WRC 2020: con il Rally del Messico arriva la prima gara su terra

Il Rally del Messico presenterà ben 24 speciali, con la vetta più alta dell'intero Mondiale 2020. Motori e trasmissioni saranno messi a dura prova.

WRC 2020: con il Rally del Messico arriva la prima gara su terra

A quasi un mese di distanza dal secondo appuntamento 2020, il WRC riparte dal Rally del Messico, prima tappa extra europea della nuova stagione. La gara messicana, non coinvolta dalle tensioni create dall'epidemia di Coronavirus che ha portato alla cancellazione altri eventi del motorsport a livello globale, avrà anche grande importanza dal punto di vista sportivo, perché sarà anche la prima gara della stagione a tenersi su un fondo sterrato.

I 4 giorni di gara

La corsa inizierà giovedì sera - in Italia sarà notte - con la cerimonia d'apertura della gara e le prime due speciali che si terranno sulle strade di Guanajuato. Queste saranno una sorta d'antipasto, perché è da venerdì che i piloti inizieranno a fare sul serio.

Nella seconda giornata di gara, dunque proprio venerdì, saranno svolte ben 10 prove speciali delle 24 totali. Le prove saranno svolte attorno alla città. Grande attesa per la prova di El Chocolate, di oltre 31 chilometri, ma anche per la Ortega e Las Minas. Queste tre, saranno svolte per 2 volte in giornata.

Nella giornata di sabato - terza di gara - le stage previste sono 9 e saranno svolte per la maggior parte sulle strade di montagna a nord-est di Leon. Questa sarà la giornata più lunga in termini di chilometri cronometrati, ben 133,78.

Come al solito, domenica rappresenterà la giornata conclusiva con 3 prove speciali. L'ultima di queste, la stage El Brinco, farà le veci di power stage e assegnerà punti ulteriori oltre a quelli derivanti dalla classifica generale dell'evento.

Le novità della gara

Nella giornata di giovedì, la corsa si aprirà con una prova di appena 1,2 chilometri mai fatta prima. Sarà svolta nelle strade di Guanajuato per due volte.

Importanti i ritorni delle stage di Alfaro e Derramadero. Queste prove, che saranno svolte 2 volte ciascuna, rientrano nel programma della gara dopo diversi anni in cui non sono state utilizzate.

Da notare inoltre come le due prove conclusive della giornata di sabato siano le più corte nella storia del WRC, rispettivamente di 700 e 910 metri. Sono state pensate per attirare il pubblico e spettatori, non a caso hanno la denominazione di Super Special Stage.

Le sfide della gara

Il Rally del Messico è la prima gara su terra della stagione 2020, con vetture e piloti che non corrono su questo fondo dal Rally di Catalogna della passata stagione in cui Thierry Neuville vinse la gara e Ott Tanak il titolo iridato Piloti.

Questa sarà inoltre la gara più calda fatta sino a ora in termini di temperature. Dopo il freddo di Monte-Carlo e della Svezia, le temperature in Messico dovrebbero aggirarsi attorno ai 30 gradi, mettendo così sotto stress le vetture a livello di motori e trasmissioni.

Come se non bastasse, il Rally del Messico offrirà il punto più alto della stagione 2020 di WRC con la vetta di 2.737 metri. Questo potrebbe essere un fattore importante per l'affidabilità dell vetture. I motori hanno bisogno di aria per respirare e in quel punto ne avranno un 20% in meno rispetto al solito.

In parte del percorso i piloti dovranno stare attenti alla presenza di blocchi di cemento posti a bordo strada per delimitare il percorso. Un contatto con uno di questi potrebbe danneggiare seriamente le vetture.

Il programma - stage e orari

Giorno PS Nome Km Orario
         
venerdì PS1 Monster Energy Street Stage GTO 1 1,12 3:08
  PS2 Monster Energy Street Stage GTO 2 1,12 3:31
  PS3 El Chocolate 1 31,45 16:08
  PS4 Ortega 1 17,24 17:16
  PS5 Las Minas 1 13,69 18:14
  PS6 Parque Bicentenario 2,71 19:12
         
  SERVICE      
         
  PS7 El Chocolate 2 31,45 22:35
  PS8 Ortega 2 17,24 23:43
         
sabato PS9 Las Minas 2 13,69 00:41
  PS10 Autodromo Shell-V Power 1 2,33 02:21
  PS11 Autodromo Shell-V Power 2 2,33 02:26
  PS12 Street Stage Leon 0,73 03:14
         
