WRC, Evans: "Il bello di Makinen? Ti toglie sempre pressione"

Elfyn si è raccontato a WRC.com, parlando del suo addio a M-Sport e del profondo legame che ha con il suo ex team, ma anche di Toyota, la sua nuova squadra, e dell'ambiente che ha trovato.

WRC, Evans: "Il bello di Makinen? Ti toglie sempre pressione"

"Sono determinato, concentrato e, lasciamo dire, per certi versi egoista". Inizia così il racconto di sé Elfyn Evans, da pochi mesi nuovo pilota del team Toyota Gazoo Racing WRC e ancora fresco vincitore del Rally di Svezia, uno dei tre appuntamenti svolti in questa stagione del Mondiale Rally 2020.

Il gallese, nell'appuntamento podcast su WRC.com, ha raccontato delle sue origini, di come è diventato uno dei migliori piloti del Mondiale a mettere letteralmente le mani sulla propria vettura e riuscire ad aggiustarla anche in situazioni critiche nel corso della gara, anche con l'assenza del Service. Ciò che invece ha amato meno è l'ambiente scolastico, ma non certo l'apprendimento.

"Ho imparato a essere un buon meccanico stando tanto assieme a mio nonno, nella sua fattoria. Ho iniziato a interessarmi a queste cose attorno agli 11 anni. A scuola andavo bene, ma sarei stato anche meglio se mi fossi applicato di più. Mia mamma aveva fatto pressione perché andassi al college, ma la realtà è che l'ambiente non mi piaceva, non ero a mio agio e non pensavo che ciò che stessi studiando mi sarebbe servito a qualcosa. Ho usato qualunque scusa per sfuggire al college".

Per quanto riguarda la sua carriera professionale, Elfyn non ha avuto dubbi nel ricordare il momento in cui si è sentito per la prima volta un pilota professionista, in cui ha iniziato a comportarsi in tal modo non solo all'interno dell'abitacolo, ma anche fuori. "Penso che sia corretto dire che ho iniziato a praticare rally in modo professionale da quando firmai il mio primo contratto con M-Sport nel 2013".

Il momento più bello della carriera, Evans lo sta assaporando proprio ora. Ma, forse, è lecito parlare del momento più bello della vita in senso più generale, senza limitarsi a curiosare nella sua carriera nel motorsport.

"Al momento sono molto felice di essere nel WRC. Il momento più bello da quando corro nel motorsport potrei collocarlo negli ultimi mesi. Da quando posso vincere con regolarità le stage, da quando posso spesso essere nella Top 3. Mi sto godendo questi momenti nel motorsport".

"Con i figli che sono arrivati negli ultimi 2 anni ora il tempo per rilassarsi è davvero poco. Siamo davvero molto impegnati per gran parte del nostro tempo. E' qualcosa di nuovo, di sicuro, ma è qualcosa che mi piace molto, mi dà una dimensione differente quando torno a casa dalle gare".

Inevitabile, poi, il racconto che spiega il suo passaggio da M-Sport a Toyota, da un team semi-privato a uno ufficiale a tutti gli effetti, che nelle ultime 2 stagioni ha portato a casa altrettanti titoli WRC.

"Passare in Toyota e lasciare M-Sport è stata una decisione difficile. Ho lasciato M-Sport dopo diversi anni e sentivo lealtà nei confronti del team. Alla fine ho preso una decisione per vincere e quello è lo scopo del motorsport, non è certo un segreto. Ho scelto Toyota perché ha un progetto molto solido, perché ha persone che lavorano con grande entusiasmo e competenza. Penso sia la soluzione migliore per cercare di raggiungere i miei obiettivi".

"Quando mi hanno contattato è stata una decisione facile, per tutte le ragioni che ho detto poco fa. Ma è stato molto difficile lasciare M-Sport, lo è stato da un punto di vista affettivo. Sono riuscito a farmi amicizie forti nel tempo nel WRC. Tanto in M-Sport, perché abbiamo passato tanto tempo assieme tra gare e test. E' importante rendere tutto più facile in quei momenti".

Evans ha anche sottolineato quello che a suo modo di vedere è un pregio ben definito e importante in Tommi Makinen, ossia il suo capo odierno. E' evidente come Elfyn stia apprezzando l'esperienza di pilota fatta da Makinen - 4 volte iridato WRC, per altro - utile a migliorare il clima in squadra e a fargli affrontare le varie prove senza troppa pressione sulle spalle.

"E' molto bello il clima in Toyota, sono tutti molto motivati. Abbiamo una grande macchina, ma devo dire che la cosa bella di Tommi Makinen è che, probabilmente, ricorda bene la pressione che aveva sulle spalle quando guidava, per cui ora cerca di renderci la vita più facile che si può. E di toglierci più pressione che può. Sa cosa vuol dire vivere diverse situazioni e sa cosa vuol dire avere un ambiente rilassato, positivo".

Evans, classe 1988, andrà per i 32 anni il prossimo 28 dicembre. E' ancora piuttosto giovane, specialmente considerando la categoria in cui sta correndo. Però l'ultima domanda è stata rivolta al suo futuro, una volta che avrà appeso casco e guanti al chiodo.

"Non ho ancora pensato cosa fare una volta finita la mia carriera. Essere a capo di un team di WRC non è una cosa a cui ho pensato, ma, chi lo sa. Mai dire mai. Vedremo quando sarà il momento".

Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
1/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
2/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Yaris WRC
3/37
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Yaris WRC
4/37
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Yaris WRC
5/37
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Yaris WRC
6/37
Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
7/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
8/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
9/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
10/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
11/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
12/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
13/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
14/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
15/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
16/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
17/37

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
18/37

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
19/37

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
20/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
21/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
22/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
23/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
24/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
25/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC con il team
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC con il team
26/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
27/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC con Tommi Makinen, Toyota Gazoo Racing
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC con Tommi Makinen, Toyota Gazoo Racing
28/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
Elfyn Evans, Toyota Gazoo Racing
29/37

Foto di: Toyota Racing

Podio: Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Podio: Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
30/37

Foto di: Toyota Racing

Podio: Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC, Kalle Rovanperä, Jonne Halttunen, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Podio: Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC, Kalle Rovanperä, Jonne Halttunen, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
31/37

Foto di: Toyota Racing

Podio: Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC, Kalle Rovanperä, Jonne Halttunen, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Podio: Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC, Kalle Rovanperä, Jonne Halttunen, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
32/37

Foto di: Toyota Racing

Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC con il team
Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC con il team
33/37

Foto di: Toyota Racing

Podio: Il vincitore Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC, Kalle Rovanperä, Toyota Gazoo Racing
Podio: Il vincitore Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC, Kalle Rovanperä, Toyota Gazoo Racing
34/37

Foto di: Toyota Racing

Podio: Il vincitore Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC, Ott Tänak, Martin Järveoja, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC, Kalle Rovanperä, Jonne Halttunen, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Podio: Il vincitore Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC, Ott Tänak, Martin Järveoja, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC, Kalle Rovanperä, Jonne Halttunen, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
35/37

Foto di: Toyota Racing

Il vincitore Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Il vincitore Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
36/37

Foto di: Toyota Racing

Il vincitore Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Il vincitore Elfyn Evans, Scott Martin, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
37/37

Foto di: Toyota Racing

condivisioni
commenti
WRC: Del Barrio con la Protezione Civile nell'emergenza COVID-19
Articolo precedente

WRC: Del Barrio con la Protezione Civile nell'emergenza COVID-19

Prossimo Articolo

Loeb: "Il mio più grande rivale? Senza dubbio Grönholm"

Loeb: "Il mio più grande rivale? Senza dubbio Grönholm"
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021