WRC: il calendario 2020 non arriva, ma c'è la bozza 2021!

9 gli eventi per ora ratificati nella bozza di calendario del 2021. Il nuovo calendario 2020 dovrebbe arrivare entro la fine del mese di giugno.

WRC: il calendario 2020 non arriva, ma c'è la bozza 2021!

Il Consiglio Mondiale del Motorsport riunitosi oggi per la seconda volta nel 2020 ha preso decisioni importanti anche per quanto riguarda il WRC.

In questi giorni è atteso il nuovo calendario 2020, per ratificarlo serviranno ancora un paio di settimane. E' verosimile che questo possa arrivare a fine mese, quando i promotori del WRC saranno riusciti a chiudere le contrattazioni con i promotori di eventi.

Nel frattempo il Consiglio Mondiale ha ratificato la prima bozza del calendario 2021 del WRC. Questa, al momento, prevede 9 eventi. 6 di questi già confermati a fine 2019.

Importante per l'Italia vedere confermato il Rally Italia Sardegna. Va sottolineato come il prossimo anno tornerà il Rally d'Australia, quest'anno assente per fare spazio al Rally di Nuova Zelanda che, però, è stato annullato a causa delle misure sanitarie prese dal governo locale.

Importante anche il rientro del Rally di Spagna, che nel 2020 non era stato inserito nel calendario facendo posto al Rally del Giappone. Come potrete notare, anche il rally che si tiene nella terra del Sol Levante rimarrà in calendario anche la prossima stagione.

Ecco la bozza parziale del calendario 2021

Monte Carlo 1

Asfalto

 

Finlandia

Terra

 

Portogallo

Terra

 

Svezia

Neve

Confermato dal WMSC nel 2019

Kenya

Terra

Confermato dal WMSC nel 2019

Spagna

Asfalto

Confermato dal WMSC nel 2019 1

Italia

Terra

Confermato dal WMSC nel 2019

Giappone

Asfalto

Confermato dal WMSC nel 2019

Australia 2

Terra

Confermato dal WMSC nel 2019 1

1: accordo con i promotori WRC da confermare

2: Stessi promotori, nuova location

Risparmio costi nel 2020

Il Consiglio Mondiale del Motorsport ha anche apportato una serie di regole per facilitare la ripartenza del Mondiale 2020. Queste includono la riduzione di motori da 3 a 2 per vettura se le gare da disputare dovessero essere 8 o anche meno.

Limitazioni anche per quanto riguarda i test: ogni pilota ufficiale avrà un giorno in meno di test per ogni gara europea. I test svolti dovranno servire per ogni gara corrispondente. Queste proposte sono già state approvate dai team che corrono nel WRC 2020, così come previsto dall'articolo 18.2.4 del regolamento sportivo.

condivisioni
commenti
Peter Thul nuovo senior director sport dei promotori WRC
Articolo precedente

Peter Thul nuovo senior director sport dei promotori WRC

Prossimo Articolo

WRC: Hyundai prova aggiornamenti in stile... Citroen!

WRC: Hyundai prova aggiornamenti in stile... Citroen!
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021