WRC: il meteo cambia il Rally Acropoli. Test duro per le gomme

Il meteo, che nei giorni scorsi ha regalato pioggia inattesa, ha reso alcune speciali dell'Acropoli scivolose e piene di fango. Una situazione insolita che metterà a dura prova sia le Pirelli Hard che le Soft.

WRC: il meteo cambia il Rally Acropoli. Test duro per le gomme

Chi si aspettava il solito Rally dell'Acropoli, con un fondo secco, insidioso e polveroso, dovrà rivedere tutto. Il vero, grande protagonista di questa settimana è stato il meteo: la pioggia scesa nel corso degli ultimi giorni ha regalato ai piloti un percorso molto differente dalle attese.

Sin dalle ricognizioni di mercoledì, i piloti hanno potuto verificare le condizioni di alcune speciali, trovate fangose, scivolose e piene di insidie. Non si tratta di una situazione facile, soprattutto dal punto di vista delle gomme.

Pirelli è arrivata in Grecia puntando soprattutto su gomme a mescola dura, le Scorpion KX Hard, perfettamente adatte ai fondi duri e ruvidi degli sterrati greci. Non potevano mancare le Soft, ma ogni pilota dovrà essere molto bravo nel capire quando e dove utilizzarle. Ogni equipaggi ne avrà solo 8, a fronte delle 32 Hard e con tante zone fangose la scelta di quale mescola usare sarà determinante.

La sfida, poi, sarà anche per il gommista, la Pirelli. Le aspettative iniziali parlavano giustamente di mescole Hard messe a dura prova dal fondo. Ora, però, il fango presente ha cambiato in parte lo scenario. Le Soft saranno protagoniste, forse determinanti e sicuramente a loro volta sotto stress.

A rivelarlo è stato Terenzio Testoni, rally activity manager di Pirelli, quando manca davvero poco alla partenza della prima prova speciale del venerdì, la PS2, che scatterà alle ore 09:18 italiane.

"Sarà un fine settimana molto interessante e duro. Troveremo condizioni miste, molto differenti tra loro, con fango inaspettato e superfici scivolose da una parte, ma dall'altra parte anche condizioni più tipiche del Rally dell'Acropoli, con speciali dure e piene di zone ruvide e abrasive".

"L'intero range di gomme che Pirelli ha portato in Grecia, basato sulle solite condizioni che ci aspettavamo qui, andrà incontro a un test molto severo. Sia le Hard che le Soft saranno probabilmente spinte al limite".

I piloti, per la giornata odierna, useranno le gomme scelte ieri pomeriggio per la prima speciale, quella cittadina, svolta nel centro di Atene. Interessante la scelta fatta da Toyota, con i suoi piloti che avranno 5 Hard (dunque una sola gomma di scorta). Un altro punto che potrebbe fare la differenza è legato alla scelta gomme fatta da Thierry Neuville e dai due piloti del team M-Sport: Adrien Fourmaux e Gus Greensmith. I tre hanno optato per 4 Hard e 2 Soft, unici a fare questa scelta. Avranno avuto ragione? Lo scopriremo tra poco.

condivisioni
commenti
WRC, Rally Acropoli, PS1: Ogier al top nella tripletta Toyota
Articolo precedente

WRC, Rally Acropoli, PS1: Ogier al top nella tripletta Toyota

Prossimo Articolo

WRC, Rally Acropoli, PS2: svetta Tanak. Neuville in difficoltà

WRC, Rally Acropoli, PS2: svetta Tanak. Neuville in difficoltà
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021