Rally del Portogallo: Tanak chiude in vetta una prima tappa pazzesca

L'estone del team M-Sport precede un sorprendente Sordo (Hyundai) e il compagno di squadra Ogier. Bella rimonta di Neuville. Ritirati Meeke, Latvala e Paddon. Tutti e tre lottavano per il vertice.

Rally del Portogallo: Tanak chiude in vetta una prima tappa pazzesca
Esapekka Lappi, Janne Ferm, Toyota Yaris WRC, Toyota Racing
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Ott Tänak, Martin Järveoja, Ford Fiesta WRC, M-Sport
Elfyn Evans, Daniel Barritt, Ford Fiesta WRC, M-Sport
Kris Meeke, Citroën World Rally Team, Esapekka Lappi, Toyota Racing
Hayden Paddon, Sebastian Marshall, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Khalid Al-Qassimi, Chris Patterson, Citroën C3 WRC, Citroën World Rally Team
Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Ford Fiesta WRC, M-Sport
Jari-Matti Latvala, Miikka Anttila, Toyota Yaris WRC, Toyota Racing

Ott Tanak ha concluso meritatamente in testa la prima tappa del Rally del Portogallo in cui è successo davvero di tutto. Non tanto per l'elevato numero di leader avvicendatisi in vetta alla classifica generale speciale dopo speciale, quanto per gli incredibili colpi di scena che si sono susseguiti, soprattutto nel secondo giro odierno.

L'estone, come detto, è al vertice con pieno merito non avendo fatto sbavature evidenti e per aver tenuto un ritmo davvero invidiabile, sintomo che la Fiesta è un'ottima vettura ed è in mani altrettanto buone. A conferma di ciò ecco il terzo posto di Sébastien Ogier, staccato dalla vetta per appena 5 secondi.

In mezzo alle due Ford del team M-Sport c'è un sorprendente Daniel Sordo. Lo spagnolo è il primo pilota Hyundai in classifica pur non essendo certo uno specialista sullo sterrato. Questa è una caratteristica di Hayden Paddon, che fino alla PS7 era in piena lotta per il vertice, poi un problema elettrico ha messo K.O. la sua i20 Coupé numero 4 nel momento migliore.

Le prime tre posizioni della classifica avrebbero potuto avere altri padroni, se nella PS7 non fosse accaduto di tutto. Kris Meeke e Jari-Matti Latvala hanno battagliato sin dalla PS2 per accaparrarsi la leadership della corsa, ma entrambi sono incappati in errori nello stesso tratto. Entrambi, tra l'altro, manovre di grave entità, perché li hanno costretti al ritiro.

Latvala è capottato nella PS7, ma pare che sulla sua Yaris ci possa essere stato un guasto all'impianto frenante. Meeke ha invece rotto una sospensione. I due dovrebbero rientrare in gara domani tramite la formula del Rally2, anche se non potranno competere per la lotta alla vittoria.

La quarta posizione è finita nelle mani di un Thierry Neuville costretto a una bella rimonta. Il belga della Hyundai è stato autore di una PS2 troppo cauta, che gli ha fatto perdere secondi su secondi rispetto ai migliori. Da quel momento in poi ha iniziato a spingere forte, ma nella PS7 tutto il suo lavoro è apparso da buttare.

Neuville ha infatti dovuto superare Latvala, che aveva appena capottato. La polvere alzata dalla Yaris numero 10 - che procedeva a bassa velocità - ha bloccato il belga, che ha così perso tanti secondi e la possibilità di lottare per i primi tre posti. La Direzione Gara, una volta ispezionato il filmato, ha deciso di togliere dal tempo complessivo di Neuville i secondi persi dietro Latvala. Ora i secondi di divario da Tanak sono appena 11.

Merita una menzione speciale Craig Breen, quinto a 12"9 da Tanak. L'irlandese è, come spesso accade, il miglior pilota Citroen. Quello più solido e, in questo caso, anche estremamente veloce. Solo una rottura del damper non dovuta a una sua manovra lo ha parzialmente fermato. Sino al guaio capitato nella PS7 Craig era terzo a 1"9 dalla vetta. Una prestazione davvero esaltante.

Ancora in gioco per una posizione di tutto rispetto anche Elfyn Evans, che nel corso della giornata ha patito una foratura che lo ha rallentato considerevolmente. Stessa sorte per Stéphane Lefebvre. Il francese è 19esimo, ma ha dovuto fare i conti con ben 4 forature in 6 speciali. Buono l'esordio nel WRC di Esapekka Lappi, terzo pilota Toyota. Il giovane finnico è ottaco, a 20 secondi dal più esperto compagno di squadra Juho Hanninen.

Per quanto riguarda il WRC2, Andreas Mikkelsen e Skoda non hanno rivali. Addirittura il norvegese è in nona posizione davanti alla Fiesta Plus di Mads Ostberg. L'ex pilota della Volkswagen ha un vantaggio sul secondo di oltre un minuto. Dietro Andreas c'è Teemu Suninen, punta di diamante M-Sport. Data questa prestazione, il team di Cockermouth dovrà a tutti i costi far esordire già in Sardegna la nuova Fiesta R5 EVO2. La superiorità della Fabia è sempre più schiacciante e, a tratti, imbarazzante. Pontus Tidemand è terzo, ma a soli 2 secondi da Suninen. Dunque Skoda può pensare di correre per centrare una favolosa doppietta.

Rally Portogallo - Classifica generale dopo la PS9

   PosizionePilota/navigatoreVetturaTempo/distacco
1 Tanak/Jarveoja Ford Fiesta WRC Plus 1.37'18”5
2 Sordo/Martì Hyundai i20 Coupé WRC +4"6
3 Ogier/Ingrassia Ford Fiesta WRC Plus +5"0
4 Neuville/Gilsoul Hyundai i20 Coupé WRC +11"1
5 Breen/Martin Citroen C3 WRC Plus +12"9
6 Evans/Barritt Ford Fiesta WRC Plus +18"3
7 Hanninen/Lindstrom Toyota Yaris Plus +52"0
8 Lappi/Ferm Toyota Yaris Plus +1'12"3
9 Mikkelsen/Jaeger Skoda Fabia R5 +3'17"8
10 Ostberg/Floene Ford Fiesta WRC Plus +3'50"0
condivisioni
commenti
Portogallo, PS6: Neuville sugli scudi, ma ora in vetta c'è Tanak
Articolo precedente

Portogallo, PS6: Neuville sugli scudi, ma ora in vetta c'è Tanak

Prossimo Articolo

Portogallo, PS10: vince Ogier e ora è a 1" da Tanak

Portogallo, PS10: vince Ogier e ora è a 1" da Tanak
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021