Hyundai svela il nuovo diffusore 2017 della i20 per i rally su asfalto

Daniel Sordo e Marc Martì sono impegnati in un test su asfalto della nuova Hyundai i20 New Generation WRC Plus 3 porte. Montato per la prima volta un nuovo diffusore che sarà usato nei rally su questo fondo.

Hyundai svela il nuovo diffusore 2017 della i20 per i rally su asfalto
Hyundai i20 New Generation WRC Plus
Daniel Sordo, Marc Marti, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Daniel Sordo, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Hyundai i20 WRC 2017
Hyundai i20 WRC 2017
Hyundai i20 WRC 2017
Hyundai i20 WRC 2017

Il giorno dopo aver completato la line up piloti per il 2017 con la riconferma per le prossime due stagioni di Thierry Neuville e Nicolas Gilsoul, Hyundai è tornata a volgere la propria attenzione allo sviluppo della i20 New Generation WRC Plus 3 porte.

La vettura che dovrà correre nel Mondiale Rally a partire dalla prossima stagione sarà impiegata in un intenso programma di test nel corso di questo mese, perché tra meno di 4 settimane dovrà essere omologata dalla Federazione Internazionale dell'Automobile in vista del debutto a fine gennaio al Rally di Monte-Carlo.

Oggi ha preso il via il primo turno di prove della settimana. La i20 2017 sta affrontando un test su asfalto in Germania, ovvero lo stato che ospita il quartier generale di Hyundai Motorsport. Al volante della versione a 3 porte della vettura coreana l'equipaggio formato da Daniel Sordo e Marc Martì.

La grande novità provata oggi dallo spagnolo è il nuovo diffusore posteriore che, verosimilmente, è dedicato esclusivamente agli appuntamenti su asfalto. Nei test su sterrato - in Portogallo - della scorsa settimana, Kevin Abbring ne aveva provato uno piuttosto differente.

Oltre alle consuete paratie laterali, il diffusore per gli sterrati è composto da altri quattro deviatori di flusso verticali, sistemati in maniera tale da formare tre canali stretti di uscita dell'aria dal fondo e due più grandi. Quello che ha debuttato oggi, invece, ha sei deviatori di flusso verticali (oltre alle consuete paratie) e sono egualmente distanti l'una dall'altra. Una sorta di "pettine".

A differenza di Citroen, Toyota e Volkswagen, Hyundai non ha ancora mostrato fori sui passaruota posteriori o nel paraurti retrostante per permettere a terra, ghiaia e polvere di defluire rapidamente dalle ruote, senza creare così resistenza aerodinamica. Probabilmente queste modifiche saranno introdotte a partire dal prossimo test su sterrato, che verrà svolto questo mese.

 

Kevin Abbring, Hyundai i20 New Generation WRC Plus 2017
Kevin Abbring, Hyundai i20 New Generation WRC Plus 2017 e il nuovo diffusore per gli sterrati

Photo by: Kevin Abbring

condivisioni
commenti
Thierry Neuville ha rinnovato con la Hyundai fino al 2018
Articolo precedente

Thierry Neuville ha rinnovato con la Hyundai fino al 2018

Prossimo Articolo

Ogier, quarto titolo a un passo: in Spagna basterà un terzo posto più un punto

Ogier, quarto titolo a un passo: in Spagna basterà un terzo posto più un punto
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021