Ogier trionfa in Spagna ed è quattro volte campione del mondo!

Sébastien Ogier porta a termine una grande rimonta e trionfa nel Rally di Spagna davanti alle Hyundai di Daniel Sordo e Thierry Neuville. Per lui è il quinto successo dell'anno e così centra il quarto titolo mondiale piloti

Ogier trionfa in Spagna ed è quattro volte campione del mondo!
Jari-Matti Latvala, Miikka Anttila, Volkswagen Polo WRC, Volkswagen Motorsport
Jari-Matti Latvala, Miikka Anttila, Volkswagen Polo WRC, Volkswagen Motorsport
Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Volkswagen Polo WRC, Volkswagen Motorsport
Pontus Tidemand, Jonas Andersson, Skoda Fabia R5
Eric Camilli, Benjamin Veillas, M-Sport Ford Fiesta WRC
Kris Meeke, Paul Nagle, Citroën DS3 WRC, Abu Dhabi Total World Rally Team
Lorenzo Bertelli, Simone Scattolin, Ford Fiesta WRC
Martin Prokop, Jan Tomanek, Ford Fiesta RS WRC
Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Volkswagen Polo WRC, Volkswagen Motorsport
Daniel Sordo, Marc Marti, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Sébastien Ogier, Volkswagen Polo WRC, Volkswagen Motorsport
Julien Ingrassia, Volkswagen Polo WRC, Volkswagen Motorsport
Sébastien Ogier, Volkswagen Polo WRC, Volkswagen Motorsport
Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Volkswagen Polo WRC, Volkswagen Motorsport
Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Volkswagen Polo WRC, Volkswagen Motorsport
Eric Camilli, Benjamin Veillas, M-Sport Ford Fiesta WRC
Carica lettore audio

Un nuovo regolamento volto a limitare il suo dominio, Hyundai che si presenta (finalmente) con la nuova i20 New Generation WRC, i soliti avversari, ma anche la crescita di Paddon e le "wild card" di un Kris Meeke part time ma insidioso, Neuville ritrovato, Latvala e le sue ambizioni di titolo. Nulla di tutto ciò è bastato per fermare il più forte pilota rally in attività.

Sébastien Ogier ha tagliato il traguardo della Power Stage del Rally di Catalogna centrando assieme al quinto successo stagionale anche il quarto titolo mondiale piloti della sua carriera nel World Rally Championship. Tante emozioni in pochi secondi, uscite nell'abbraccio al suo copilota - a sua volta iridato - Julien Ingrassia e sfociate una volta uscito dall'abitacolo della sua fida Volkswagen Polo R WRC numero 1.

Lo scorso anno la sua gara finì contro un guard rail dopo un incredibile errore, mentre si trovava in testa con grande vantaggio nei confronti di Andreas Mikkelsen. Il norvegese si trovò tra le mani il primo successo della carriera nel Mondiale Rally, mentre in questa stagione è stato proprio Andreas a consegnare nelle mani del suo capitano il titolo mondiale.

I due momenti fondamentali della gara e della stagione sono avvenuti nella seconda tappa del Rally di Catalogna. Nella PS12 Mikkelsen è stato autore di un errore in uscita da una curva destrorsa, con la sua Polo che, intraversatasi, è finita contro il guard rail esterno e si è capottata, per terminare la sua carambola contro un albero. Equipaggio fortunatamente illeso, ma addio sogni di gloria.

Giunta la notizia a Ogier e Ingrassia, l'equipaggio campione in carica ha iniziato a spingere, riducendo il gap da un Dani Sordo che con la sua Hyundai numero 4 era salito in vetta alla classifica nel secondo giro della prima tappa e sembrava avviato verso il primo successo della carriera con il marchio coreano.

