WRC: svelato il nuovo calendario 2020. C'è l'Italia!

Confermate Turchia, Italia, Germania e Giappone. Entra l'Estonia. 5 i nuovi round oltre ai 3 già disputati: si parte da settembre. Ypres e Croazia pronti a subentrare in caso di forfait di alcuni eventi.

WRC: svelato il nuovo calendario 2020. C'è l'Italia!

Il nuovo calendario WRC 2020 era atteso per la fine del mese di giugno, ma ha fatto - finalmente - la sua comparsa oggi. FIA e promotori del WRC hanno trovato la quadra sugli eventi che da agosto a novembre comporranno la parte restante del travagliato Mondiale Rally 2020.

Come già annunciato nei giorni scorsi da diversi esponenti del WRC - tra i quali Andrea Adamo, team director di Hyundai Motorsport, a Motorsport.com - il calendario ufficiale di questa stagione è composto da appena 8 gare che, però, sono state ritenute sufficienti per poter terminare la stagione e assegnare i Mondiali.

La nuova lista di gara WRC comprende dunque 5 gare che saranno disputate tra settembre e novembre. Di queste 5, la novità assoluta è una. Questa è la gara che farà riprendere le ostilità ai protagonisti del Mondiale: il Rally Estonia.

La gara estone sarà la prima a essere disputata, essendo prevista dal 4 al 6 di settembre. I promotori del Rally Estonia hanno spostato di 2 settimane la gara ormai tempo fa, in seguito alla cancellazione del Rally di Finlandia e ora passa da evento promozionale del WRC a gara con titolazione Mondiale, ma sono stati costretti a ritardare di un altro mese la propria gara.

Del calendario originale, quello approvato a dicembre dell'anno scorso, rimane il Rally di Turchia, previsto dal 24 al 27 settembre, ma anche il Rally Italia Sardegna - che però cambia data rispetto a quella originale (era previsto a giugno) passando nel weekend che andrà dal 29 ottobre al 1 novembre e il Rally del Giappone, per ora previsto nonostante altri eventi di altre categorie del motorsport previste nel paese del Sol Levante siano stati cancellati ormai da diverse settimane.

Il rally del Giappone sarà la tappa conclusiva del Mondiale nel weekend che andrà dal 19 al 22 novembre. Inizialmente sembrava possibile che il Rally Ypres potesse prendere il posto del Rally di Germania, ma per ora questo è riuscito a mantenere il suo posto nonostante le restrizioni sui viaggi previste dal governo di Angela Merkel. L'evento che si terrà sugli asfalti che tagliano in mezzo alle vigne tedesche si terrà dal 15 al 18 ottobre.

Bisogna purtroppo segnalare la cancellazione del Rally d'Argentina a causa delle limitazioni a livello di logistica dei team e del WRC stesso, sebbene le parti in causa si fossero dimostrate aperte a recuperare l'evento sudamericano. Le condizioni sono risultate più difficili del previsto anche a causa dell'aumento di casi di COVID-19 nella parte sud del continente americano.

"Oggi pubblicare il nuovo calendario 2020 manda un chiaro segnale che il Mondiale Rally torna", a dichiarato Oliver Ciesla, WRC promoter managing director. "I promotori del WRC hanno lavorato senza sosta a fianco della FIA, delle Case coinvolte, dei team e dei rally che potenzialmente avrebbero potuto entrare nel calendario e lo hanno fatto in circostanze eccezionali, riuscendo a riformulare il calendario".

"Far ripartire il Mondiale WRC nel mese di settembre, dunque il momento più opportuno, ci aiuterà a fare in modo di assegnare i titoli iridati 2020. I fan hanno dimostrato enorme passione in Estonia e in Italia. Le aspettative hanno aiutato a far ripartire il Mondiale nel mese di settembre, ha aggiunto Ciesla.

"Sono molto felice di annunciare il calendario 2020 del WRC che è stato rivisitato dopo diversi mesi di discussioni che hanno richiesto grande flessibilità da parte di tutti. Una situazione mai verificatasi in precedenza", ha invece aggiunto Yves Matton, responsabile del reparto Rally della FIA.

Bisogna sottolineare come il Rally di Ypres e il Rally di Croazia rimangano in lizza per entrare nel calendario. Al momento sono eventi in attesa di subentrare in caso di forfait di uno dei 5 eventi che saranno disputati da settembre a novembre. Rimane in bilico la situazione del Rally di Germania e del Giappone.

