Monte-Carlo, PS2: Neuville risponde alla grande. Meeke fora, ma quanti errori nella scelta gomme!

condivisioni
commenti
Monte-Carlo, PS2: Neuville risponde alla grande. Meeke fora, ma quanti errori nella scelta gomme!
Di:
24 gen 2019, 20:48

Il belga della Hyundai vince la stage ma la sua tattica gomme non ha funzionato a dovere. Grave crisi di assetto e di gomme per Latvala, Lappi, Mikkelsen e Loeb. Meeke fora a 9 km dalla fine.

Archiviata la PS1, tutti erano in attesa di capire se la strategia gomme - o meglio, l'azzardo - di Thierry Neuville potesse pagare. E così è stato. Almeno in parte. Il pilota belga della Hyundai ha dominato la seconda stage del Rallye Monte-Carlo 2019, primo appuntamento del nuovo Mondiale Rally, e ha regalato alla Hyundai il primo scratch del suo 2019.

Neuville ha vinto la Avançon - Notre Dame du Laus, lunga 20,59 chilometri, spingendo a fondo e sfruttando bene le sue 4 gomme Michelin Supersoft montate a inizio gara. Se nella prova precedente erano state il limite, in questa sono state l'arma in più, ma non quanto avrebbe voluto.

Neuville, dietro sé, ha fatto il vuoto, ma Ott Tanak e Sébastien Ogier hanno resistito nonostante abbiano comunque perso tanti secondi. La loro prova è stata aiutata anche dal fatto che il fondo non presentava il ghiaccio della stage precedente, ma era comunque molto più scivolosa rispetto a come l'abbiano trovata successivamente i loro avversari.

Questo ha permesso all'estone della Toyota di chiudere in vetta alla classifica generale la prima giornata di gara e a Ogier di resistere in seconda posizione, anche se a oltre 9" da Tanak. Neuville è a 14" dall'estone, ma i tre che lo scorso anno si sono giocati il titolo Mondiale Piloti sino all'ultima gara hanno già fatto selezione nei confronti di tutti gli altri.

Da Jari-Matti Latvala (sceso per quarto in speciale) in poi, il tracciato si è letteralmente asciugato. Tutti i piloti dietro Neuville erano dotati di gomme chiodate, che sull'asfalto secco hanno faticato dal primo all'ultimo centimetro della prova. Non è un caso che Esapekka Lappi, quarto nella generale, si trovi a 45"2 dalla vetta. Distacchi abissali dettati dalla scelta gomme.

Per Neuville uno smacco, perché se Tanak e Ogier fossero entrati in speciale qualche minuto più tardi, ora non sarebbero certo davanti a lui nella classifica generale. Tornando a Lappi, il pilota della Citroen ha faticato con un assetto troppo morbido sulla sua C3, ma anche per le gomme. Stesso discorso per Latvala, quinto nella generale e molto vicino al connazionale ed ex compagno di squadra. Domani sarà davvero una bella lotta per la prima posizione, ma anche per il quarto posto.

Vicino a Lappi e Latvala troviamo infatti un ottimo Elfyn Evans. Il gallese sta tenendo alta la bandiera del team M-Sport Ford trovandosi ad appena 3" dal quarto posto con la prima Ford Fiesta WRC Plus ufficiale. Per lui un avvio solido, anche se per giudicarlo meglio dovremo aspettare di vedere il suo ritmo nella giornata di domani.

Chi ha mostrato palesi difficoltà in questa prova è stato Andreas Mikkelsen, seguito a ruota da un insospettabile Sébastien Loeb. Il 9 volte iridato è riuscito a vincere il RallyRACC Catalunya 2018 proprio grazie a una perfetta strategia gomme. In questo caso, invece, è stato vittima di una scelta conservativa che si è rivelata la peggiore possibile, considerando l'ordine di partenza di queste prime speciali.

Dopo una partenza davvero promettente, Kris Meeke è arrivato al traguardo della PS2 con oltre 1 minuto di ritardo nei confronti di Thierry Neuville. A frenare il nord-irlandese è stata una foratura alla gomma anteriore destra che si è verificata circa a 9 chilometri dalla fine della prova. Meeke aveva però già perso tanti secondi nei primi intermedi della prova, vittima a sua volta della scelta gomme non certo redditizia.

E' lecito non aspettarsi grandi cose da Pontus Tidemand. Lo svedese sta facendo pratica al volante della terza Fiesta Plus del team M-Sport e al momento si trova in decima posizione. Il suo compagno di squadra Teemu Suninen si è invece ritirato al termine della PS1 per l'uscita di strada.

Per quanto riguarda il WRC2, la gara ha perso subito il protagonista più atteso. Nella PS1 Kalle Rovanpera è finito in un fosso danneggiando la sua Skoda Fabia. Il talento finlandese è riuscito a riprendere la corsa, perdendo però oltre 4'. In vetta alla classifica di categoria troviamo Yoann Bonato, al volante della Citroen C3 R5 ufficiale.

Ora i piloti andranno al riordino, poi alla Media Zone e ci sarà il Service per sistemare le vetture in vista della giornata di domani, quando verranno svolte le prime stage alla luce del sole di questo WRC 2019. La prima speciale sarà alle ore 9:11. Motorsport.com vi racconterà come sempre il WRC speciale per speciale.

Rallye Monte-Carlo 2019 - Classifica generale dopo la PS2

    Posizione Pilota/navigatore Vettura Tempo/distacco
1 Tanak/Jarveoja Toyota Yaris WRC 26'33”0
2 Ogier/Ingrassia Citroen C3 WRC +9"1
3 Neuville/Gilsoul Hyundai i20 Coupé WRC +14"3
4 Lappi/Ferm Citroen C3 WRC +45"2
5 Latvala/Anttila Toyota Yaris WRC +46"4
6 Evans/Martin Ford Fiesta WRC +48"2
7 Meeke/Marshall Toyota Yaris WRC +53"8
8 Loeb/Elena Hyundai i20 Coupé WRC +55"2
9 Mikkelsen/Jaeger Hyundai i20 Coupé WRC +59"6
10 Tidemand/Floene Ford Fiesta WRC +1'41"1
Prossimo Articolo
Monte-Carlo, PS1: Toyota super con Tanak e Meeke. Neuville prova l'azzardo con gomme senza chiodi

Articolo precedente

Monte-Carlo, PS1: Toyota super con Tanak e Meeke. Neuville prova l'azzardo con gomme senza chiodi

Prossimo Articolo

Monte-Carlo: Suninen costretto al ritiro per il tamponamento involontario di Rovanpera!

Monte-Carlo: Suninen costretto al ritiro per il tamponamento involontario di Rovanpera!
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WRC
Evento Rally di Monte Carlo
Sotto-evento Giorno 1
Autore Giacomo Rauli