Messico, PS16: Ogier cala il tris ed è sempre più leader della gara

condivisioni
commenti
Messico, PS16: Ogier cala il tris ed è sempre più leader della gara
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
10 mar 2018, 23:48

Il francese del team M-Sport Ford vince la terza speciale di fila e allunga ancora su Meeke. Sordo resiste in terza posizione anche se ha solo una gomma di scorta dopo la foratura nella PS14.

Sébastien Ogier continua nel suo "one man show" e cala il suo personale tris. Non un tris in una mano vincente di poker, ma di speciali, che ha consentito a lui e al suo navigatore Julien Ingrassia di salire in vetta alla classifica generale e di aprire una forbice sempre più ampia nei confronti dei diretti rivali per la vittoria al Rally del Messico 2018.

Il francese del team M-Sport ha vinto anche la Prova Speciale 16, la El Brinco 2 di 9,98 chilometri, battendo proprio Kris Meeke e la sua Citroen C3 WRC numero 10 di 2"6 e il terzo contendente per la vittoria Daniel Sordo su Hyundai i20 Coupé.

Lo spagnolo continua a correre con grande cautela, perché la foratura subita nella PS14 lo ha lasciato con una sola gomma di scorta e alla fine della seconda tappa messicana mancano ancora tre speciali. Certo, saranno molto corte, ma trovarsi senza gomme non è mai una bella situazione, a prescindere dalla lunghezza delle stage da disputare.

Buon tempo anche per Sébastien Loeb, ma anche il francese della Citroen si trova nella stessa situazione di Sordo, avendo sostituito una delle due gomme di scorta nella PS14, la speciale in cui ha patito la foratura che gli ha fatto perdere la possibilità di vincere il Rally del Messico nella gara del suo rientro nel WRC a tre anni dall'ultima apparizione ufficiale.

Thierry Neuville continua a litigare con il differenziale della sua Hyundai i20 e anche in questa prova è finito per urtare un muro di terra a bordo strada dopo essere finito largo in una curva destrorsa. Anche in questo caso il belga è riuscito a evitare guai di ampia entità, ma al termine della prova ha dovuto sostituire la ruota posteriore sinistra, perché al traguardo era rimasto solo il cerchione.

Continua a essere in ghiaccio la situazione nel WRC2, con Pontus Tidemand che controlla l'enorme vantaggio che ha nei confronti di Gus Greensmith, ossia il primo degli inseguitori. La Skoda Fabia R5 ha una marcia in più rispetto alle vetture concorrenti e Tidemand ha l'esperienza necessaria per portarla a vincere anche sugli sterrati messicani.

Rally del Messico - Classifica generale dopo la PS16

      PosizionePilota/navigatoreVetturaTempo/distacco
1 Ogier/Ingrassia Ford Fiesta WRC 3.20'43”8
2 Meeke/Nagle Citroen C3 WRC +37"1
3 Sordo/Del Barrio Hyundai i20 Coupé WRC +44"5
3 Mikkelsen/Jaeger Hyundai i20 Coupé WRC +1'30"0
5 Loeb/Elena Citroen C3 WRC +2'17"0
6 Neuville/Gilsoul Hyundai i20 Coupé WRC +4'44"7
7 Tidemand/Andersson Skoda Fabia R5 +9'14"8
8 Greensmith/Parry Ford Fiesta R5 EVO2 +14'51"7
9 Latvala/Anttila Toyota Yaris WRC +15'57"7
10 Heller/Olmos Ford Fiesta R5 EVO2 +21'22"7
Prossimo articolo WRC

Su questo articolo

Serie WRC
Evento Rally del Messico
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Prova speciale