Il nuovo calendario WRC 2020

    Numero Data Evento Tipologia
1 23-26 gennaio Rallye Monte-Carlo* Asfalto
2 13-16 febbraio Rally Svezia* Neve
3 12-15 marzo Rally del Messico* Terra
4 4-6 settembre Rally Estonia Terra
5 24-27 settembre Rally Turchia Terra
6 15-18 ottobre Rally Germania Asfalto
7 29 ottobre – 1 novembre Rally Italia Sardegna Terra
8 19-22 novembre Rally Giappone Asfalto

*Gare già svolte

condivisioni
commenti
WRC, Latvala: "Voglio correre altri 2 anni e farlo con le ibride"

Articolo precedente

WRC, Latvala: "Voglio correre altri 2 anni e farlo con le ibride"

Prossimo Articolo

Scandola-D'Amore confermati in WRC3 con Hyundai Rally Team Italia

Scandola-D'Amore confermati in WRC3 con Hyundai Rally Team Italia
Carica commenti
Pagelle WRC: In Grecia Rovanpera perfetto, Hyundai per...niente Prime

Pagelle WRC: In Grecia Rovanpera perfetto, Hyundai per...niente

Se da un parte il Rally dell'Acropoli ha regalato a Kalle Rovanpera la seconda - e strepitosa - vittoria in carriera, dall'altra ha generato una contrapposizione di emozioni: con Hyundai in difficoltà, Ogier conquista un bronzo che vale oro. Ecco le pagelle stilate e commentate da Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
15 set 2021
Ora è Hyundai il riferimento prestazionale del WRC Prime

Ora è Hyundai il riferimento prestazionale del WRC

Toyota e Ogier dominano le classifiche Mondiali del WRC, ma i dati che abbiamo in mano devono essere interpretati. Ecco perché Hyundai non ha solo recuperato il gap prestazionale dalla Casa giapponese, ma l'ha addirittura superata.

WRC
18 ago 2021
Pagelle WRC Belgio: Neuville perfetto, Ogier irriconoscibile Prime

Pagelle WRC Belgio: Neuville perfetto, Ogier irriconoscibile

Andiamo a dare i voti alla tappa belga del Mondiale WRC in compagnia di Giacomo Rauli e Beatrice Frangione. Thierry Neuville ritrova la vittoria sul suolo di casa, un successo che al portacolori Hyundai mancava dal Rally di. onte Carlo 2020. Ogier, invece, conquista un'insufficienza...

WRC
17 ago 2021
WRC 2022: il cooling dell'ibrido aiuterà il recupero di downforce Prime

WRC 2022: il cooling dell'ibrido aiuterà il recupero di downforce

Le vetture Rally1 ibride 2022 non avranno più il diffusore e saranno meno raffinate dal punto di vista aerodinamico. I team lavorano per recuperare carico al posteriore sfruttando il raffreddamento delle batterie del motore elettrico da 100 kW. Ecco come.

WRC
12 ago 2021
WRC, mercato piloti 2022: tutti i dubbi di Toyota e M-Sport Prime

WRC, mercato piloti 2022: tutti i dubbi di Toyota e M-Sport

Giunti a metà stagione 2021, facciamo il punto sul mercato piloti per la stagione WRC 2022. Solo Hyundai si è assicurata top driver. Toyota attende le mosse future di Ogier, M-Sport le occasioni migliori.

WRC
24 lug 2021
WRC: Rovanpera fa la storia, ma ora arriva la parte difficile Prime

WRC: Rovanpera fa la storia, ma ora arriva la parte difficile

Al Rally Estonia Kalle Rovanpera è diventato il pilota più giovane ad aver vinto un rally Mondiale, togliendo il record al suo attuale team principal Jari-Matti Latvala. Ora, per il finnico, arriva la parte difficile: confermarsi e migliorare ancora.

WRC
21 lug 2021
Pagelle WRC: In Estonia Tanak padrone di casa senza chiavi Prime

Pagelle WRC: In Estonia Tanak padrone di casa senza chiavi

Il Rally Estonia ha regalato tanti promossi, tanti bocciati e...tante sorprese. Le pagelle stilate e commentate da Giacomo Rauli e Beatrice Frangione.

WRC
20 lug 2021
WRC: come e perché M-Sport ha scelto la Puma come Rally1 Prime

WRC: come e perché M-Sport ha scelto la Puma come Rally1

Analizziamo la nuova arma del team M-Sport Ford per il WRC 2022, la Puma Rally1 ibrida. Differenze e peculiarità con la Fiesta WRC Plus, ma anche novità dettate dal regolamento e dalla necessità di ritrovare il carico aerodinamico perso.

WRC
11 lug 2021