WRC | M-Sport, la Ford Puma Rally1 è viola e ha i fulmini

M-Sport Ford ha presentato oggi la Ford Puma Rally1 Hybrid EcoBoost all'Hangar 7 di Salisburgo, nella serata in cui è stata presentata la stagione 2022 del WRC.

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
1/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
2/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
3/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
4/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
5/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
6/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
7/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
8/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
9/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
10/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
11/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
12/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
13/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
14/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
15/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
16/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
17/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
18/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
19/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
20/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
21/22

Foto di: Drew Gibson

Livrea Ford Puma Rally1
Livrea Ford Puma Rally1
22/22

Foto di: Drew Gibson

Carica lettore audio

Il WRC ha aperto ufficialmente una nuova era. Lo ha fatto questa sera, all'Hangar 7 della Red Bull che si trova poco fuori Salisburgo e la stessa cosa ha fatto M-Sport. Chiuso il capitolo WRC Plus, esaltante nella parte iniziale e deprimente in quella conclusiva con problemi finanziari dovuti al biennio dorato con Sébastien Ogier e alla pandemia da COVID.

Stasera però si chiude una porta e si apre un nuovo capitolo di una nuova storia, una nuova avventura per tutti con l'introduzione della propulsione ibrida, ma anche nuove vetture. La Ford Fiesta WRC Plus è in un museo che riposa, mentre i veli cadono da chi ne raccoglie l'eredità. Una vettura non solo ibrida nella propulsione, ma anche nella sua essenza.

Mezza Fiesta, mezza Puma. Un ibrido dettato da esigenze di marketing legate al marchio, la Ford che grazie al suo reparto corse ha sviluppato con M-Sport la nuova creatura, ma con tocchi di un altro modello - la Fiesta, appunto - per non penalizzarla considerando i volumi della crossover che tanto sta facendo bene nelle vendite automotive in Europa.

La Puma Rally1 Hybrid EcoBoost è stata la prima vettura di nuova generazione a iniziare i test nell'aprile 2021 con una vettura basata sulla Fiesta. Poche settimane dopo, però, M-Sport ha annunciato che avrebbe utilizzato la Ford Puma come vettura per il prossimo triennio del WRC. Ed è qui che M-Sport Ford ha lavorato per realizzare un collage interessante.

Livrea Ford Puma Rally1

Livrea Ford Puma Rally1

Photo by: Drew Gibson

Corpo della Fiesta, frontale e posteriore della Puma. Ragioni di marketing, prima di tutto. Ma forse anche il compromesso per avere maggiore supporto da Ford Performance, come poi è effettivamente stato per tutto il corso del 2021 nella progettazione e realizzazione della vettura.

Nel corso dei test di sviluppo, proseguiti fino al mese di dicembre compreso, hanno visto mutare la Puma. Gli ultimi aggiornamenti sono arrivati nei test svolti nei giorni scorsi nel sud della Francia, sulle alpi, con l'apparizione di un nuovo splitter anteriore con incorporato un upperflap che si unisce al passaruota. una soluzione molto simile a quella adottata da Toyota, ma ne esiste anche una seconda versione, senza upperflap, ma solo con una paratia verticale che divide i flussi d'aria.

Nel corso del tempo sono state aperte feritoie accanto alla grande bocca centrale che porta aria al motore termico 1.6 turbo da 380 cavalli, direttamente derivato da quello utilizzato sino alla stagione scorsa. Le feritoie laterali sono destinate al raffreddamento dei freni anteriori. Per il raffreddamento di quelli posteriori, invece, M-Sport ha scelto due aperture molto grandi e verticali poco davanti ai passaruota posteriori. Molto interessante il corridoio che si attacca proprio ai passaruota posteriori.

Livrea Ford Puma Rally1

Livrea Ford Puma Rally1

Photo by: Drew Gibson

Una delle principali caratteristiche condivise dalle tre vetture Rally1 sono le grandi prese d'aria sopra i passaruota posteriori. Questi servono a convogliare l'aria verso il pacchetto elettrico composto da motore da 100 kW, inverter e batterie, posto sopra l'assale posteriore delle Rally1. L'aspetto che differenzia però queste feritoie è il posizionamento e la forma scelta dai rispettivi progettisti.

M-Sport Ford ha adottato una soluzione simile a Toyota per ciò che riguarda il posizionamento, ovvero sotto i finestrini laterali (mentre Hyundai le ha incastonate proprio nei montanti di mezzo), ma con una forma che potrebbe essere molto meno penalizzante dal punto di vista del drag (resistenza all'avanzamento). Queste feritoie sono molto meno grandi rispetto a quelle adottate sulla Toyota GR Yaris Rally1 e meglio sagomate, quasi fossero un tutt'uno con la carrozzeria.

Molto interessante la parte posteriore della Puma. L'ala posteriore ha una filosofia ripresa dalla Hyundai i20 N Rally1 anche perché dividono lo stesso progettista Christian Loriaux. Linea molto squadrata, ampi profili verticali per pettinare i vortici e creare carico aerodinamico.

Livrea Ford Puma Rally1

Livrea Ford Puma Rally1

Photo by: Drew Gibson

Nella parte inferiore, invece, ecco un'altra scelta condivisa tra i tre team, ovvero lo sfogo d'aria calda nel fascione posteriore che ha il compito di far defluire in maniera più rapida l'aria dal fondo della vettura e generare così carico aerodinamico. Sulla Puma, poi, lo scarico è posto sul lato destro del corpo vettura come Toyota, mentre Hyundai ha scelto di porlo al centro.

Un altro grande punto di rottura rispetto alle passate stagioni è la livrea. Certo, un aspetto che non può interferire con le prestazioni della vettura, ma certamente ruberà l'occhio ad appassionati e curiosi. Il blu, colore di Ford e M-Sport, è rimasto, ma in piccola parte. Ora il grande protagonista è il viola, attraversato da fulmini per dare la chiara idea della presenza della presenza del motore elettrico, così come di tutte le sue componenti (inverter e pacco batterie) che completano la propulsione ibrida. Viola sul muso che sfuma sul blu su tutto il corpo vettura con fulmini e saette che l'attraversano. Spunta poi lo sponsor Red Bull sulle fiancate, così come nel 2021 grazie alla presenza di Adrien Fourmaux e Sébastien Loeb.

Al di là del lato tecnico, M-Sport Ford si presenta con una nuova punta di diamante. Craig Breen è stato ingaggiato dopo 2 annate molto positive part-time con Hyundai Motorsport. Per la prima volta in carriera, all'età di 30 anni, avrà l'opportunità di essere il pilota di punta di un team che ha la chiara intenzione di lottare per i titoli iridati.

Sarà il nord-irlandese a essere anche il più esperto, perché accanto avrà i confermati Gus Greensmith e Adrien Fourmaux per tutta la stagione. A Monte-Carlo ci sarà poi la guest-star Sébastien Loeb, reduce dall'ottimo secondo posto alla 44esima edizione della Dakar al volante di una Hunter del team Bahrain Raid Xtreme. Il materiale per fare bene sembra esserci. Ora è il tempo di raccogliere quanto seminato. Sin da Monte-Carlo.

Livrea Ford Puma Rally1

Livrea Ford Puma Rally1

Photo by: Drew Gibson

condivisioni
commenti

WRC | Testoni: " Le Rally1? I team avrebbero voluto più tempo..."

WRC | Ecco la Toyota GR Yaris Rally1 ibrida presentata in Austria