Budar conferma: "Citroen Racing resta sicuramente nel WRC almeno sino al 2020"

condivisioni
commenti
Budar conferma:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
07 giu 2018, 13:41

L'attuale regolamento tecnico consente alle 4 Case impegnate nel WRC di essere spesso sullo stesso livello prestazionale e questo crea l'incertezza cercata dai team e dai promotori del campionato.

Mads Osberg, Torstein Eriksen, Citroën C3 WRC, Citroën World Rally Team
Mads Osberg, Torstein Eriksen, Citroën C3 WRC, Citroën World Rally Team
Mads Osberg, Torstein Eriksen, Citroën C3 WRC, Citroën World Rally Team
Kris Meeke, Paul Nagle, Citroën C3 WRC, Citroën World Rally Team
Kris Meeke, Paul Nagle, Citroën C3 WRC, Citroën World Rally Team
Mads Osberg, Torstein Eriksen, Citroën C3 WRC, Citroën World Rally Team

A poche ore dall'avvio vero e proprio del Rally Italia Sardegna, settimo appuntamento del WRC 2018, arriva un'importante conferma per il futuro della massima categoria del rally.

Pierre Budar, direttore di Citroen Racing subentrato a Yves Matton, ha infatti confermato la presenza nel WRC della Casa francese almeno sino al termine del 2020, ossia sino a quando sarà in vigore l'attuale regolamento tecnico.

"Citroen Racing correrà certamente nel WRC anche il prossimo anno. E' normale che sia confermato e lo è al 100%. Continueremo certamente sino al 2020", ha dichiarato il vertice di Citroen Racing questo pomeriggio..

Budar aveva già affermato a Motorsport.com di gradire particolarmente l'attuale regolamento tecnico e sportivo che ha reso il WRC una categoria molto appassionante e allo stesso modo incerta.

"Il nostro programma nel WRC è scattato nel 2017 e il nostro coinvolgimento nel WRC va da 3 a 5 anni. Dunque 2019-2021. Io penso che le regole attuali non siano affatto male. Con queste regole abbiamo nel WRC 4 Costruttori nel Mondiale e questi 4 Costruttori hanno performance molto simili tra le loro vetture. Quando prendiamo parte a ogni gara del calendario, tutti e quattro hanno possibilità di vincere, fare grandi tempi nelle stage".

"Le performance sono molto vicine. Il regolamento è fatto in modo tale da mantenere tutti vicini nelle prestazioni e questo sta dando vita a un grande campionato, con bei duelli e speriamo che questi possano durare sino al termine della stagione. Questo significa che il regolamento è stato studiato bene ed è ottimo".

"Il regolamento dovrebbe rimanere stabile, dovrebbe rimanere questo senza subire cambiamenti per tre anni. Dunque non ci aspettiamo modifiche prima del termine del 2019-2020. Noi, assieme agli altri Costruttori coinvolti nel Mondiale Rally e alla FIA, stiamo discutendo su quale sarà il futuro del regolamento WRC. Per il momento questo dovrebbe rimanere lo stesso sino al 2020. Non abbiamo nessuna proposta sul tavolo. Per il momento non ci sono regole che possano modificare il nostro impegno nel WRC".

Prossimo Articolo
Dal 2019 i piloti P1 che tornano in gara con il Rally2 apriranno le speciali

Articolo precedente

Dal 2019 i piloti P1 che tornano in gara con il Rally2 apriranno le speciali

Prossimo Articolo

Il Re dell'ERC Kajetanowicz apre un nuovo capitolo in Sardegna

Il Re dell'ERC Kajetanowicz apre un nuovo capitolo in Sardegna
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WRC
Team Citroën World Rally Team
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie