WRC: ecco la Fiesta bruciata di Lappi dopo il rogo della PS7

Esapekka non si è accorto subito delle fiamme a fine prova. Inutili i tentativi di spegnere l'incendio con gli estintori. La vettura è bruciata completamente in pochi minuti.

WRC: ecco la Fiesta bruciata di Lappi dopo il rogo della PS7

Al Rally del Messico si sono vissuti attimi di terrore. Sfortunati protagonisti Esapekka Lappi e Janne Ferm, i quali sono passati dall'euforia di un ottimo tempo ottenuto nella PS7 El Chocolate 2 allo sgomento per la fine fatta pochi minuti dopo dalla loro Ford Fiesta WRC Plus numero 4.

Una volta terminata la prova, il navigatore Janne Ferm è subito saltato fuori dalla macchina per controllarla. Lappi, infatti, nel corso della stage aveva perso quasi completamente i freni. Una volta accortosi del principio d'incendio proveniente dal fondo della Fiesta, Ferm ha cercato un estintore.

Il navigatore finlandese è stato aiutato anche da un commissario presente a fine prova. In un primo momento sembrava che la situazione fosse sotto controllo, poi invece le fiamme sono tornate a divampare. Per questo motivo Lappi si è rimesso in macchina e ha portato via la sua vettura dal controllo orario.

Dopo aver fatto qualche centinaio di metri, Lappi è uscito celermente dall'abitacolo, accortosi dell'aumentare spropositato delle fiamme che avevano ormai inghiottito il retrotreno della sua Fiesta. Lappi, poi, si è fermato poco distante dalla macchina, guardandola sconsolato, conoscendo bene quale sarebbe stato l'epilogo.

La Fiesta è stata avvolta dalle fiamme ed è bruciata in pochi minuti. Un brutto colpo per Lappi e Ferm, autori sino a questo momento di un'ottima gara, ma anche per il team M-Sport, che da dopo l'era Ogier si trova a fare i conti con una situazione economica non certo florida.

"Per noi è un brutto colpo - ha dichiarato Richard Millener, team principal di M-Sport - è davvero una brutta situazione. Fortunatamente Esapekka e Janne sono incolumi, non si sono fatti nulla. Questa è la cosa più importante. Certo per il team è una brutta faccenda, perché sappiamo tutti quanto per noi sia importante il budget".

Mentre la Fiesta era ancora avvolta dalle fiamme, con i vigili del fuoco intenti a raggiungere il luogo del rogo, ha parlato anche Esapekka Lappi ai microfoni di WRC+: "Abbiamo realizzato quanto stesse accadendo solo al traguardo. Mi ha avvertito Janne. Avevo problemi ai freni nell'ultima parte della prova, poi ho capito perché...".

"Stava andando tutto a fuoco. All'inizio non avevo inteso quanto stesse bruciando la macchina, ma poi tutto è stato chiaro. Peccato per la gara, ma sono cose che possono succedere. Fa parte del gioco. Certo che ho fatto una mossa pericolosa nel risalire in macchina e allontanarla, perché stava già bruciando tanto".

condivisioni
commenti
WRC, Rally Messico, PS7: a fuoco la Fiesta di Lappi! Ogier allunga
Articolo precedente

WRC, Rally Messico, PS7: a fuoco la Fiesta di Lappi! Ogier allunga

Prossimo Articolo

WRC, Rally Messico, PS9: anche Neuville tradito dalla i20!

WRC, Rally Messico, PS9: anche Neuville tradito dalla i20!
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021