WRC | Come riconoscere le Rally1 e capire se sono sicure

Le vetture Rally1 saranno introdotte a partire dal 1 gennaio 2022 e rappresenteranno una svolta epocale per il WRC, avendo una propulsione composta da motore termico ed elettrico. Ecco come riconoscerle e come poterle toccare in sicurezza.

WRC | Come riconoscere le Rally1 e capire se sono sicure

Il 2022 sarà per il WRC una vera e propria svolta epocale. Ormai, da due anni a questa parte, sappiamo bene che la propulsione ibrida - composta da un motore termico e uno elettrico - entrerà a far parte della quotidianità anche del Mondiale Rally.

Leggi anche:

Al 1.6 turbo derivato da 380 cavalli utilizzato nel corso del lustro appena terminato e che ha spinto le WRC Plus, si affiancherà un motore elettrico realizzato dall'impresa Compact Dynamics, che già a lavorato diversi anni nel motorsport realizzando proprio MGU per i prototipi LMP1 del WEC.

Le vetture ibride saranno chiamate Rally1 e prenderanno il posto delle WRC Plus, esordendo al Rallye Monte-Carlo dal 20 al 23 gennaio. Nel corso di questi mesi vi abbiamo accompagnato alla scoperta delle nuove vetture: la Toyota GR Yaris Rally1, la Hyundai i20 N Rally1 e la Ford Puma Rally1.

Come tutte le vetture ibride che corrono nel motorsport, è necessario prendere precauzioni importanti nel corso degli eventi per evitare di essere colpiti dall'alto voltaggo che le vetture possono generare.

Per questo motivo la FIA ha deciso di inserire tre luci su ogni vettura ibrida. Queste dovranno segnalare se e quando sarà possibile toccare le vetture. Per capire quando poter intervenire sarà molto facile.

Hyundai i20 Rally1

Hyundai i20 Rally1

Photo by: Hyundai

Le tre luci, posizionate una nella parte superiore del parabrezza e le restanti nei finestrini dietro i sedili dell'equipaggio (come da foto qui sopra), dovranno essere di colore verde. Qualora dovessero essere di colore rosso, le vetture non potranno essere toccate.

Esiste poi un terzo caso. Se le luci dovessero rimanere spente, allora le vetture non dovranno essere toccate per questione di precauzione. Sarà dunque vietato toccare le macchine in tal situazione, qualora si dovesse verificare.

Infine, per distinguere bene le Rally1, dunque le vetture ibride, sulle fiancate delle vetture, al posto del numero e accanto alla denominazione della gara, vi sarà la dicitura "HY", che sta per "Hybrid". La scritta sarà bianca su sfondo rosso per cercare di rendere ancora più chiaro quali saranno le vetture con cui prestare ancora più attenzione del normale.

condivisioni
commenti
Gli auguri di Natale dal mondo dei motori
Articolo precedente

Gli auguri di Natale dal mondo dei motori

Prossimo Articolo

WRC | Evans: "Senza Ogier, per il titolo la lotta sarà aperta"

WRC | Evans: "Senza Ogier, per il titolo la lotta sarà aperta"
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021