Il WRC fa prove di 2020: in atto le valutazioni sul rientro dei Rally di Giappone e Safari!

I promotori di WRC e FIA sono rispettivamente ad Aichi e a Nairobi per valutare progetti e percorso delle due gare che hanno alte possibilità di entrare a far parte del calendario 2020 del Mondiale Rally.

Il WRC fa prove di 2020: in atto le valutazioni sul rientro dei Rally di Giappone e Safari!

WRC e FIA stanno facendo le prove generali per stilare il calendario 2020 del Mondiale Rally. Nelle ultime ore la delegata della sicurezza della FIA, Michele Mouton, si è recata a Nairobi per svolgere un programma molto importante.

L'ex pilota di WRC dovrà verificare dal punto di vista della sicurezza l'intero percorso che dovrebbe costituire il Safari Rally a partire dalla prossima stagione, ovvero quando la storica gara rientrerà nel Mondiale.

La Mouton guiderà per tutto il percorso per verificare la reale sicurezza dei piloti e degli spettatori che si recheranno a vedere la corsa, qualora fosse giudicato idoneo per fare il proprio rientro nel calendario WRC a partire dalla prossima stagione.

Il suo compito sarà anche quello di verificare strade alternative se venissero trovati tratti troppo pericolosi.

Leggi anche:

C'è di più, perché proprio negli stessi istanti in cui Michele Mouton è impegnata nella verifica del percorso del Safari Rally, il promotore del WRC Oliver Ciesla si trova in Giappone per un altro compito molto importante.

I promotori del Rally del Giappone hanno presentato la candidatura ufficiale della gara per entrare a far parte del calendario WRC a partire dalla prossima stagione.

I promotori dell'evento avevano già presentato un dossier sulla gara l'anno scorso, ma non era stato preso in considerazione per questa stagione. Il dossier di quest'anno, evidentemente, ha colpito di più i vertici del WRC, specialmente dopo la vittoria del titolo Mondiale Costruttori ottenuta dalla Toyota pochi mesi fa.

Nella proposta presentata ai promotori del WRC e alla FIA, il Rally del Giappone è situato nella prefettura di Aichi, mentre il Parco Assistenza è previsto all'Expo Memorial Park a Nagakute, sempre nella prefettura di Aichi.

La gara si disputerà su asfalto e dovrebbe trovare collocazione nel calendario tra la fine del mese di novembre 2020 e l'inizio di dicembre, dunque poco prima del Rally d'Australia, che continuerà a chiudere il Mondiale così com'è avvenuto nelle ultime stagione.

La decisione sul rientro del Rally del Giappone dovrebbe essere presa nel mese di novembre e ratificata nel Consiglio Mondiale del motorsport di dicembre. Intanto i promotori della gara hanno presentato in queste ore il logo che avrà la gara qualora dovesse tornare nel calendario WRC dal 2020.

Colin McRae
Colin McRae
1/15

Foto di: Ford Motor Company

Kenneth Eriksson, Peter Diekmann, Volkswagen GTi
Kenneth Eriksson, Peter Diekmann, Volkswagen GTi
2/15

Foto di: Ferdi Kräling Motorsport-Bild GmbH

Kenneth Eriksson, Peter Diekmann, Volkswagen GTi
Kenneth Eriksson, Peter Diekmann, Volkswagen GTi
3/15

Foto di: Ferdi Kräling Motorsport-Bild GmbH

Colin McRae
Colin McRae
4/15

Foto di: Ford Motor Company

Colin McRae
Colin McRae
5/15

Foto di: Ford Motor Company

Carlos Sainz, Luis Moya, Toyota Celica GT4
Carlos Sainz, Luis Moya, Toyota Celica GT4
6/15

Foto di: LAT Images

Björn Waldegård, Hans Thorszelius, Toyota Celica Twin Cam Turbo
Björn Waldegård, Hans Thorszelius, Toyota Celica Twin Cam Turbo
7/15

Foto di: Toyota Racing

Sandro Munari, Lofty Drews, Lancia Stratos HF
Sandro Munari, Lofty Drews, Lancia Stratos HF
8/15

Foto di: LAT Images

Juha Kankkunen, Juha Piironen, Toyota Celica Turbo 4WD
Juha Kankkunen, Juha Piironen, Toyota Celica Turbo 4WD
9/15

Foto di: LAT Images

Bjorn Waldegaard, Hans Thorszelius, Lancia Strato
Bjorn Waldegaard, Hans Thorszelius, Lancia Strato
10/15

Foto di: LAT Images

Richard Burns, Robert Reid, Subaru Impreza
Richard Burns, Robert Reid, Subaru Impreza
11/15

Foto di: LAT Images

Carlos Sainz, Luis Moya, Toyota Corolla WRC
Carlos Sainz, Luis Moya, Toyota Corolla WRC
12/15

Foto di: Sutton Motorsport Images

Carlos Sainz, Luis Moya, Ford Focus WRC
Carlos Sainz, Luis Moya, Ford Focus WRC
13/15

Foto di: Sutton Motorsport Images

Carlos Sainz, Luis Moya, Toyota Corolla WRC
Carlos Sainz, Luis Moya, Toyota Corolla WRC
14/15

Foto di: Sutton Motorsport Images

Carlos Sainz, Luis Moya, Toyota Celica Turbo 4WD ST185
Carlos Sainz, Luis Moya, Toyota Celica Turbo 4WD ST185
15/15

Foto di: LAT Images

condivisioni
commenti
M-Sport Ford: brucia ancora la sconfitta in Corsica, ma la Fiesta è ancora al top
Articolo precedente

M-Sport Ford: brucia ancora la sconfitta in Corsica, ma la Fiesta è ancora al top

Prossimo Articolo

Il Campionato Francese Rally ammette le WRC Plus: che vantaggio per le Case del Mondiale!

Il Campionato Francese Rally ammette le WRC Plus: che vantaggio per le Case del Mondiale!
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021