Hyundai arrabbiata con Neuville, ma la i20 N.G. non vale ancora la Polo

Thierry Neuville finisce fuori strada nel tentativo di seguire le Polo R WRC di Ogier e Latvala e non prende punti per la seconda gara di fila. La i20 WRC New Generation è superiore alla vettura 2015, ma non ancora a livello delle Volkswagen.

Hyundai arrabbiata con Neuville, ma la i20 N.G. non vale ancora la Polo
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport

I sogni di successo per Thierry Neuville e Hyundai si sono infranti molto presto, dopo poche speciali dall'avvio del Rally del Messico, terzo appuntamento del Mondiale Rally 2016.

Dopo una partenza molto promettente, in cui il belga si trovava a pochi decimi di secondo dalla Volkswagen Polo R WRC di Sébastien Ogier, il belga ha commesso un errore nel corso della Prova Speciale 4 ed è finito fuori strada, rompendo la sospensione anteriore sinistra della sua Hyundai i20 WRC New Generation.

L'incidente ha messo Neuville fuori gioco, ma ha anche privato il team di Alzenau di un possibile ottimo risultato, perché sembrava l'unico in grado di poter lottare con le Volkswagen. La beffa è poi arrivata a poche ore dal podio, con la penalizzazione comminata a Dani Sordo e la conseguente perdita del terzo posto a favore di Mads Ostberg.

I vertici Hyundai arrabbiati con Neuville

Al termine della seconda tappa in Messico c'era malumore nella stupenda hospitality Hyundai, situata al parco assistenza. Il motivo è piuttosto semplice: dopo il primo incidente, Neuville è rientrato in gara per tentare di marcare punti, ma è stato autore di un altro crash, che lo ha addirittura costretto ad andare in ospedale per alcuni accertamenti.

Le condizioni fisiche di Neuville si sono rivelate buone, ma il secondo incidente del belga non è andato giù al team di Alzenau, che si trova in lotta con Volkswagen per il primo posto nel Mondiale Costruttori. Le squadre sono divise da pochi punti e un arrivo tra i primi dieci di Thierry sarebbe stato oro colato per la casa coreana.

Nei primi due appuntamenti della stagione, Neuville ha mostrato di essersi ampiamente ripreso dopo una seconda parte di Mondiale 2015 ben al di sotto dei consueti standard forniti nel 2014. Il team lo ha capito e lo sta supportando, ma dovrà subito rifarsi in Argentina, possibilmente senza commettere errori grossolani.

La Polo R WRC è ancora migliore della i20 WRC N.G.

Al termine della competizione messicana, Thierry Neuville si è pubblicamente scusato con il team, affermando di aver capito l'errore e che tenterà di evitare di ripeterlo in futuro.

Al momento dell'incidente, Neuville era concentrato nel tentare di mantenere il passo di Ogier e delle Polo R WRC. Il dubbio è che seguire per tutta la durata di un rally le Volkswagen sia ancora difficile per i tre alfieri Hyundai. La i20 WRC New generation è un deciso passo avanti rispetto alla versione che ha corso sino all'ultima gara dello scorso anno, ma le prestazioni delle due vetture non sono ancora comparabili, con la creatura di Wolfsburg che è in possesso di un ritmo ancora inarrivabile per le dirette concorrenti.

A rivelare il gap che ancora esiste tra la Polo e la i20 è lo stesso Neuville, dati alla mano il pilota più veloce Hyundai in questo avvio di Mondiale: "Dobbiamo certamente continuare a spingere, ma forse dovremo cambiare il nostro obiettivo: lo scopo per i prossimi rally non sarà la vittoria, bensì il podio. In questo modo dovremmo evitare incidenti di questo tipo. La vettura è comunque buona". 

