WRC, Neuville lascia Gilsoul: Wjdaeghe nuovo navigatore

Thierry Neuville ha annunciato questa mattina di aver cambiato navigatore. Martijn Wydaeghe prenderà il posto di Nicolas Gilsoul a partire dal Rallye Monte-Carlo 2021. Si interrompe così un sodalizio che durava da 10 anni.

WRC, Neuville lascia Gilsoul: Wjdaeghe nuovo navigatore

Un fulmine a ciel - apparentemente - sereno sconvolge le certezze di uno dei due equipaggi di punta di Hyundai Motorsport, a pochi giorni dall'avvio del Rallye Monte-Carlo 2021 previsto dal 21 al 24 gennaio e confermato nel tardo pomeriggio di ieri dopo le ultime decisioni prese dal governo francese per tamponare la curva di contagi da COVID-19 e decessi per COVID-19.

Thierry Neuville ha annunciato questa mattina di aver cambiato navigatore a 6 giorni dal via del Rallye Monte-Carlo, prologo del WRC 2021. Una decisione che spiazza tutti e per più motivi.

Neuville e Gilsoul sembravano essere pronti per dare assieme la caccia a quel titolo che inseguono ormai da 10 anni nel WRC e che è spesso sfuggito per un'inezia. Gilsoul ha anche preso parte ai video di lancio della stagione 2021 di Hyundai Motorsport e anche alle foto ufficiali con la tuta che avrebbe dovuto indossare questa stagione. Ma così non sarà.

Con un breve comunicato apparso poco fa sulle proprie pagine principali dei social network, Neuville ha annunciato la separazione sportiva da Gilsoul e il nome del nuovo navigatore con cui correrà a partire da questa stagione.

"Alcuni cambiamenti davanti a me. Inizierò la stagione con Martijn Wydaeghe come navigatore. Voglio ringraziare Nicolas Gilsoul per i 10 anni che abbiamo passato assieme e per i bellissimi ricordi".

Un comunicato breve, scarno, che non lascia trasparire nulla. Dopo 10 anni e 13 vittorie ottenute assieme nel WRC, sarebbe stato lecito attendersi un messaggio di tipo differente da parte del 32enne belga. Nicolas Gilsoul, qualche ora dopo l'annuncio di Neuville, ha replicato facendo capire chi abbia compiuto la scelta: "Questa è una sua scelta ( di Neuville, ndr). Abbiamo vissuto assieme avventure meravigliose e ne vivremo ancora, sfortunatamente ognuno sulla propria strada".

Questa separazione lascia tanti appassionati con l'amaro in bocca. I due, per 10 anni, hanno dato la caccia assieme al titolo iridato che, però, non è arrivato. Avrebbero potuto riprovarci nel 2021, ma così non sarà. Restano così i ricordi di un equipaggio che assieme ha comunque ottenuto risultati eccellenti, al di là di quel titolo sempre cercato ma mai arrivato.

Neuville-Gilsoul in numeri

13 i successi ottenuti assieme che pongono Thierry al 16esimo posto assoluto nella classifica all time del WRC e Nicolas al 14esimo in quella copiloti: il primo al Rally di Germania nel 2014, primo anno del ritorno di Hyundai nel Mondiale, dopo un capottamento spettacolare nelle vigne avvenuto nel corso dello Shakedown. Poi altri 12 successi di cui l'ultimo arrivato proprio 12 mesi or sono al Rallye Monte-Carlo. Forse la loro vittoria più bella e prestigiosa, senza dimenticare i successi ottenuti al Tour de Corse, ma anche la doppia vittoria al Rally Italia Sardegna.

245 le prove speciali vinte da Neuville con Gilsoul in 117 gare nel Mondiale Rally. 9 gli anni passati dal primo scratch, arrivato nel 2012 al Rally del Messico, mentre l'ultimo assieme lo hanno firmato al Rally Italia Sardegna 2020, la Sassari-Argentiera 1. 1.307 punti complessivi totalizzati (Neuville 4° assoluto di sempre). 43 i podi, con Neuville al 14esimo posto assoluto nella speciale classifica e Gilsoul al decimo in quella dedicata ai navigatori. Nella classifica dedicata ai piloti più vincenti nelle Power Stage, Neuville e Gilsoul sono al terzo posto con 15 centri, mentre sono al secondo per punti totalizzati nelle ultime prove speciali a 159 punti, dietro ai soli Sébastien Ogier e Julien Ingrassia.

Oltre ai numeri, i due hanno lasciato una lunga serie di ricordi in questi 10 anni nei loro tifosi e, più in generale, negli appassionati dei rally. Ora, però, per Neuville sarà il tempo di prepararsi a una nuova sfida. Le ricognizioni per il Rallye Monte-Carlo incombono e il belga, assieme a Martijn Wydaeghe, dovranno trovare rapidamente un'intesa che possa permettere loro di inziare la stagione subito da protagonisti.

Martijn Wydaeghe, nato il primo settembre 1992, ha alle spalle appena 77 rally (è più giovane di 10 anni esatti rispetto a Gilsoul) e una sola vittoria in tutte le competizioni a cui ha partecipato. Un'inversione di tendenza notevole per Neuville che, per altro, dovrà dare i suoi frutti in tempi brevi.

condivisioni
commenti
WRC: il Rallye Monte-Carlo si farà. Cancellata l'edizione storica
Articolo precedente

WRC: il Rallye Monte-Carlo si farà. Cancellata l'edizione storica

Prossimo Articolo

WRC 2021: Toyota svela la livrea delle Yaris

WRC 2021: Toyota svela la livrea delle Yaris
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021