La rimonta di Ogier è stata veloce, feroce e inesorabile. Da vero e proprio "Cannibale 2.0" qual è. Il sorpasso è avvenuto nella PS14, la penultima della seconda tappa. Nonostante i tentativi di resistere al tambureggiante ritmo di Ogier, Daniel Sordo ha capito rapidamente di essere costretto a dover subire passivamente quella sequenza di tempi firmati da un binomio perfetto, Ogier e la Polo, finendo per amministrare una seconda posizione per certi versi dolce - perché colta davanti al pubblico di casa - ma amara per altri. Sordo è stato a un passo dal portare a casa la vittoria in Spagna. Un'occasione più unica che rara per lui.

Un 2016 perfetto per Ogier. L'arrivo del primo figlio, la conquista del titolo mondiale Rally, il quarto della carriera. Solo il numero di vittorie non è all'altezza di quanto ottenuto nelle ultime stagioni, ma solo a causa di un regolamento che, su gare sterrate, penalizza troppo chi parte per primo.

Grande soddisfazione per la Hyundai perché, oltre al secondo posto di Sordo, ha portato a casa anche il gradino più basso del podio grazie a Thierry Neuville, in grande spolvero nelle ultime uscite stagionali e forte del rinnovo di contratto (biennale) siglato appena un settimana fa. Il belga è salito sul podio grazie al ritiro di Mikkelsen, anche se la lotta tra i due sembrava farsi sempre più probabile prima del ritiro del vincitore dell'edizione 2015 della gara catalana.

Chiude il terzetto di i20 Hayden Paddon, che ha portato la sua numero 20 al quarto posto assoluto. Il neozelandese è stato autore di una buona gara, aiutato nella prima tappa dal fondo sterrato ma su asfalto questa volta è apparso decisamente più competitivo rispetto alle ultime uscite. Dietro di lui Mads Ostberg con la prima Ford Fiesta RS WRC, arrivato però lontanissimo dai primi 4. Il norvegese ha avuto una condotta di gara molto regolare, priva di acuti ma anche di errori. Questo ha fatto sì che abbia potuto chiudere nella Top 5 anche se a sorpresa.

Ott Tanak ha portato la sua Fiesta gommata DMACK al sesto posto, davanti a Kevin Abbring. Il pilota olandese della Hyundai ha centrato il miglior risultato in carriera al volante di una Hyundai i20 WRC ufficiale, ma versione 2015.

Da dimenticare il fine settimana di Kris Meeke e Jari-Matti Latvala. Il pilota irlandese della Citroen ha commesso subito un grave errore nella PS2, capottando la sua DS3 WRC ma riuscendo a proseguire la gara. Poi due forature, un testacoda e un problema a motore lo hanno costretto al ritiro. Il finlandese della Volkswagen, invece, ha rotto una sospensione a metà della seconda tappa e non ha più potuto proseguire la gara, ma già aveva perso tanti secondi a causa di una foratura nel corso della mattina.

Per quanto riguarda il Mondiale WRC2, la gara è stata dominata letteralmente dalle Fabia R5 del team Skoda Motorsport ufficiale. Jan Kopecky ha trionfato davanti al compagno di squadra Pontus Tidemand ed entrambi hanno chiuso all'interno della Top 10, rispettivamente in ottava e nona posizione.

condivisioni
commenti
Spagna, PS18: Latvala si ripete. Ogier è a una stage dal quarto titolo
Articolo precedente

Spagna, PS18: Latvala si ripete. Ogier è a una stage dal quarto titolo

Prossimo Articolo

Ogier come Kankkunen e Makinen: 4 titoli iridati. La caccia a Loeb continua

Ogier come Kankkunen e Makinen: 4 titoli iridati. La caccia a Loeb continua
Carica commenti
Video | Ceccarelli: "Perchè il pilota maturo può esprimersi al suo meglio?" Prime

Video | Ceccarelli: "Perchè il pilota maturo può esprimersi al suo meglio?"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine, analizzano il segreto della buona prestazione da parte di un pilota non giovanissimo. Nel Motorsport ci sono molti esempi: l'ultimo ed eclatante riguarda Sébastien Loeb e la vittoria del Rallye di Monte-Carlo...

WRC
26 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021