In questo modo, però, la Hyundai potrà solo inseguire il Mondiale Costruttori, sperando di poter fare meglio la prossima stagione con il cambio di regolamento. Al momento, la lotta per il titolo piloti sembra ancora un discorso circoscritto tra i piloti Volkswagen, o forse solo al campione del mondo in carica, che non accenna cali di tensione ed è già in fuga.

condivisioni
commenti
Ford e M-Sport da record: 200 arrivi a punti consecutivi dal 2002 a oggi

Articolo precedente

Ford e M-Sport da record: 200 arrivi a punti consecutivi dal 2002 a oggi

Prossimo Articolo

Max Rendina ed Emanuele Inglesi sul podio del WRC2 al Rally del Messico

Max Rendina ed Emanuele Inglesi sul podio del WRC2 al Rally del Messico
Carica commenti
WRC, mercato piloti 2022: tutti i dubbi di Toyota e M-Sport Prime

WRC, mercato piloti 2022: tutti i dubbi di Toyota e M-Sport

Giunti a metà stagione 2021, facciamo il punto sul mercato piloti per la stagione WRC 2022. Solo Hyundai si è assicurata top driver. Toyota attende le mosse future di Ogier, M-Sport le occasioni migliori.

WRC
24 lug 2021
WRC: Rovanpera fa la storia, ma ora arriva la parte difficile Prime

WRC: Rovanpera fa la storia, ma ora arriva la parte difficile

Al Rally Estonia Kalle Rovanpera è diventato il pilota più giovane ad aver vinto un rally Mondiale, togliendo il record al suo attuale team principal Jari-Matti Latvala. Ora, per il finnico, arriva la parte difficile: confermarsi e migliorare ancora.

WRC
21 lug 2021
Pagelle WRC: In Estonia Tanak padrone di casa senza chiavi Prime

Pagelle WRC: In Estonia Tanak padrone di casa senza chiavi

Il Rally Estonia ha regalato tanti promossi, tanti bocciati e...tante sorprese. Le pagelle stilate e commentate da Giacomo Rauli e Beatrice Frangione.

WRC
20 lug 2021
WRC: come e perché M-Sport ha scelto la Puma come Rally1 Prime

WRC: come e perché M-Sport ha scelto la Puma come Rally1

Analizziamo la nuova arma del team M-Sport Ford per il WRC 2022, la Puma Rally1 ibrida. Differenze e peculiarità con la Fiesta WRC Plus, ma anche novità dettate dal regolamento e dalla necessità di ritrovare il carico aerodinamico perso.

WRC
11 lug 2021
Moya: "Dovevo essere medico, sono diventato Campione WRC" Prime

Moya: "Dovevo essere medico, sono diventato Campione WRC"

Luis Moya, una vita ricca di svolte, imprevisti e incredibili avventure. In questa intervista di Giacomo Rauli, responsabile di sezione per Motorsport.com, andiamo a scoprire la storia e i retroscena dell'ex copilota e bicampione del Mondo WRC.

WRC
6 lug 2021
McRae: il ricordo dell'ultimo, grande, successo al Safari Prime

McRae: il ricordo dell'ultimo, grande, successo al Safari

Quest'anno il Safari è tornato nel calendario del WRC dopo una attesa lunga 19 e per celebrare questo ritorno ricordiamo l'ultima, straordinaria, vittoria in carriera firmata Colin McRae.

WRC
1 lug 2021
Pagelle WRC: Nov...ille, ma vince Ogier Prime

Pagelle WRC: Nov...ille, ma vince Ogier

Il Rally Safari ha regalato emozioni, in positivo, e in negativo. Dai problemi Hyundai, al vincitore Ogier, fino a chiudere in bellezza con un meraviglioso esempio di vita. Ecco le pagelle commentate e stilate da Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
29 giu 2021
Adamo: "Hyundai, ecco il presente e il futuro nel motorsport" Prime

Adamo: "Hyundai, ecco il presente e il futuro nel motorsport"

Abbiamo intervistato in esclusiva il Team Principal di Hyundai Motorsport, Andrea Adamo, in occasione della gara inaugurale a Vallelunga del campionato PURE ETCR dedicato alle vetture da turismo elettriche, in cui la casa coreana è impegnata con la Veloster N. In questa chiaccherata, emerge l'impegno di Hyundai nel futuro, dove vengono dissipate le nubi sulle voci che la vedono a Le Mans e nell'Endurance

WRC
23 giu 2021