Max Rendina ci ha provato, ma il Produzione gli sfugge

Il pilota italiano non è riuscito a difendere il titolo iridato conquistato lo scorso anno con la sua Lancer

Con il Wales Rally GB si è conclusa la stagione sportiva del World Rally Championship 2015 per il pilota italiano Max Rendina che quest’anno ha difeso fino all’ultimo chilometro il titolo iridato conquistato nel 2014. Una stagione sportiva che non ha certo regalato nulla al Campione del Mondo WRC2 Production che in più occasioni ha visto la fortuna voltargli le spalle.

Un cappottamento nel Rally del Portogallo, un uscita nell’appuntamento tedesco dell’Adac Rally e la penalità di 12 minuti avuta in Francia hanno segnato inevitabilmente le possibilità di vittoria del tenace pilota romano. Max Rendina ha sempre onorato il suo titolo iridato prendendo parte a tutti gli appuntamenti del WRC a cui poteva partecipare e non si è mai risparmiato andando sempre al limite e da qui i rischi che hanno precluso la riconferma del titolo iridato.

Il rally è con molta probabilità uno degli sport automobilistici più duri ed affascinati al mondo e lo dimostrano i numeri dell’ultima edizione alla quale ha preso parte Max Rendina ed altri 11 equipaggi iscritti al Production Cup. Ben 8 i rally disputati dal tenace Max 33 con un totale di 2.700 chilometri percorsi di prove cronometrate a bordo della Mitsubishi Lancer Evo X gommata Pirelli tra strade innevate, sulla terra e nel fango in giro per il mondo.

Un numero impressionante anche quello dei trasferimenti effettuati da tutto il team della Motorsport Italia con un totale di oltre 10.000 chilometri percorsi per seguire ed assistere l’equipaggio. Dai meno 10° della Finlandia agli oltre 40° del Messico Rendina ha dimostrato in questo Campionato mondiale Rally di essere tra i piloti italiani più competitivi al mondo con un finale di stagione dove ha dato un vero e proprio spettacolo sulle strade del Galles sfidando fino all’ultima prova il pilota andorrano Joan Carchat.

Il commento di Max Rendina al termine del Rally del Galles: "Sono fiero di aver difeso il titolo fino all’ultimo chilometro. Mi sono concentrato dando il massimo e siglando tempi assoluti meritevoli e questo mi rende orgoglioso ed ottimista per il mio futuro agonistico”. Faccio i complimenti a Carchat che è stato sempre veloce e non ha mai mollato un momento".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WRC
Evento Rally del Galles
Piloti Massimiliano Rendina
Team Motorsport Italia
Articolo di tipo Ultime notizie