Rally del Messico, PS1 cancellata per ragioni di sicurezza

La rampa di un salto della PS1 è stata danneggiata in maniera irreparabile prima dell'entrata in prova dei primi 3 del Mondiale. Belli ma pericolosi i salti di Lappi e Mikkelsen, atterrati in maniera scomposta e vicino agli spettatori.

Rally del Messico, PS1 cancellata per ragioni di sicurezza

Il Rally del Messico non è iniziato nel migliore dei modi. La Prova Speciale 1, la Street Stage GTO di 1,14 chilometri è stata prima sospesa e poi cancellata dai commissari di gara per ragioni di sicurezza.

La speciale si è disputata su un tracciato cittadino, a Leon, tra due ali di folla, accorsa in massa per vedere i propri beniamini da vicino in una delle speciali più adatte al grande pubblico. Questa è stata però fermata poco prima dell'entrata in prova dei primi tre piloti della classifica generale, dunque Ott Tanak, Thierry Neuville e Sébastien Ogier.

Il salto posto a poche decine di metri dal termine della prova è stato affrontato con grande veemenza da alcuni piloti - tra questi Esapekka Lappi e Andreas Mikkelsen - così la rampa artificiale è stata danneggiata prima dell'ingresso in prova dei primi tre.

La prova è stata vinta da Esapekka Lappi su Citroen C3 WRC Plus, con 1 decimo di vantaggio nei confronti della Hyundai i20 Coupé WRC. In un primo momento la Direzione Gara ha deciso di assegnare il medesimo tempo a Tanak, Neuville e Ogier, ma poi la speciale è stata cancellata.

La classifica sembra però essere rimasta, dunque in testa troviamo Lappi davanti a Mikkelsen e a una serie di 5 piloti staccati di 6 decimi dal finlandese: Meeke, Evans, Neuville, Tanak e Ogier.

Da sottolineare come la prova fosse davvero molto pericolosa: alcuni piloti, come detto, hanno affrontato il salto con aggressività, atterrando al suolo con le vetture scomposte. Le ali di folla erano a pochi metri dalle vetture e, seppure divisi dalle transenne, queste avrebbero potuto essere coinvolte in un incidente di proporzioni immense, qualora un pilota avesse perso il controllo della propria macchina, anche solo per pochi secondi.

"E' davvero una cosa incredibile. Quando ci avrebbero fermati? Perché abbiamo bisogno di fare quei salti così stupidi e pericolosi", ha dichiarato un pilota (che ha preferito rimanere anomino) a Motorsport.com.

"Questa è una bella speciale, perché permette a noi piloti di goderci l'atmosfera della città e sentire la vicinanza dei fan. E' davvero fantastica. Perché abbiamo bisogno di trovare sistemi per renderla più eccitante? Non ne abbiamo bisogno".

"Ora, evidentemente, è il momento dei salti in queste prove. Abbiamo iniziato lo scorso anno in Finlandia, poi ecco questi nella PS1 del Rally del Messico. Che succede. Quand'è che la FIA dirà che tutto questo è abbastanza? Questo è davvero stupido e pericoloso".

"Se date un'occhiata ad alcune foto di vetture impegnate nella PS1, potete notare come spicchiamo il volo e quando atterriamo siamo davvero vicini alle persone. Può davvero succedere di tutto".

La cancellazione della prova, a nostro parere, è stata giusta. Ma sarebbe stato altrettanto giusto valutare prima della prova i possibili pericoli di una stage che avvicina il pubblico alle vetture, ma che li ha esposti a pericoli considerevoli.

Informazioni aggiuntive di David Evans

condivisioni
commenti
Ufficiale: l'attuale regolamento tecnico WRC sarà mantenuto sino al termine del 2021
Articolo precedente

Ufficiale: l'attuale regolamento tecnico WRC sarà mantenuto sino al termine del 2021

Prossimo Articolo

Messico, PS2: Mikkelsen il primo leader. Suninen sbatte ed è subito K.O!

Messico, PS2: Mikkelsen il primo leader. Suninen sbatte ed è subito K.O!
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021