WRC: Evans vince il Rally di Turchia e va in testa al Mondiale!

Evans approfitta delle forature di Neuville, Loeb e Ogier per vincere la seconda gara dell'anno e andare in testa al Mondiale. Ogier ritirato a causa di un guasto al motore, Tanak KO a causa di un guasto allo sterzo.

WRC: Evans vince il Rally di Turchia e va in testa al Mondiale!

Il Rally di Turchia, quinto appuntamento del WRC 2020, regala le emozioni che ogni appassionato sperava di poter provare. Cambi di leadership, forature, colpi di scena, problemi meccanici e idraulici. Da tutto questo, a uscire indenne e vincitore è a sorpresa Elfyn Evans, il quale, oltre a vincere la seconda gara della stagione e la seconda da quando difende i colori di Toyota, è diventato il nuovo leader del Mondiale Rally 2020 quando mancano appena 2 gare al termine della stagione.

Il gallese è stato bravo e fortunato a uscire indenne da forature e guasti che, invece, hanno distrutto più volte le gare dei tre piloti che hanno avuto il passo per vincere questa gara, ovvero Thierry Neuville, Sébastien Ogier e Sébastien Loeb. Evans, infatti, sin dal primo giorno di gara non aveva un ritmo tale da potersi giocare le posizioni del podio.

La fortuna, però, a volte è cieca e ha incrociato la strada di Elfyn, il quale è poi stato molto bravo a gestire la pressione e una furibonda rimonta di Thierry Neuville. Proprio il belga è il grande beffato di questo weekend, Il belga della Hyundai ha concluso la seconda tappa in vetta con 33"2 di vantaggio nei confronto di Ogier e Loeb a 4 speciali dalla fine, ma la PS9 ha distrutto i sogni dei primi 3 tramutandoli in incubo, mentre ha cullato quelli di un Evans esterrefatto per una possibilità unica e inaspettata.

In questo fine settimana sono 2 gli equipaggi beffati alla fine della contesa. Il primo è quello formato da Thierry Neuville e Nicolas Gilsoul. Come già detto, la gaa sembrava essere nelle loro mani dopo 8 speciali perfette. Solo una foratura li ha beffati, ma questa potrebbe aver messo davvero fine alle speranze di titolo mancando ormai solo 2 gare alla fine.

il secondo equipaggio uscito malconcio dal weekend è (era?) quello di punta di Toyota. Sébastien Ogier e Julien Ingrassia sono andati incontro a una serie di sfortune come mai nella loro carriera nel WRC. Prima 2 forature (di cui una nella PS9), un problema idraulico e un guasto al motore che li ha costretti al ritiro nella penultima speciale dell'evento.

In questo modo Ogier e Ingrassia hanno perso la leadership del Mondiale, in una stagione che sembrava averli lanciati verso il settimo iride della loro straordinaria carriera. Merita una menzione speciale Sébastien Loeb, che dopo 9 mesi di assenza è tornato al volante della Hyundai i20 portando a casa un podio importantissimo per le speranze di titolo Costruttori della Casa coreana.

Loeb è stato in lotta con Neuville e Ogier sino alla fine, beffato a sua volta da una foratura nella PS9 che lo ha costretto ad accontentarsi del terzo posto. Questo nulla toglie alla grande prova di un campione senza tempo, coadiuvato dal solito Daniel Elena alle note. Fine settimana da dimenticare anche per Ott Tanak, finito presto fuori dai giochi a causa di un guasto allo sterzo sulla sua i20 Coupé WRC Plus.

Ai piedi del podio troviamo il terzo pilota di Toyota Gazoo Racing, Kalle Rovanpera. Il finnico è stato uno dei piloti colpiti da una foratura nell'ormai celebre PS9. Da quel momento la sua gara è rimasta di fatto congelata, per l'impossibilità di recuperare sui piloti che lo hanno preceduto. La guida di Kalle è in costante crescita, la fiducia al volante di una WRC Plus aumenta e il suo passo mostra che, presto, potrà lottare davvero con i migliori.

Fine settimana duro per M-Sport. Il team di Cockermouth è arrivato a Marmaris con diverse novità sulla Fiesta (sospensioni e trasmissione), ma i piloti hanno faticato e non sono riusciti a entrare in lotta per le posizioni di vertice. Alla fine il miglior risultato lo ha ottenuto Gus Greensmith, quinto.

Il giovane britannico ha sfruttato le numerose defezioni davanti a lui nel corso della gara per portare a casa il miglior risultato della carriera da quando corre nel WRC con una WRC Plus. Esapekka Lappi ha concluso la gara in sesta posizione, come ultimo pilota P1, dopo un fine settimana impalpabile. Anche l'ex pilota di Toyota e Citroen, va detto, non è stato esente da forature che lo hanno rallentato.

A livello di prestazioni il miglior pilota di M-Sport è stato Teemu Suninen, e lo è stato per distacco. Eppure, il finnico è stato costretto al ritiro nella PS9 per aver divelto la sospensione posteriore sinistra della sua Fiesta, proprio quando avrebbe potuto approfittare delle numerose forature occorse ai primi 3 nella stessa speciale. Un peccato.

Pontus Tidemand trionfa nella classe WRC2 al volante di una Skoda Fabia R5 con ampio margine sui rivali. Adrien Fourmaux avrebbe avuto l'opportunità di lottare per la vittoria, ma il suo fine settimana è stato costellato da episodi negativi come una foratura, un problema al motore. Infine, è arrivata anche una penalità di 1 minuto che lo ha relegato in seconda piazza.

Per quanto riguarda invece il WRC3, Kajetan Kajetanowicz trionfa sempre al volante di una Skoda Fabia. Anche in questo caso il polacco ha portato a casa il successo con ampio margine nei confronti del diretto rivale, Marco Bulacia su Citroen C3 R5. Terzo posto finale per il padrone di casa Avci Yagiz, anche lui su Citroen C3 R5.

Rally di Turchia - Classifica finale

  Posizione Pilota/navigatore Vettura Tempo/distacco Penalità
1 Evans/Martin Toyota Yaris WRC 2.43”02”7  
2 Neuville/Gilsoul Hyundai i20 Coupé WRC +35"2  
3 Loeb/Elena Hyundai i20 Coupé WRC +59"4  
4 Rovanpera/Halttunen Toyota Yaris WRC +2'35"9  
5 Greensmith/Edmondson Ford Fiesta WRC +4'08"3  
6 Lappi/Ferm Ford Fiesta WRC +5'36"2  
7 Kajetanowicz/Szczepaniak Skoda Fabia Rally2 Evo +12'35"5  
8 Tidemand/Barth Skoda Fabia Rally2 Evo +12'59"7  
9 Fourmaux/Jamoul Ford Fiesta Rally2 +14'42"6 +1'00"
10 Bulacia/Der Ohannesian Citroen C3 R5 +14'46"4  
condivisioni
commenti
WRC, Rally Turchia, PS11: Ogier si ritira! Evans vede il successo
Articolo precedente

WRC, Rally Turchia, PS11: Ogier si ritira! Evans vede il successo

Prossimo Articolo

Rallylegend: Ari Vatanen si aggiunge alla lista dei Super Big

Rallylegend: Ari Vatanen si aggiunge alla lista dei Super Big
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021