Duro attacco di Meeke a Citroen dopo la bandiera rossa causata da Lappi, poi si scusa

Il pilota della Toyota ha puntato il dito contro il team francese per aver "chiamato" la bandiera rossa nella PS10 e aver così aiutato Ogier a mantenere la leadership del Rally del Messico. Poi ha pubblicato un video di scuse.

Duro attacco di Meeke a Citroen dopo la bandiera rossa causata da Lappi, poi si scusa
Carica lettore audio

Il Rally del Messico è finito ieri, ma alcune scorie lo hanno tenuto aperto più del previsto. Kris Meeke è stato protagonista di alcune dichiarazioni al veleno nei confronti del suo ex team, Citroen Racing, rea di aver adottato una tattica di gara sfruttando l'incidente di Esapekka Lappi negli ultimi chilometri della PS10 e di aver attivato la procedura per chiedere l'esposizione della bandiera rossa.

Questa, di fatto, ha aiutato molto Sébastien Ogier che in quel frangente stava perdendo tanti secondi da Kris Meeke - poi vincitore della speciale e secondo nella classifica generale - a causa di una foratura avvenuta nei primi chilometri della speciale.

"Non c'era alcun motivo di esporre bandiera rossa in quel frangente. Quando accade, è perché c'è qualcuno in pericolo. Io stesso ero preoccupato e volevo scoprire se ci fossero stati feriti. Chiedendo a Lappi di attivare l'allarme, Citroen ha semplicemente compiuto una disgustosa mossa strategica per mantenere Ogier in testa", aveva dichiarato Meeke poco dopo l'esposizione della bandiera rossa nella PS10.

"Sfortunatamente in Citroen sono abituati a questo tipo di pratica. Li conosco abbastanza bene per dirlo. Sono marci fino al midollo e hanno abusato di una violazione dei regolamenti. Bisogna fare qualcosa per evitare tutto ciò, perché non è giusto".

Se Citroen non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali per difendere la propria posizione sull'accaduto, Sébastien Ogier ha risposto per le rime alle accuse dell'ex pilota della Citroen, ora titolare alla Toyota, affermando che il tempo imposto dalla Direzione Gara per la PS10 non era certo entusiasmante.

"E' un peccato che Kris abbia detto determinate cose. Non riesco a immaginare una squadra che chiede a uno dei suoi piloti di far uscire un proprio pilota per favorire l'altro. Inoltre, non sono stato così fortunato come si dice, perché il tempo che mi hanno accreditato non era eccezionale...".

In realtà, la Direzione Gara ha dato - involontariamente - una bella mano al pilota della Citroen. Al terzo intermedio era infatti già a 18" di ritardo nei confronti di Kris Meeke, che poi ha vinto la prova. Dunque i 22" che ha ricevuto sono da considerarsi tutto sommato una vera fortuna, perché avrebbe perso molto di più considerando la gomma forata e la quantità di chilometri ancora da coprire prima del termine della speciale.

Leggi anche:

A qualche ora dal termine del Rally del Messico, il pilota nord-irlandese della Toyota ha pubblicato un video sui propri canali social per scusarsi delle sue affermazioni fatte nel corso del terzo appuntamento del WRC 2019.

"Voglio chiedere sinceramente scusa dal profondo del mio cuore a tutti i membri del team Citroen", ha dichiarato Meeke. "Ho fatto alcuni commenti molto brutti, non avrei dovuto parlare di tattiche sporche adottate da loro".

"In quel momento, a caldo, è stato molto difficile capire come siano andate le cose e le coincidenze che ci sono state. Ma voglio chiedere scusa con sincerità".

 
condivisioni
commenti
Ogier trionfa al Rally del Messico e si rilancia nel Mondiale. Tanak secondo
Articolo precedente

Ogier trionfa al Rally del Messico e si rilancia nel Mondiale. Tanak secondo

Prossimo Articolo

Ogier: "Vincere in Messico è stato difficile, ho lottato con un guasto nato per colpa mia"

Ogier: "Vincere in Messico è stato difficile, ho lottato con un guasto nato per colpa mia"
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri Prime

Le migliori gare del 2021: Rovanpera all'Acropoli non fa prigionieri

Prosegue la nostra review PRIME delle gare più belle del 2021. Questa volta è il turno del Rally dell'Acropoli di WRC, con Rovanpera che coglie il secondo successo in carriera dopo il Rally d'Estonia, ma è il primo in cui domina in lungo e in largo. Non c'è mai stata storia e il futuro sembra suo.

WRC
27 dic 2021
Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato Prime

Le migliori gare del 2021: a Monte-Carlo Ogier diventa re del Principato

Il Rallye Monte-Carlo, ovvero l'evento più conosciuto al mondo per quanto riguarda il WRC, ha regalato nel 2021 un'edizione in cui abbiamo potuto assistere all'one man show di Sébastien Ogier, diventato il pilota più vincente della storia nel Principato grazie a una prova di forza senza precedenti.

WRC
23 dic 2021
I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC Prime

I pro e contro del terzo ritorno di Sébastien Loeb nel WRC

Sébastien Loeb correrà part time nel WRC con M-Sport, al volante della Ford Puma Rally1 ibrida. Analizziamo pro e contro di questa scelta che riporta il 9 volte iridato nel Mondiale Rally all'età di 47 anni.

WRC
21 dic 2021
Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra Prime

Pagelle WRC | M-Sport, è l'ultimo anno nell'ombra

Quando punti i tuoi fondi al 2022 e quando punti sull'inesperienza, ottieni il 2021 di M-Sport. Andiamo ad analizzare il campionato del team britannico in questo video di Motorsport.com, con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli.

WRC
14 dic 2021
WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo Prime

WRC | Cosa perde Hyundai senza Andrea Adamo

Andrea Adamo ha lasciato la guida di Hyundai Motorsport WRC dopo 36 mesi e 2 titoli iridati, i primi della storia per la casa coreana nel Mondiale Rally. Ecco qual è l'eredità del manager italiano e quali sono i punti da cui Hyundai dovrà ripartire.

WRC
8 dic 2021
Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti Prime

Pagelle WRC | Hyundai, un 2021 di rimpianti

In questo 2021 fatto di rimpianti per Hyundai, gran parte della colpa è dell'affidabilità. Con Beatrice Frangione e Giacomo Rauli, analizziamo la stagione del team sudcoreano nel nuovo video di Motorsport.com.

WRC
7 dic 2021
Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto Prime

Video WRC | Pagelle: Toyota, l'anno perfetto

Un doppio titolo mondiale per chiudere una stagione praticamente perfetta, reso possibile da un insieme di fattori: una buona macchina, una nuova dirigenza e un team impeccabile. In questo nuovo video di Motorsport.com, Beatrice Frangione e Giacomo Rauli commentano la prestazione della Toyota Gazoo Racing, vincitrice assoluta del mondiale WRC 2021.

WRC
30 nov 2021
Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC Prime

Ecco cosa ha reso Richard Burns una leggenda del WRC

20 anni fa Richard Burns vinceva il primo e unico titolo iridato WRC della sua carriera, esattamente 4 anni prima di morire a causa di un tumore al cervello che lo ha portato via il 25 novembre 2005. Ecco cosa lo ha reso un pilota speciale, anche contro mostri sacri del WRC quali McRae, Makinen, Sainz e Gronholm.

WRC
27 nov 2021