WRC | Neuville: "Il telaio della Rally1 ha tanto potenziale"

Nella tre giorni di test piemontese con la Hyundai i20 N Rally1, Neuville ha elogiato il telaio della nuova vettura che esordirà nel WRC 2022 e si aspetta un ulteriore passo avanti dalla prossima evoluzione.

WRC | Neuville: "Il telaio della Rally1 ha tanto potenziale"

Hyundai Motorsport ha terminato poche ore fa un test di tre giorni svolto in Piemonte, nel cuneese, con cui ha simulato un intero rally con la nuova i20 N Rally1 ibrida, la vettura che schiererà a partire dalla prossima stagione di WRC.

Nel corso dei tre giorni di test, il team di Alzenau ha impiegato 3 dei suoi 4 equipaggi ufficiali annunciati per il 2022. Nella prima giornata a portare in speciale la i20 N Rally1 sono stati Ott Tanak e Martin Jarveoja, nel secondo è toccato a Thierry Neuville e Martijn Wydaeghe e, per ultimi, Dani Sordo e Candido Carrera.

Leggi anche:

Uno dei protagonisti del WRC meno inclini ed entusiasti all'introduzione del nuovo regolamento è ormai da tempo Thierry Neuville. Il belga pensa che questo sia un passo indietro in termini di tecnologia rispetto alle attuali vetture WRC Plus, ma al termine della sua giornata di test il suo parere legato alla i20 N Rally1 è parso migliorare in modo significativo.

"In realtà sì, è stata una buona giornata", ha dichiarato il belga a Motorsport.com. "Abbiamo avuto un problema allo sterzo al mattino, un collegamento dallo sterzo, e non potevo riavviare la vettura in quanto non funzionavano i comandi sul volante. Una volta risolto il problema, abbiamo potuto continuare".

"Abbiamo finito il carburante una volta e, a parte questo, nel pomeriggio non abbiamo avuto problemi. Nelle ultime 5 speciali ho dovuto resettare il kit ibrido una volta. E' stato un reset veloce e poi siamo riusciti a tornare in prova".

 

"Abbiamo iniziato presto la giornata e abbiamo terminato piuttosto tardi, ma questo test si è rivelato molto utile a livello di esperienza, specialmente potendo guidare su tre prove speciali diverse in un giorno per capire meglio l'ibrido".

Neuville, recentemente, era stato piuttosto critico anche nei confronti del nuovo sistema di recupero e utilizzo d'energia elettrico, il motore da 100 kW, circa 136 cavalli, posto assieme al pacco batterie sull'assale posteriore delle Rally1. L'oggetto delle sue osservazioni era il modo di utilizzo dell'energia nel corso della speciale.

"E' una Formula E che si guida su strada, come una macchina da rally. In realtà è ancora preso per dire come sarà, ma molte cose non funzionano ancora come dovrebbero per quanto riguarda il sistema ibrido. Ora ottenere un feedback reale è molto difficile".

"Per quello che ho potuto capire sino a ora, servirà un cambio di stile di guida. L'obiettivo è recuperare energia in frenata per scaricare la potenza ibrida in accelerazione. Se non si raggiunge l'obiettivo in frenata, non si può avere l'energia in uscita di curva. Il che rende tutto inconsistente e imprevedibile".

"Allo stesso tempo se si raggiunge l'obiettivo in frenata e si accelera, ma devi alzare il piede dall'acceleratore anche solo un attimo, perdi tutta la potenza a disposizione. E' una cosa piuttosto incoerente", aveva detto recentemente il pilota belga. 

Alla fine del test svolto in Piemonte, la sua visione è mutata leggermente. A renderlo più ottimista, inoltre, c'è la buona risposta del telaio e una versione ulteriore della i20 N Rally1 che, attualmente, è solo un prototipo non ancora omologato.

"Quando guidi sulle stesse strade per tutto il giorno è difficile trovare un buon feeling. Qui abbiamo fatto test su tre prove speciali diverse. Stiamo migliorando riguardo la spinta aggiuntiva derivante dal motore elettrico da 100 kW e nel pomeriggio tutto ha funzionato abbastanza bene. Dunque è stato un buon passo avanti".

"La macchina non è così male. E' un'evoluzione di quella che abbiamo attualmente, per quanto riguarda il telaio. Le lamentele che abbiamo riguardo al telaio che usiamo ora non sono state tutte risolte, e ci sono anche nuovi problemi. Ma le cose principali che chiedevamo fossero risolte, sono state risolte. Posso dire che il telaio ha un sacco di potenziale. Abbiamo ancora un'evoluzione della vettura che deve arrivare. Dovrebbe essere migliore".

condivisioni
commenti
WRC | Breen afferma: "L'ibrido cambierà totalmente questo sport"
Articolo precedente

WRC | Breen afferma: "L'ibrido cambierà totalmente questo sport"

Prossimo Articolo

WRC | Skoda Fabia Rally2 Evo: chiusa la produzione causa COVID

WRC | Skoda Fabia Rally2 Evo: chiusa la produzione causa COVID
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021