Neuville: "Non ho rimpianti in Spagna. Credo ancora nel titolo"

Prima una scelta errata di gomme, poi un guasto sulla sua i20 e, infine, una roccia a rovinare tutto. Weekend da dimenticare per il belga della Hyundai e il titolo è sempre più lontano. Ma lui ci crede ancora...

Neuville: "Non ho rimpianti in Spagna. Credo ancora nel titolo"
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
Dani Sordo, Marc Marti, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport ceckhing tyres
Thierry Neuville, Hyundai Motorsport

Il RallyRACC Catalunya ha regalato momenti di rinascita sportiva, di conferme e delusioni. E' così per tutte le gare del motorsport, ma in questo caso ha avuto un'importanza ben superiore al normale, perché potrebbe aver deciso le sorti del Mondiale Rally 2017.

La gara catalana avrebbe dovuto rappresentare per Thierry Neuville una delle tre opportunità per recuperare nei confronti di Sébastien Ogier, tornato in testa al Mondiale al termine del Rally di Germania, svolto prima della lunga pausa durata ben 6 settimane. Invece è stato l'esatto opposto. Un calvario.

La situazione si è complicata subito, con Neuville partito per la prima tappa - l'unica su gara - equipaggiato da 4 gomme Michelin Soft e altre due di scorta della medesima mescola. Gli avversari, invece, hanno fatto una scelta mista, 2 Soft e 2 Hard, rivelatasi quella corretta.

Dopo 28 chilometri le gomme di Neuville erano quasi sulle tele. A lui non è rimasto altro da fare che stringere i denti e chiudere la giornata senza troppi guai. Ma è stato il giorno successivo che ha segnato la sua gara.

Dopo un'ottima rimonta, Neuville si trovava a 1" dalla seconda posizione. Un guasto idraulico lo ha costretto ad alzare il piede nella PS9 e a prendere anche 30" di ritardo per essere arrivato tardi al Controllo Orario. Una vera beffa, che lo ha fatto sprofondare nuovamente in classifica.

Questo ha costretto il belga a prendere una decisione drastica: attaccare senza alcuna remora nelle speciali di domenica per provare a recuperare quante più posizioni possibili per rimanere a contatto con Ogier. La tattica ha funzionato sino alla PS16.

A quel punto, Thierry ha centrato una roccia che affiorava da un fosso posto a pochi centimetri dalla sede stradale mentre era intento a fare un taglio chiamato dalla traiettoria corretta per affrontare la curva destrorsa. Questa ha divelto un braccetto della sospensione anteriore destra, costringendolo al ritiro.

Ora al termine del campionato mancano appena 2 gare e il vantaggio di Ogier nel Mondiale è considerevole. Ma Neuville ha deciso di non arrendersi: "Ok, il rally per noi è finito. Una parte della sospensione si è rotta dopo il contatto con una roccia. Abbiamo provato di tutto oggi, abbiamo spinto al massimo".

"Siamo stati sfortunati ad aver avuto quel problema nella giornata di sabato e ora per noi è finita. Ovviamente non è certo stato il nostro fine settimana. Dopo ieri non avevo scelta. Dovevo attaccare fortissimo ed è quello che abbiamo fatto. Non ho alcun rimpianto. Il titolo? Ci credo ancora. Non è ancora finita e può succedere di tutto".

condivisioni
commenti
Fotogallery: il ritorno alla vittoria di Citroen e Meeke in Spagna

Articolo precedente

Fotogallery: il ritorno alla vittoria di Citroen e Meeke in Spagna

Prossimo Articolo

Sordo messo in panchina da Hyundai per il Rally di Australia

Sordo messo in panchina da Hyundai per il Rally di Australia
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie WRC
Evento Rally di Spagna
Piloti Thierry Neuville
Team Hyundai Motorsport
Autore Giacomo Rauli
Cosa rappresenta il Rallye Sanremo nella storia dei rally Prime

Cosa rappresenta il Rallye Sanremo nella storia dei rally

Giunto nel 2021 alla 67esima edizione, il Rallye Sanremo fa oggi parte del calendario del Campionato Italiano Rally. Ma la sua storia, anche recente, racconta di un evento celebre ben oltre i confini del Bel Paese. Una gara che tutti i più grandi campioni di rally hanno sognato di vincere.

CIR
8 apr 2021
WRC: cosa comporta la permanenza di Hyundai, Toyota e M-Sport Prime

WRC: cosa comporta la permanenza di Hyundai, Toyota e M-Sport

Hyundai, Toyota e M-Sport Ford hanno firmato un contratto triennale con FIA e promotori WRC per rimanere nel Mondiale Rally. Ecco cosa comporta il contratto e la scelta fatta dai tre team a medio-lungo termine.

WRC
8 apr 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
WRC: Solberg e Rovanpera, le stelle del futuro analizzate da vicino Prime

WRC: Solberg e Rovanpera, le stelle del futuro analizzate da vicino

Terenzio Testoni, Rally Activity manager di Pirelli, ha messo a confronto Kalle Rovanpera e Oliver Solberg, le due nuove stelle del WRC. Il manager sardo conosce bene entrambi grazie agli anni in cui Pirelli ha supportato le carriere di entrambi nel mondo del Rally. Ecco cosa è emerso...

WRC
9 mar 2021
Oliver Solberg: l'esordio strepitoso della futura stella del WRC Prime

Oliver Solberg: l'esordio strepitoso della futura stella del WRC

Analizziamo prova per prova, motivo per motivo, lo straordinario esordio di Oliver Solberg nella classe regina del WRC, avvenuto al volante di una Hyundai i20 Coupé al Rally Arctic Lapland. Il futuro è (anche) suo...

WRC
3 mar 2021
WRC: Le pagelle del Rally Arctic 2021 Prime

WRC: Le pagelle del Rally Arctic 2021

Il WRC 2021 ha affrontato la sua seconda tappa, in Finlandia, nel Rally Arctic. Tante le sorprese, in positivo e in negativo, in attesa del prossimo appuntamento in Croazia. Ecco le pagelle stilate e commentate da Giacomo Rauli e Beatrice Frangione.

WRC
2 mar 2021
WRC: perché nel 2022 arriva l'ibrido, ma non nuove Case? Prime

WRC: perché nel 2022 arriva l'ibrido, ma non nuove Case?

Il nuovo regolamento che introdurrà le vetture Rally1 a partire dal 2022 non è stato posticipato a causa della pandemia da COVID-19. L'ibrido era necessario, ma non ha ancora attirato al WRC alcuna nuova Casa...

WRC
22 feb 2021
WRC: M-Sport con la Puma nel 2022 per avere più supporto da Ford? Prime

WRC: M-Sport con la Puma nel 2022 per avere più supporto da Ford?

Ford Performance è stata coinvolta in prima persona nello sviluppo della nuova vettura per il WRC 2022. Ecco perché M-Sport dovrebbe far correre la Puma: non è solo questione di regolamento.

WRC
19 feb 2021