Tanak spiega: "Più lento di Ogier nella Power Stage per non partire primo in Sardegna!"

Il pilota estone, vincitore del Rally del Portogallo, ha spiegato perché nella Power Stage ha deciso di non spingere a fondo per portare a casa 5 punti ulteriori dopo i 25 presi per la vittoria.

Tanak spiega: "Più lento di Ogier nella Power Stage per non partire primo in Sardegna!"

Una gara dominata in lungo e in largo, può essere considerata una delle più difficili della carriera del pilota che ha appena vinto? Evidentemente sì. E' il caso di Ott Tanak, strepitoso vincitore del Rally del Portogallo.

Il pilota della Toyota non era certo il favorito per la vittoria. La sua posizione di partenza nelle speciali di venerdì non lo indicava tra i candidati per il successo, invece l'assetto perfetto della sua Yaris WRC e un momento di fiducia che non deve passare in secondo piano hanno permesso all'estone di portare a casa la seconda vittoria consecutiva, che lo rilancia nel Mondiale Piloti.

A sorpresa, Tanak ha affermato che la posizione di partenza di venerdì è risultata un vero e proprio fattore per portarlo subito in testa alla classifica. "E' stata sicuramente una delle vittorie più difficili della mia vita. Ho passato fine settimana duri, ma vincere questa gara e farlo in questo modo è stata davvero dura. Nella giornata di venerdì tutto sembrava molto promettente. Avevamo un'ottima posizione di partenza, non era così male".

"Sabato mattina, dopo un paio di chilometri, ho avuto un guasto ai freni. Da quel momento in poi tutto è diventato più difficile. Sono stato comunque felice di essere arrivato al Service di metà giornata ancora in testa. Il pomeriggio sono andato bene, è stato interessante, anche se ho avuto un altro guasto a un ammortizzatore ma sono riuscito a gestire bene la situazione".

"Alla vigilia dell'evento mi aspettavo di avere delle difficoltà, considerata la nostra posizione di partenza. Mi aspettavo di avere un venerdì molto complicato, ma anche poi il resto dell'evento. La posizione di partenza del venerdì sembrava dover essere cruciale. Ma come ho iniziato la corsa, ho capito di avere ottime sensazioni al volante della Yaris, il bilanciamento della moto era ottimo e tutto lavorava al meglio. Ero molto felice".

La parte più interessante delle dichiarazioni di Tanak fatte al termine della corsa è l'ultima. Ovvero quella in cui ha spiegato quale tattica volesse adottare per la Power Stage e quella che invece ha seguito per fare in modo di non diventare il leader del Mondiale alla vigilia del Rally Italia Sardegna, ovvero una delle gare in cui la posizione di partenza influisce di più sul risultato finale a causa del tipo di sterrato che i piloti troveranno.

"Quello che è successo nella Power Stage è stata una lunga storia. All'inizio abbiamo pensato di adottare una strategia e pensavamo che portare a casa il massimo dei punti sarebbe stato giusto in vista della lotta per il titolo mondiale Piloti".

"Avremmo dovuto essere 3 piloti a fare meglio di Ogier nella Power Stage. Pensavo che sarei riuscito a essere più veloce di lui. Il piano era portare a casa più punti che potevo, ma poi Meeke ha commesso un errore ed è cambiato tutto. Ogier è salito sul podio e a quel punto eravamo allo stesso livello di punti complessivi. Sapevo che avrei dovuto essere un po' più lento di lui per evitare di aprire le speciali del venerdì del Rally Italia Sardegna. Poi Neuville si è inserito tra noi e ho perso un ulteriore punto".

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
1/15

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
2/15

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
3/15

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
4/15

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
5/15

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Ott Tänak, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
6/15

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
7/15

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
8/15

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
9/15

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
10/15

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
11/15

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
12/15

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
13/15

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
14/15

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
15/15

Foto di: Toyota Racing

condivisioni
commenti
WRC, Ogier: "Hyundai ha usato tattiche meschine". Adamo replica: "Accuse di basso livello"
Articolo precedente

WRC, Ogier: "Hyundai ha usato tattiche meschine". Adamo replica: "Accuse di basso livello"

Prossimo Articolo

WRC, Sordo risponde a Ogier: "Hyundai non voleva dare fastidio a nessuno!"

WRC, Sordo risponde a Ogier: "Hyundai non voleva dare fastidio a nessuno!"
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021