WRC: l'ibrido 2022 deriverà da quello WEC LMP1. Pronto nel '21

Compact Dynamics e Kreisel Electric produrranno un motore elettrico da 100 kW e batterie da uno già in uso nel motorsport. Girerà al banco a inizio 2021 e, poco dopo, nei primi test con i team WRC.

WRC: l'ibrido 2022 deriverà da quello WEC LMP1. Pronto nel '21

Il 2022, anno di introduzione del nuovo regolamento tecnico che andrà a ridisegnare le vetture di riferimento del WRC, dista poco meno di 2 anni a livello temporale. In realtà è ormai dietro l'angolo.

I team, oltre a essere al lavoro per continuare lo sviluppo delle WRC Plus - non senza problemi causati dalla pandemia da coronavirus - stanno iniziando a preparare le vetture 2022, che ospiteranno per la prima volta nella storia della serie un motore elettrico facendo così diventare la propulsione ibrida per cercare di non perdere Case costruttrici e, perché no, magari attirarne altre nel corso dei prossimi anni.

Pochi giorni fa la FIA ha annunciato che Compact Dynamics, impresa tedesca leader nei sistemi che, tra gli altri, comprendono i motori elettrici, ha vinto il tender lanciato a dicembre 2019, facendola così diventare la prima fornitrice unica delle componenti ibride per la classe regina del WRC.

Un portavoce di Compact Dynamics ha parlato in esclusiva a Motorsport.com, spiegando il motivo di questa candidatura che ha portato l'azienda tedesca a vincere il tender indetto dalla FIA pochi mesi fa: "Compact Dynamics è un azienda che da anni sviluppa sistemi elettrici, come i motori, e che fornisce parti per il motorsport da ormai 20 anni, fornendo per altro sistemi elettrici a team di F1 (Mercedes), del WEC per prototipi ibridi LMP1 e di FIA Formula E (team Audi)".

"Per questo motivo, avendo un background molto forte ed esperti del settore, nel febbraio di quest'anno abbiamo deciso di concorrere per il tender lanciato dalla FIA per diventare fornitori unici del WRC".

Dello stesso autore, leggi anche:

Compact Dynamics ha fatto sapere che il tender è stato vinto assieme a Kreisel Electric, azienda austriaca partner di quella tedesca che le fornisce le batterie necessarie per il funzionamento della componentistica di propulsione elettrica. Con Kreisel Electric e Shaeffler, Compact Dynamics ha già lavorato ad altri progetti: ad esempio alla Schaeffler 4ePerformance, una show car completamente elettrica da 1.200 cavalli.

La parte elettrica, lo ricordiamo, sarà un motore da 100 kW che fungerà da supporto a quello termico. Questo, stando alle ultime disposizioni del Consiglio Mondiale del Motorsport, manterrà la struttura di quello attuale, dunque dovrebbe rimanere un 1.6 turbo. Tornando al motore elettrico, Compact Dynamics ha fatto sapere a Motorsport.com che questo non sarà progettato da zero. Gli ingegneri non partiranno dal classico foglio bianco, ma sarà basato su un modello già esistente.

La base del nuovo motore ibrido sarà quello prodotto qualche tempo fa per i prototipi LMP1 del WEC. "Il modello iniziale per sviluppare l'ibrido WRC sarà il sistema ibrido pensato per l'assale anteriore dei prototipi LMP1 del WEC". Questo, ci ha fatto sapere Compact Dynamics, è stato fonte di numerosi altri progetti ibridi per altre categorie del motorsport, e ora lo sarà anche per il WRC.

 

I tempi di progettazione e di preparazione dell'ibrido per il WRC non sono ampi. I team avranno bisogno di almeno un anno di prove con le vetture 2022 e queste dovranno essere sviluppate sfruttando il 2021 già equipaggiate del sistema che, per regolamento, saranno costrette a utilizzare dalla stagione seguente.

"Il sistema ibrido per il WRC sarà basato su uno che già abbiamo costruito e che utilizziamo. Il suo sviluppo partirà presto. Il nostro obiettivo è quello di avere il primo sistema al banco prova entro i primi mesi del 2021. Sempre nel 2021 faremo i primi test veri e propri in strada assieme ai team di WRC".

