WRC: Movisport presente nel 2021 con la Polo di Gryazin

Dopo tre anni di collaborazione, prosegue con sempre più stimoli la collaborazione tra la scuderia reggiana ed il 23enne pilota russo, che rincorrerà il titolo nella categoria iridata riservata ai piloti privati. La vettura prescelta è la Polo GTI R5 del Team SRT, sulla quale sarà affiancato dal copilota Konstantin Aleksandrov.

WRC: Movisport presente nel 2021 con la Polo di Gryazin

Un vero e proprio regalo di Natale, quello che Movisport si è fatta e che comunica con soddisfazione.

La scuderia reggiana ha formalizzato l’iscrizione al Campionato del Mondo Rally 2021 come “Team” per competere nella categoria WRC3, riservata ai piloti privati con vetture di categoria “Rally2” (le attuali R5).

L’iniziativa sarà centralizzata al rinnovo della collaborazione con il pilota russo Nikolay Gryazin, il quale prenderà il via al campionato iridato con una Volkswagen Polo GTI R5 gestita dalla SRT – Sport Racing Technologies – vettura che ha già utilizzato una volta quest’anno al Rallye Recalvi Mariña Lucense, in Galizia (Spagna), l’11/13 dicembre, finito con il successo assoluto.

Ad affiancare il 23enne pilota di Mosca vi sarà Konstantin Aleksandrov, il quale lo affianca dalla scorsa estate e sinora hanno corso insieme otto gare vincendone tre.

Dopo la parentesi 2020 con la Hyundai i20 R5 ufficiale nella categoria WRC2 nella stagione appena conclusa le strade di Gryazin e di SRT compagine lettone abituata a palcoscenici importanti, tornano ad unirsi con una collaborazione ricca di stimoli in un contesto che si annuncia ricco di contenuti, per il 2021.

“Siamo estremamente soddisfatti del progetto che si è concretizzato – dichiara Zelindo Melegari, fondatore nel 1999 di Movisport, della quale è general manager – cercheremo di proseguire al meglio possibile la collaborazione con Gryazin, che ringraziamo di cuore per averci scelto tra una nutrita offerta di Team a livello mondiale. Sarà un’avventura stimolante, entriamo in punta di piedi in un palcoscenico importante che sicuramente ci permetterà di crescere, esperienza che cercheremo poi di mettere a disposizione dei piloti che vorranno “essere dei nostri”.

Nikolay Gryazin è figlio e fratello “d’arte”. Nato a Mosca il 7 ottobre del 1997, suo padre Stanislav era un pilota di rally, campione russo nel 2001, ed anche il fratello Vasilij, è a sua volta pilota di rally e di rallycross. I suoi inizi sono stati nel Campionato Rally in Lettonia, nel 2015 e tre anni più tardi, nel 2018, si impose all’attenzione internazionale finendo secondo nel Campionato Europeo Rally e nel 2019 ha esordito nel mondiale rally, acquisendo il suo primo punto iridato al Rally di Finlandia e terminando la stagione al quarto posto nella classifica WRC-2.

Il 2020 lo ha visto partecipare di nuovo al mondiale WRC2 con la Hyundai i20 R5 ufficiale, concludendo a punti in Messico, settimo assoluto.

condivisioni
commenti
WRC: Dani Sordo ha scelto Borja Rozada come nuovo navigatore
Articolo precedente

WRC: Dani Sordo ha scelto Borja Rozada come nuovo navigatore

Prossimo Articolo

WRC, Isola: "Pirelli è pronta al 2021. Forniremo gomme solide"

WRC, Isola: "Pirelli è pronta al 2021. Forniremo gomme solide"
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021