WRC | Nuova Zelanda, PS11-13: Rovanpera chiude in testa. Katsuta KO

Kalle Rovanpera ha preso il largo e si invola verso il successo al Rally Nuova Zelanda seguito dal compagno di squadra Sébastien Ogier. Nulla da fare per Hyundai, terza e quarta con Tanak e Neuville. Katsuta esce di strada e si ritira.

WRC | Nuova Zelanda, PS11-13: Rovanpera chiude in testa. Katsuta KO
Carica lettore audio

Il giro pomeridiano del sabato al Rally Nuova Zelanda ha dato un'impronta chiara, forse definitiva alla classifica generale del terzultimo evento del WRC 2022 e, di conseguenza, anche a quella Mondiale Piloti e Costruttori.

Dopo un giro mattutino in cui abbiamo dovuto prendere nota dei ritiri di Elfyn Evans - il gallese era in testa dopo le penalità comminate a Ott Tanak, Thierry Neuville e Kalle Rovanpera - e Gus Greensmith, le tre speciali del pomeriggio hanno incoronato il leader del Mondiale.

Rovanpera si è imposto nella PS11, la Kaipara Hills 2 di 15,83 chilometri e nella PS12, la Puhoi 2 di 22,50 chilometri, facendo una differenza netta sia su Sébastien Ogier che Ott Tanak. Nell'ultima prova, quella più corta di giornata, è stato Craig Breen a firmare il miglior tempo, ma è stato ininfluente considerato il ritiro di ieri.

A questo punto Rovanpera potrà gestire un vantaggio di quasi 30 secondi sul primo dei rivali, Sébastien Ogier, il quale si guarderà bene dall'attaccarlo. Anzi, il francese cercherà di portare a casa la seconda posizione per aiutare Toyota Racing a mettere in cassaforte il secondo titolo iridato Costruttori consecutivo.

Se le Toyota hanno dominato il pomeriggio, Hyundai Motorsport si lecca le ferite. I due guasti tecnici che hanno rallentato sia Tanak che Neuville hanno dato il via libera alle Yaris. L'estone, unico rivale di Rovanpera e Ogier in questo fine settimana, ora ha 46"4 di ritardo dalla vetta, contando anche la seconda penalità inflitta a lui e ai suoi compagni di squadra dai commissari di gara per aver superato nuovamente la soglia di potenza massima (240 kJ) dell'ibrido nel corso di una speciale.

Il passo, per le i20 N Rally1, non è sufficiente a contrastare le vetture giapponesi e su questo il team sarà chiamato a lavorare sodo: se in alcune condizioni le 4 ruote motrici coreane sembrano aver recuperato terreno, in altri non è così. Per di più, proprio quando sembravano superati, sono tornati prepotentemente alla ribalta i problemi d'affidabilità: basti pensare al guasto al cambio che ha rallentato Neuville per tutta la mattinata.

Proprio il belga è salito ai piedi del podio, in quarta posizione, ma lontano da esso. Tanak ha un margine di 55", troppi per essere colmati in appena 4 prove speciali, quelle che termineranno l'evento stanotte. Quinto posto per Oliver Solberg. Anche lui, addirittura più di Neuville, è staccato dal leader di oltre 3 minuti e mezzo.

L'ultima vettura Rally1 in gara è quella di Lorenzo Bertelli. L'italiano, gentleman driver, si trova al settimo posto assoluto nella gara in cui sta imparando a conoscere la Ford Puma Rally1 e le speciali del Rally Nuova Zelanda.

Il giro pomeridiano non ha risparmiato altre sorprese: Takamoto Katsuta è stato costretto a ritirarsi dopo essere uscito di strada. Il giapponese è scivolato verso l'esterno dopo essere entrato in una curva sinistrorsa ed è finito contro gli alberi. Per lui si tratta del primo ritiro stagionale: sino a ora aveva concluso tutti i rally disputati quest'anno e lo aveva fatto sempre finendo a punti, all'interno della Top 10.

Nel WRC2 continua il dominio assoluto del padrone di casa, Hayden Paddon, il quale non solo è in testa alla classifica di categoria, ma è anche sesto assoluto nella classifica generale. Il neozelandese ha un margine di oltre 2 minuti sul primo degli inseguitori, il polacco Kajetan Kajetanowcz.

Anche nell’ultima gara su sterrato della stagione -  ha commentato Terenzio Testoni Rally Activity Manager di Pirelli –  le Scorpion a mescola morbida stanno confermando lo loro assoluta affidabilità e prestazionalità in tutte le condizioni di gara, dal fesh-fesh del Kenia alla pioggia torrenziale della Nuova Zelanda, assicurando uno svolgimento sereno e regolare di questo avvincente campionato. Vediamo cosa accadrà domani che, almeno in teoria, si preannuncia come la più tranquilla del rally, benché le bed-rocks della Whitford Forest non vanno sottovalutati”.   

La seconda tappa del Rally Nuova Zelanda termina qui. Il rally riprenderà stanotte con la Prova Speciale 14, la Whitford Forest - Te Maraunga Waiho 1 di 8,82 chilometri. La prima vettura entrerà in speciale alle ore 23:32 italiane.

Rally Nuova Zelanda 2022 - Classifica generale dopo la PS13

Pos. Pilota/navigatore Vettura Tempo/distacco Penalità
1 Rovanpera/Halttunen Toyota GR Yaris Rally1 2h28'26”3 +5"0
2 Ogier/Veillas Toyota GR Yaris Rally1 +29"0 +10"0
3 Tanak/Jarveoja Hyundai i20 N Rally1 +46"4 +15"0
4 Neuville/Wydaeghe Hyundai i20 N Rally1 +1'41"4 +15"0
5 Solberg/Edmondson Hyundai i20 N Rally1 +3'34"9 +10"0
6 Paddon/Kennard Hyundai i20 N Rally2 +8'51"0  
7 Bertelli/Granai Ford Puma Rally1 +9'18"3  
8 Kajetanowicz/Szczepaniak Skoda Fabia Rally2 Evo +10'55"7  
9 Van Gisbergen/Weston Skoda Fabia R5 +12'00"4  
10 Bates/McCarthy Skoda Fabia Rally2 Evo +15'23"7  
condivisioni
commenti
WRC | Nuova Zelanda, PS10 cancellata: brutto incidente di Greensmith
Articolo precedente

WRC | Nuova Zelanda, PS10 cancellata: brutto incidente di Greensmith

Prossimo Articolo

WRC | Nuova Zelanda, PS14: Rovanpera riparte forte

WRC | Nuova Zelanda, PS14: Rovanpera riparte forte