Un perfetto Kris Meeke centra un clamoroso successo in Portogallo!

Kris Meeke centra la seconda vittoria della sua carriera nel WRC al Rally di Portogallo, battendo le Volkswagen Polo di Andreas Mikkelsen e di Sébastien Ogier. Il campione del mondo continua la fuga verso il quarto mondiale.

Inarrestabile. Kris Meeke ha scritto una poesia perfetta sullo sterrato del Portogallo, che ha ospitato il quinto appuntamento del Mondiale Rally 2016 e lo ha portato e centrare il secondo successo della carriera nel WRC, la prima affermazione per l'Abu Dhabi World Rally Team. Un bel segnale anche per Citroen, che ha visto trionfare la DS3 nonostante non sia aggiornata costantemente come le dirette rivali.

Un fine settimana da vero leone, quello di Meeke, che in certi momenti della gara sembrava davvero fare un altro sport, alieno in una categoria già di per sé costituita da piloti incredibilmente dotati, che sfiorano alberi, muri e strapiombi come se questi non esistessero e non costituissero un vero e proprio pericolo. Certo, la posizione di partenza favorevole lo ha aiutato, ma ha davvero dominato a proprio piacimento sin dalla seconda delle 19 speciali in totale.

Il dominio di Meeke non va ricercato solo nel numero di speciali vinte - otto, ovvero quasi la metà di quelle totali - ma nella sicurezza di guida, nella decisione con cui ha spesso puntato il muso della sua DS3 WRC all'interno delle curve, pennellandole con il retrotreno spesso a bandiera, mossa mai fine a se stessa. Dopo aver attaccato nelle prime due tappe, Kris nella terza ha deciso finalmente di far uscire il Meeke calcolatore, aspetto quasi mai visto nella sua carriera, e ha fatto bene, arrivando al traguardo senza problemi e ancora con un enorme margine di vantaggio sui diretti avversari.

Al traguardo ha potuto festeggiare a dovere, felice, sereno e consapevole di aver fatto una corsa da ricordare. Certamente la migliore della carriera, anche più di quella in Argentina lo scorso anno, in cui vinse il primo Rally mondiale della sua storia.

Mikkelsen e Ogier in un secondo!

Se per il primo posto non c'è mai stata realmente storia, è stato entusiasmante il duello casalingo tra Andreas Mikkelsen e Sébastien Ogier. Tra i due è capitato tutto nell'ultima tappa, nonostante Mikkelsen avesse tentato sin dalle ultime speciali di ieri di ricucire il divario che lo separava dal francese.

Nella prima speciale di oggi, Ogier ha dovuto fare i conti con una noiosa foratura, che gli ha fatto perdere la seconda posizione in favore del norvegese. Mikkelsen ha poi spinto fino in fondo e ha aperto un gap minimo, ma sufficiente per mantenere la seconda posizione sino alla fine.

Sébastien Ogier ha dato il tutto per tutto nell'ultima speciale, la Power Stage, in cui ha siglato il miglior tempo e portato a casa i 3 punti per il vincitore della stage, ma ha fallito l'obiettivo secondo posto per appena un secondo. Bello l'abbracco finale tra i due compagni di squadra, che hanno occupato gli altri due gradini del podio.

E' andata peggio a Jari-Matti Latvala. nel corso della prima tappa, sulla Polo R WRC si è rotto il servosterzo a causa di un urto contro una roccia dopo un errore di guida del finnico. Jari ha perso così tanti secondi dai primi, non riuscendo poi a ricucire il divario e finendo in sesta posizione assoluta.

Sordo salva il fine settimana Hyundai

Ai piedi del podio troviamo la prima e l'unica Hyundai i20 WRC New Genration arrivata al traguardo, quella di Daniel Sordo. Il pilota iberico ha provato nella prima tappa a lottare per la vittoria con Meeke e Ogier forte di una vettura assettata molto bene. Poi, però, le cose sono cambiate in modo repentino dalla seconda tappa ed ha iniziato a perdere posizioni, sino a fermarsi al quarto posto.

Fine settimana da dimenticare per Hayden Paddon, Thierry Neuville e Kevin Abbring. Il neozelandese, fresco vincitore del Rally d'Argentina, è stato autore dell'incidente più spettacolare della gara. Uscito da una curva sinistrosa, Hayden ha urtato il muro alla sua destra, per poi tagliare tutta la sede stradale e finire la propria corsa nello strapiombo a sinistra. Gli alberi hanno fermato la caduta della sua i20, ma la vettura ha preso fuoco e il rogo si è propagato qualche metro oltre la vettura. Fortunatamente l'equipaggio è uscito in tempo ed è rimasto illeso. La i20, invece, è andata distrutta.

Thierry Neuville, dopo una speciale 2 disastrosa, era riuscito a rimontare sino al quinto posto, con possibilità di recuperare sui piloti che lo precedevano per la lotta al terzo gradino del podio. A metà della seconda tappa, la sua i20 si è ammutolita a causa della mancanza di benzina nel serbatoio. Enorme la delusione per il belga, che avrebbe potuto portare a casa punti importanti per la classifica piloti.

K.O. anche Kevin Abbring, che in Portogallo ha riportato in gara la i20 2015 dopo la prima apparizione nel Rally di Monte-Carlo con Paddon. L'olandese è finito fuori alla terza speciale.

Primo acuto di Eric Camilli

E' stato un fine settimana complesso anche per il team M-Sport e per tutte le Ford in generale. A uscire rafforzato da questa gara è però - inaspettatamente - Eric Camilli. Il francese è partito molto male, con tempi lontani dai primi e non utili per poter stazionare con continuità nella Top Ten. Poi, dalla seconda tappa, il francese è ripartito alla grande e, complici anche numerosi ritiri, ha finito la corsa al quinto posto.

Il compagno di squadra Mads Ostberg ha invece centrato il settimo posto assoluto, davanti a Martin Prokop. Da segnalare il ritiro di Ott Tanak. L'estone era nettamente il miglior pilota Ford, poi alla PS5 è uscito nel medesimo punto di Paddon, sfiorando la vettura in fiamme del "kiwi". Ott e il suo copilota sono usciti dalla vettura senza problemi, ma hanno dovuto abbandonare la corsa anzitempo.

Tidemand vince nel WRC2

Pontus Tidemand ha letteralmente dominato la categoria WRC2. Nemmeno una foratura a poche speciali dalla fine ha messo in discussione il suo successo, perché lo svedese si è ripreso immediatamente la prima posizione e ha trionfato davanti a Nicholas Fuchs.

Amaro il fine settimana per Elfyn Evans, che ha dovuto abbandonare la gara dopo un capotamento nella seconda tappa della sua Ford Fiesta R5 EVO.

Rally del Portogallo - Classifica finale

Posizione Pilota Vettura Tempo/distacco
1 Kris Meeke DS3 WRC 3h59'01”0
2 Andreas Mikkelsen Volkswagen Polo R WRC +29"7
3 Sébastien Ogier Volkswagen Polo R WRC +34"5
4 Daniel Sordo Hyundai i20 WRC N.G. +1'37"1
5 Eric Camilli Ford Fiesta RS WRC +4'01"6
6 Jari-Matti Latvala Volkswagen Polo R WRC +4'06"9
7 Mads Ostberg Ford Fiesta R5 EVO +6'53"6
8 Martin Prokop Ford Fiesta RS WRC +10'24"1
9 Pontus Tidemand Skoda Fabia R5 +11'45"2
10 Nicholas Fuchs Skoda Fabia R5 +13'14"0
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WRC
Evento Rally del Portogallo
Articolo di tipo Gara