Tanak a sorpresa afferma: "Anche senza la foratura probabilmente non avrei vinto a Monte-Carlo!"

L'estone della Toyota ha vinto più speciali di tutti a Monte-Carlo, ben 7 sulle 15 disputate, ma una foratura lo ha rallentato. Strepitosa poi la rimonta che lo ha portato a chiudere sul podio.

Tanak a sorpresa afferma: "Anche senza la foratura probabilmente non avrei vinto a Monte-Carlo!"

Toyota ha chiuso il Rallye Monte-Carlo come vettura che ha vinto il maggior numero di speciali nell'edizione numero 87 della prestigiosa gara che si svolge nei pressi del Principato, eppure la vittoria non solo non è arrivata, ma non è mai stata realmente un'opportunità per i tre piloti ufficiali del team giapponese.

Kris Meeke ha dovuto fare i conti con la rottura di 3 cerchi nel corso dei primi 2 giorni di gara. Jari-Matti Latvala ha sbagliato scelta di gomme e di assetto ed è finito lontano dai primi 2, mentre Ott Tanak ha mostrato di avere il passo per lottare per la vittoria, ma una foratura gli ha tolto tutto questo spedendolo a oltre 3 minuti dai primi.

Tanak ha vinto 7 delle 15 speciali disputate al Rallye Monte-Carlo 2019, mostrando di avere un passo competitivo specialmente a partire dalla giornata di sabato, ma ormai la gara era stata compromessa dalla foratura. Alla fine della gara, Tanak ha candidamente ammesso che, nonostante la sua velocità, probabilmente non sarebbe riuscito a lottare con i primi 2. Eppure il cronometro ha detto l'esatto contrario...

"Non so se posso dire di essere davvero contento. E' stato un buon evento per noi, ma alla fine devo dire che venerdì abbiamo faticato molto. Non sono sicuro che saremmo riusciti a ottenere molto di più di quanto abbiamo centrato a Monte-Carlo, anche senza la foratura".

"Sébastien e Thierry sono andati fortissimo nonostante le condizioni molto difficili in più abbiamo forato e le cose sono iniziate ad andare male. Fortunatamente sabato abbiamo avuto un buon passo e avevo un ottimo feeling con la Yaris. Il team ha fatto davvero un grande lavoro e la vettura era fantastica. Non abbiamo fatto nulla di sbagliato nel weekend, ma a volte le cose non vanno perfettamente, mentre in altri giorni vanno benissimo".

Tanak ha poi spiegato come sabato sia riuscito a fare la differenza. Uno dei segreti è aver chiamato uno dei suoi addetti alle comunicazioni legate alle condizioni del fondo. Questo lo ha aiutato nel fare l'azzardo di usare 4 gomme Soft e non le gomme dotate di chiodi. La scelta, nemmeno a dirlo, ha pagato perfettamente, facendolo arrivare a ridosso dei piloti che lottavano per il podio - Loeb e Latvala - e superarli al termine del giro mattutino di domenica.

"Sabato abbiamo fatto la scelta giusta di gomme, avevamo il passo e tutto ha funzionato bene. Nel pomeriggio abbiamo fatto un po' di differenza nei confronti degli altri, ma ormai avevo già oltre 3 minuti dai primi".

"Mi ha aiutato molto chiamare Martin Kangur, che mi ha avvisato: 'Potresti provare qualcosa di diverso... Ci sono 5 chilometri di chiaccio, dunque se sei coraggioso abbastanza puoi gestire la situazione con gomme Soft, senza chiodi'. Avrei potuto fare una scelta più conservativa, ma se il meteo fosse cambiato avrei avuto dei vantaggi. Così è stato e sono riuscito a tornare nelle posizioni che contano mettendo pressione ai miei avversari per il podio".

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
1/25

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Ott Tänak, Toyota Gazoo Racing
Ott Tänak, Toyota Gazoo Racing
2/25

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
3/25

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
4/25

Foto di: McKlein / Motorsport Images

Ott Tänak, Toyota Gazoo Racing
Ott Tänak, Toyota Gazoo Racing
5/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
6/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
7/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
8/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
9/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
10/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
11/25

Foto di: Toyota Racing

Podio: i vincitori Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Citroën World Rally Team Citroen C3 WRC, al secondo posto Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC, al terzo posto Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Podio: i vincitori Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Citroën World Rally Team Citroen C3 WRC, al secondo posto Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC, al terzo posto Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
12/25

Foto di: Citroën Communication

Podio: i vincitori Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Citroën World Rally Team Citroen C3 WRC, al secondo posto Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC, al terzo posto Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Podio: i vincitori Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Citroën World Rally Team Citroen C3 WRC, al secondo posto Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai Motorsport Hyundai i20 Coupe WRC, al terzo posto Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
13/25

Foto di: Citroën Communication

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
14/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
15/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
16/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
17/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
18/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
19/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
20/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
21/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
22/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
23/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
24/25

Foto di: Toyota Racing

Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
Ott Tänak, Martin Järveoja, Toyota Gazoo Racing WRT Toyota Yaris WRC
25/25

Foto di: Toyota Racing

condivisioni
commenti
La FIA introduce nella Hall of Fame del motorsport i 17 campioni del mondo WRC
Articolo precedente

La FIA introduce nella Hall of Fame del motorsport i 17 campioni del mondo WRC

Prossimo Articolo

Hyundai: Loeb fa un incidente e capotta nei test in Svezia. Il team ha dovuto ricostruire la i20!

Hyundai: Loeb fa un incidente e capotta nei test in Svezia. Il team ha dovuto ricostruire la i20!
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021