Turchia, PS16: la M-Sport ferma Evans e Ogier rientra in zona punti vincendo la speciale

condivisioni
commenti
Turchia, PS16: la M-Sport ferma Evans e Ogier rientra in zona punti vincendo la speciale
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
16 set 2018, 09:33

La squadra di Malcolm Wilson ha deciso di far timbrare in ritardo il britannico per permettere al francese di guadagnare la decima posizione che vale un punto. Neuville invece risparmia le gomme per attaccare nella Power Stage. Tanak amministra.

Se in casa Toyota hanno deciso di congelare le posizioni, ecco che invece in M-Sport sono arrivati i giochi di squadra veri e propri nella PS16, la penultima del Rally di Turchia. Mentre Sebastien Ogier ha infilato la seconda vittoria di speciale di fila, ad Elfyn Evans è stato chiesto di timbrare in ritardo l'ingresso in prova, allo scopo di incappare in una penalità e di regalare una posizione alla Ford Fiesta WRC gemella, che con il sorpasso ai danni della Ford Fiesta R5 di Kajetan Kajetanowicz è rientrata in zona punti, in decima piazza.

Del resto, il pilota britannico non aveva più particolari ambizioni di classifica dopo il ritiro di venerdì e si ritrovava in settima posizione ad oltre 16 minuti. Per Ogier invece anche solo un punticino in più potrebbe fare la differenza a fine stagione, quindi ci può stare che Malcom Wilson ed i suoi ragazzi abbiano deciso di attuare una strategia di questo tipo.

Esattamente opposto il discorso in casa Hyundai, dove tutti i piloti hanno decisamente tirato i remi in barca in questa penultima speciale avendo già delle posizioni consolidate. In questo modo hanno preservato le gomme per la Power Stage conclusiva: il pià attento da questo punto di vista è stato senza dubbio il leader iridato Thierry Neuville, che ha pagato addirittura 1'13" non avendo più nulla da chiedere alla classifica generale della corsa.

Anche in Toyota non hanno modificato la loro politica, con Jari-Matti Latvala che ha continuato a coprire le spalle al leader Ott Tanak, con il divario tra le due Yaris WRC che è ancora cresciuto leggermente, arrivando a 19"7. Così come è cresciuto però il vantaggio sulla i20 WRC di Hayden Paddon, che li segue sempre in terza posizione.

In classe WRC2 comanda sempre Jan Kopecky, che con l'arretramento di Evans ha portato la sua Skoda addirittura in settima posizione assoluta, subito alle spalle dell'altra Fabia R5 del veterano Henning Solberg, autore di un'ottima gara, ma trasparente ai fini della classifica iridata. Il pilota ceco sembra assolutamente in controllo, visto che entrerà nell'ultima speciale con oltre un minuto di vantaggio sulla Citroen di Simone Tempestini.

Pos Pilota Vettura Tempo/Gap
1 Ott Tanak Toyota Yaris WRC 3.54'21”1
2 Jari-Matti Latvala Toyota Yaris WRC +19"7
3 Hayden Paddon Hyundai i20 WRC +1'35"4
4 Teemu Suninen Ford Fiesta WRC +4'02"2
5 Andreas Mikkelsen Hyundai i20 WRC +7'03"7
6 Henning Solberg Skoda Fabia R5 +13'15"4
7 Jan Kopecky Skoda Fabia R5 +18'03"0
8 Simone Tempestini Citroen C3 R5 +19'12"7
9 Chris Ingram Skoda Fabia R5 +19'50"9
10 Sebastien Ogier Ford Fiesta WRC +20'53"4
Prossimo articolo WRC
Turchia, PS14-15: Neuville e Ogier prendono le misure alla Power Stage, le Toyota amministrano

Articolo precedente

Turchia, PS14-15: Neuville e Ogier prendono le misure alla Power Stage, le Toyota amministrano

Prossimo Articolo

Ott Tanak fa tris nella doppietta Toyota in Turchia e si rilancia nella corsa al titolo

Ott Tanak fa tris nella doppietta Toyota in Turchia e si rilancia nella corsa al titolo
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WRC
Evento Rally di Turchia
Sotto-evento Giorno 3
Piloti Sébastien Ogier , Ott Tanak , Elfyn Evans
Team M-Sport , Gazoo Racing
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Prova speciale