Ogier trionfa in Portogallo e sigla la vittoria numero 40 della carriera

M-Sport e il 4 volte iridato torna al successo dopo quello ottenuto nel prologo di Monte-Carlo. Neuville limita i danni chiudendo 2° nella generale e nella Power Stage. Sordo a podio.

Ogier trionfa in Portogallo e sigla la vittoria numero 40 della carriera
Sébastien Ogier, Julien Ingrassia, Ford Fiesta WRC, M-Sport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Dani Sordo, Marc Marti, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Ott Tänak, Martin Järveoja, Ford Fiesta WRC, M-Sport
Elfyn Evans, Daniel Barritt, Ford Fiesta WRC, M-Sport
Juho Hänninen, Kaj Lindström, Toyota Yaris WRC, Toyota Racing
Andreas Mikkelsen, Anders Jäger, Skoda Fabia R5
Mads Ostberg, Ola Floene, Ford Fiesta WRC
Stéphane Lefebvre, Gabin Moreau, Citroën C3 WRC, Citroën World Rally Team
Carica lettore audio

Le richieste e le indicazioni date da Sébastien Ogier nel corso delle ultime settimane hanno dato i loro frutti. Il 4 volte campione del mondo ha infatti centrato una strepitosa vittoria al Rally di Portogallo, sesto appuntamento del Mondiale Rally 2017.

Ogier ha ereditato la prima posizione nella seconda tappa dopo l'incredibile errore commesso da Ott Tanak, suo compagno di squadra, che stava comodamente controllando la corsa e sembrava avviato al primo successo della carriera nel WRC. Invece a festeggiare è stato proprio il campione di Gap, che ha così centrato il 40esimo successo della carriera, il quinto in Portogallo.

Purtroppo per lui nella Power Stage ha chiuso appena al quinto posto, prendendo 1 punto dunque non allungando in maniera significativa nei confronti di un veloce e coriaceo Thierry Neuville. Il belga della Hyundai si è confermato in grande condizione centrando il quarto podio consecutivo, ma non è riuscito a cogliere la terza vittoria consecutiva.

Il belga è stato però autore di un'eccellente rimonta, che lo ha portato dal decimo posto della prima tappa sino a chiudere a 15 secondi da Ogier. Sintomo di quanto sia cresciuto dopo i due errori clamorosi di inizio stagione che lo hanno privato di altrettante vittorie.

Il podio è stato completato da un solido e veloce Daniel Sordo. Forse lo spagnolo è stato la vera sorpresa del fine settimana, considerando che lo sterrato non è mai stato il suo fondo preferito. In Portogallo è stato solido e rapido in tutte e tre le tappe. Solo un guasto nella Tappa 2 gli ha fatto perdere secondi preziosi, ma per fortuna non il podio. Così Hyundai può festeggiare un altro ottimo risultato dopo quelli nelle ultime gare.

Ai piedi del podio Ott Tanak, che è arrivato al traguardo della Power Stage con il volto tirato. L'estone sa bene di aver gettato al vento la seconda grande occasione per vincere la prima gara nel Mondiale (dopo quella in Polonia lo scorso anno). Ecco perché il quarto podio è solo un debole lenitivo dopo un fine settimana come questo.

Craig Breen si conferma ancora una volta l'unica grande sicurezza del team Citroen Racing. Il quinto posto finale è il giusto premio per una gara veloce e costante, in cui l'irlandese ha mostrato grandi passi avanti rispetto alla passata stagione. Buona prova anche per Elfyn Evans, fermato nella seconda tappa da una sfortunata foratura. Le gomme DMACK si sono confermate molto valide su sterrato e con basse temperature, ma altrettanto delicate e inclini a forature che spesso hanno frenato il gallese.

Juho Hanninen è per la prima volta il miglior pilota Toyota al traguardo da inizio anno a questa parte. Il finnico ha compiuto una gara regolare e priva di acuti, aiutato anche dai numerosi ritiri e inconvenienti occorsi agli avversari nella prima tappa. Mads Ostberg ha portato la sua Fiesta Plus privata in ottava posizione davanti alle due Toyota Yaris ufficiali di Jari-Matti Latvala ed Esapekka Lappi. Latvala ha perso una grande occasione nella prima tappa, quando era in lotta per il successo. Un errore ha fatto capottare la sua Yaris e così ha gettato al vento una grande opportunità, ma anche la seconda posizione nella classifica generale ora nelle mani di Neuville.

Da sottolineare il grande esordio di Lappi, che fino a ieri pomeriggio occupava la quinta posizione assoluta. Poi un guasto e un errore lo hanno fatto scivolare sino al decimo posto. Rimane però la grande prova negli ultimi due giorni per quanto riguarda i riferimenti cronometrici, culminati con il quarto posto nella Power Stage. E se Toyota avesse già trovato la sua stella del futuro?

Quello che è successo in WRC2 è davvero incredibile. Andreas Mikkelsen ha dominato in lungo e in largo sin dalla prima speciale fino all'ultima, quando ha commesso un errore non da lui, capottando la sua Skoda Fabia R5 ufficiale. E così la vittoria è andata a Pontus Tidemand, sempre più leader della classifica generale di classe, trovatosi nelle mani un successo che sembrava ormai perduto sin dalla prima prova. Seconda posizione per Teemu Suninen, alla prima gara su sterrato con la Fiesta R5 EVO della carriera. Grande terzo posto per Simone Tempestini, al volante della Citroen DS3 R5.

Rally del Portogallo - Classifica finale

   PosizionePilota/navigatoreVetturaTempo/distacco
1 Ogier/Ingrassia Ford Fiesta WRC Plus 3.42'55”7
2 Neuville/Gilsoul Hyundai i20 Coupé WRC +15"6
3 Sordo/Martì Hyundai i20 Coupé WRC +1'01"7
4 Tanak/Jarveoja Ford Fiesta WRC Plus +1'30"2
5 Breen/Martin Citroen C3 WRC Plus +1'57"4
6 Evans/Barritt Ford Fiesta WRC Plus +3'10"6
7 Hanninen/Lindstrom Toyota Yaris Plus +3'48"9
8 Ostberg/Floene Ford Fiesta WRC Plus +5'29"7
9 Latvala/Anttila Toyota Yaris Plus +5'43"6
10 Lappi/Ferm Toyota Yaris Plus +8'13"3
condivisioni
commenti
Portogallo, PS18: acuto di Paddon, Ogier controlla su Neuville
Articolo precedente

Portogallo, PS18: acuto di Paddon, Ogier controlla su Neuville

Prossimo Articolo

Fotogallery: i momenti più emozionanti del Rally del Portogallo

Fotogallery: i momenti più emozionanti del Rally del Portogallo
Carica commenti
Video | Ceccarelli: "Perchè il pilota maturo può esprimersi al suo meglio?" Prime

Video | Ceccarelli: "Perchè il pilota maturo può esprimersi al suo meglio?"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine, analizzano il segreto della buona prestazione da parte di un pilota non giovanissimo. Nel Motorsport ci sono molti esempi: l'ultimo ed eclatante riguarda Sébastien Loeb e la vittoria del Rallye di Monte-Carlo...

WRC
26 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021