frustrazione al sabato pomeriggio, puntando il dito contro Pirelli.

Ogier, a fine seconda giornata di gara, ha sottolineato di aver avuto 3 forature e di essere stato fortunato ad avere con sé 2 gomme di scorta nel giro pomeridiano, altrimenti non sarebbe riuscito a concludere il giro e sarebbe stato costretto al ritiro.

"Sabato ho avuto 3 forature, 2 nel pomeriggio e sono davvero contento di aver avuto 2 gomme di scorta con me. Onestamente sono un po' irritato per quanto riguarda questo aspetto. Già dopo il Rallye Monte-Carlo avevo detto che c'era del lavoro da fare sulle gomme. Oggi ho avuto 3 forature ed è davvero troppo senza aver urtato niente", ha affermato a fine giornata Ogier.

Motorsport.com ha avuto modo di intervistare Terenzio Testoni, rally activity manager di Pirelli, il quale ha dato una visione differente dei fatti rispetto a quella di Ogier. Stando a quanto affermato dal manager sardo, ma anche alle immagini a supporto delle sue affermazioni, Ogier avrebbe forato una sola volta, mentre le altre 2 volte si sarebbe trattato di gomme stallonate a causa della rottura di un cerchio in seguito a urti contro oggetti esterni alla vettura, probabilmente cordoli.

"Per Pirelli il Rally Croazia è stato positivo. E' stato molto più aggressivo del previsto, non lo avevamo mai fatto. L'asfalto è stato davvero molto più aggressivo di quanto ci aspettassimo. Nonostante questo le gomme hanno resistito bene a questo stress non previsto sia in termini di usura, che è stata costante, che in termini di temperature. Una delle cose che mi ha stupito di più in questa gara è che abbiamo visto più cerchi danneggiati che gomme forate. Perciò c'è stato un cimitero di cerchi, più che altro".

"Siamo stati sorpresi dall'asfalto, ed è anche per questo motivo che le gomme Hard si sono comportate meglio rispetto alle Soft anche in termini di prestazioni. Basta guardare i video per rendersi conto della porosità dell'asfalto, la conformazione della prova. Nello studio delle prove abbiamo visto quanto le prove fossero sconnesse e piene di tanti tagli. E questo sappiamo che sono pericolosi per le forature. Nonostante questo le gomme hanno risposto in maniera positiva. Alla fine, come dicevo, abbiamo visto tanti cerchi piegati a ogni giro".

"Per fare un esempio le tre forature di Ogier, che lui ha giustamente fatto presente, due di queste erano dovute al danneggiamento dei cerchi. Questi erano sfondati...", ha tenuto a sottolineare Testoni.

"Dovrebbero guardare i cerchi. O Séb è sordo e non sente i colpi. Nel pomeriggio di sabato, se si guarda la camera car di Ogier, ci sono le registrazioni, a un certo punto si sente un colpo impressionante. Andate a riguardarvi l'ultima prova di sabato. Séb prende una gran botta ed è lì dove ha forato. E' strano che non abbia sentito... Séb ha sfondato 2 cerchi. Nella terza foratura, il cerchio è leggermente danneggiato, così come la gomma. Abbiamo visto cose simili anche con Neuville, Loubet. Per quello parlo di cimitero di cerchi. Secondo me i team dovranno guardare i cerchi".

condivisioni
commenti
WRC: M-Sport schiera Fourmaux anche al Rally Portogallo
Articolo precedente

WRC: M-Sport schiera Fourmaux anche al Rally Portogallo

Prossimo Articolo

WRC: con Fourmaux M-Sport ha trovato ciò che sta cercando?

WRC: con Fourmaux M-Sport ha trovato ciò che sta cercando?
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021