Compact Dynamics inizierà subito a lavorare a stretto contatto con i team e la FIA per arrivare con il materiale pronto all'inizio dell'anno prossimo. Il calendario dei team, sebbene la pandemia da coronavirus abbia letteralmente fermato il WRC, sarà molto concentrato nei prossimi mesi. Per questo motivo il tempo a disposizione per preparare (progettare e realizzare) le componenti ibride sarà poco.

L'obiettivo è di permettere ai team di provare i sistemi sin dalle prime settimane del 2021, per arrivare al 2022 con i motori ibridi sufficientemente collaudati per poter prendere il via del Mondiale e della nuova era del WRC.

Ricordiamo che il motore elettrico da 100 kW sarà utilizzato dagli equipaggi dai passaggi degli stessi in città e villaggi, sfruttando inoltre l'extra potenza garantita nelle Super Special Stage, almeno stando a quanto pubblicato dai documenti ufficiali rilasciati dal Consiglio Mondiale del Motorsport lo scorso 5 dicembre a Parigi.

condivisioni
commenti
WRC, Hyundai: il primo test della vettura 2022 slitta a gennaio
Articolo precedente

WRC, Hyundai: il primo test della vettura 2022 slitta a gennaio

Prossimo Articolo

WRC, Safari Rally: già al vaglio nuove date per il rinvio

WRC, Safari Rally: già al vaglio nuove date per il rinvio
Carica commenti
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021
WRC | Ogier-Ingrassia: cosa lasciano in eredità i migliori Prime

WRC | Ogier-Ingrassia: cosa lasciano in eredità i migliori

Sébastien Ogier e Julien Ingrassia hanno vinto a Monza l'ottavo e ultimo titolo WRC assieme. Ecco qual è la loro eredità, al di là dei titoli, delle vittorie e del loro nome già nell'Olimpo dei più grandi del Motorsport.

WRC
25 nov 2021
Pagelle WRC | 10gier campione, S8lberg, che prestazione! Prime

Pagelle WRC | 10gier campione, S8lberg, che prestazione!

In questo nuovo video di Motorsport.com, Giacomo Rauli e Beatrice Frangione commentano le prestazioni dei protagonisti dell'ACI Rally Monza. Ecco i promossi e i bocciati dell'ultimo appuntamento del mondiale WRC 2021.

WRC
23 nov 2021
WRC, cos'ha messo in pericolo la vittoria di Neuville in Spagna? Prime

WRC, cos'ha messo in pericolo la vittoria di Neuville in Spagna?

Thierry Neuville ha dominato il Rally di Spagna, ma ha rischiato di perdere tutto a causa di un problema verificatosi prima della Power Stage. Ecco di cosa si tratta.

WRC
21 ott 2021
Pagelle WRC: Ogier e Tanak (ancora) dietro la lavagna Prime

Pagelle WRC: Ogier e Tanak (ancora) dietro la lavagna

Dal Rally di Spagna, il mondiale WRC ne esce con tanti promossi, tanti bocciati e... due titoli ancora da assegnare. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano le prestazioni dei protagonisti della tappa spagnola.

WRC
18 ott 2021
Pagelle WRC: Ogier bocciato, manca la zampata del campione Prime

Pagelle WRC: Ogier bocciato, manca la zampata del campione

Il Rally di Finlandia ha riaperto un mondiale che sembrava già chiuso. Merito del "ritorno" di Evans; mentre chi avrebbe dovuto tirare la zampata finale, come Ogier, porta a casa una prova totalmente incolore. Ecco le pagelle della tappa finlandese di Motorsport.com con Giacomo Rauli e Beatrice Frangione.

WRC
5 ott 2021
Pagelle WRC: In Grecia Rovanpera perfetto, Hyundai per...niente Prime

Pagelle WRC: In Grecia Rovanpera perfetto, Hyundai per...niente

Se da un parte il Rally dell'Acropoli ha regalato a Kalle Rovanpera la seconda - e strepitosa - vittoria in carriera, dall'altra ha generato una contrapposizione di emozioni: con Hyundai in difficoltà, Ogier conquista un bronzo che vale oro. Ecco le pagelle stilate e commentate da Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
15 set 2021
Ora è Hyundai il riferimento prestazionale del WRC Prime

Ora è Hyundai il riferimento prestazionale del WRC

Toyota e Ogier dominano le classifiche Mondiali del WRC, ma i dati che abbiamo in mano devono essere interpretati. Ecco perché Hyundai non ha solo recuperato il gap prestazionale dalla Casa giapponese, ma l'ha addirittura superata.

WRC
18 ago 2021