  PS13 Guanajuatito 1 24,96 15:58
  PS14 Alfaro 1 16,99 17:01
  PS15 Derramadero 1 21,78 18:08
         
  SERVICE      
         
  PS16 Guanajuatito 2 24,96 21:56
  PS17 Alfaro 2 16,99 22:59
         
domenica PS18 Derramadero 2 21,78 00:08
  PS19 Autodromo Shell-V Power 3 2,33 01:38
  PS20 Autodromo Shell-V Power 4 2,33 01:43
  PS21 Rock & Rally Leon 1,62 02:26
         
  PS22 Otates 33,61 15:38
  PS23 San Diego 12,76 16:56
  PS24 El Brinco (Power Stage) 9,64 18:18
condivisioni
commenti
WRC: la FIA lavora alle regole 2022, ma mancano ancora dettagli

Articolo precedente

WRC: la FIA lavora alle regole 2022, ma mancano ancora dettagli

Prossimo Articolo

WRC: Ken Block al Rally di Nuova Zelanda con una Fiesta R5 MKII

WRC: Ken Block al Rally di Nuova Zelanda con una Fiesta R5 MKII
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WRC
Evento Rally del Messico
Autore Giacomo Rauli
Cosa rappresenta il Rallye Sanremo nella storia dei rally Prime

Cosa rappresenta il Rallye Sanremo nella storia dei rally

Giunto nel 2021 alla 67esima edizione, il Rallye Sanremo fa oggi parte del calendario del Campionato Italiano Rally. Ma la sua storia, anche recente, racconta di un evento celebre ben oltre i confini del Bel Paese. Una gara che tutti i più grandi campioni di rally hanno sognato di vincere.

CIR
8 apr 2021
WRC: cosa comporta la permanenza di Hyundai, Toyota e M-Sport Prime

WRC: cosa comporta la permanenza di Hyundai, Toyota e M-Sport

Hyundai, Toyota e M-Sport Ford hanno firmato un contratto triennale con FIA e promotori WRC per rimanere nel Mondiale Rally. Ecco cosa comporta il contratto e la scelta fatta dai tre team a medio-lungo termine.

WRC
8 apr 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
WRC: Solberg e Rovanpera, le stelle del futuro analizzate da vicino Prime

WRC: Solberg e Rovanpera, le stelle del futuro analizzate da vicino

Terenzio Testoni, Rally Activity manager di Pirelli, ha messo a confronto Kalle Rovanpera e Oliver Solberg, le due nuove stelle del WRC. Il manager sardo conosce bene entrambi grazie agli anni in cui Pirelli ha supportato le carriere di entrambi nel mondo del Rally. Ecco cosa è emerso...

WRC
9 mar 2021
Oliver Solberg: l'esordio strepitoso della futura stella del WRC Prime

Oliver Solberg: l'esordio strepitoso della futura stella del WRC

Analizziamo prova per prova, motivo per motivo, lo straordinario esordio di Oliver Solberg nella classe regina del WRC, avvenuto al volante di una Hyundai i20 Coupé al Rally Arctic Lapland. Il futuro è (anche) suo...

WRC
3 mar 2021
WRC: Le pagelle del Rally Arctic 2021 Prime

WRC: Le pagelle del Rally Arctic 2021

Il WRC 2021 ha affrontato la sua seconda tappa, in Finlandia, nel Rally Arctic. Tante le sorprese, in positivo e in negativo, in attesa del prossimo appuntamento in Croazia. Ecco le pagelle stilate e commentate da Giacomo Rauli e Beatrice Frangione.

WRC
2 mar 2021
WRC: perché nel 2022 arriva l'ibrido, ma non nuove Case? Prime

WRC: perché nel 2022 arriva l'ibrido, ma non nuove Case?

Il nuovo regolamento che introdurrà le vetture Rally1 a partire dal 2022 non è stato posticipato a causa della pandemia da COVID-19. L'ibrido era necessario, ma non ha ancora attirato al WRC alcuna nuova Casa...

WRC
22 feb 2021
WRC: M-Sport con la Puma nel 2022 per avere più supporto da Ford? Prime

WRC: M-Sport con la Puma nel 2022 per avere più supporto da Ford?

Ford Performance è stata coinvolta in prima persona nello sviluppo della nuova vettura per il WRC 2022. Ecco perché M-Sport dovrebbe far correre la Puma: non è solo questione di regolamento.

WRC
19 feb 2021