WEC
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
08 nov
-
10 nov
Evento concluso
G
Interlagos
30 gen
-
01 feb
Prossimo evento tra
71 giorni
18 mar
-
20 mar
Prossimo evento tra
119 giorni
G
Spa-Francorchamps
23 apr
-
25 apr
Prossimo evento tra
155 giorni

Shanghai, 6°Ora: Toyota vince con il giallo. A Porsche e Ferrari il Mondiale

condivisioni
commenti
Shanghai, 6°Ora: Toyota vince con il giallo. A Porsche e Ferrari il Mondiale
Di:
5 nov 2017, 09:21

Un incidente tra Lietz e Lopez elimina la seconda TS050 e consente alla Casa di Weissach di conquistare sia il titolo costruttori sia quello piloti con Hartley-Bernhard-Bamber. La Ferrari 488 iridata dopo una corsa molto sofferta.

È stato un finale a tinte gialle quello della 6 Ore di Shanghai che ha consegnato a Buemi-Nakajima-Davidson la vittoria e alla Porsche il mondiale costruttori e a Hartley-Bamber-Bernhard quello piloti nel peggiore week end vissuto dalla Casa di Weissach in questa stagione.

Fino a 37' dalla conclusione per la Casa di Weissach si stava prospettando un preoccupante fallimento del match point per vincere l'iridato perché le Toyota occupavano con grande comodità i primi due posti che avrebbero significato 255,5 punti in classifica, quindi un ritardo di 41,5 punti rispetto alle Porsche e possibilità di raggiungere il mondiale in Bahrain.

Ma c'è stata una toccata tra Richard Lietz e la sua RSR e la TS050 di Jose Maria Lopez, il pilota argentino che  durante tutto l'anno è sempre stato quello che ha maggiormente deluso nel team giapponese.

Una fase di doppiaggio con l'austriaco che ha chiuso nel curvone che immette nel rettifilo più lungo mentre era in piena lotta per il primo posto in GTE PRO con la Ford di Tincknell, l'urto tra GT e LMP1 e una sospensione danneggiata per la vettura giapponese. Incolpevole il pilota Porsche. Lopez è entrato fortissimo senza calcolare che non avrebbe avuto lo spazio per curvare regolarmente:era troppo lungo. Per questa ragione all'argentino è stata data una penalizzazione dalla direzione corsa.

In quel momento è apparso chiaro che a nulla alla Toyota era servito il dominio della corsa con Buemi-Nakajima-Davidson e appunto con il secondo equipaggio Lopez-Kobayashi-Conway. Così, nonostante l'affermazione dei primi, la Porsche si è presa tutto con una gara d'anticipo alla conclusione della stagione: terzo campionato costruttori e terzo piloti, secondo per Brendon Hartley e Timo Bernhard, già iridati nel 2015, primo per Earl Bamber.

Ma non è stata solo la Porsche che ha festeggiato: anche la Ferrari è campione del mondo tra i costruttori GTE. Ha conquistato l'affermazione nel giorno più critico, su una pista che non ha mai portato bene al cavallino.

E James Calado e Alessandro Pier Guidi restano i grandi favoriti per la vittoria in quello piloti in una classe che a Shanghai ha rivisto fortissime le Ford GT che hanno portato a casa l'affermazione con Tincknell e Priaulx e le Porsche RSR sempre più veloci. In LMP2 Senna-Canal-Prost dopo una splendida corsa hanno ribaltato la classifica e sono diventati gli uomini da battere. In Bahrain sarà lotta durissima.

Ho Pin Tung rovina tutto

Le ultime due ore di corsa hanno mostrato un grande equilibrio in LMP2 e GTE. Dapprima sono Nico Müller e David Heinemeier-Hansson a darsele di santa ragione per due ore filate con il gentleman della Rebellion Vaillante per nulla intimorito dal maggiore pedigree del pilota DTM che non molla di un millimetro.

Tra i due è tutto un continuo superarsi per il quinto posto in modo estremamente corretto ma spettacolare. Chi si attende il fatto cruento deve aspettare il 145.giro quando Ho Pin Tung ha da poco preso il posto di Oliver Jarvis, passato al comando della LMP2, sulla Oreca della DC Racing. Per il gioco delle soste il cinese riparte al quarto posto dietro alla vettura di Nico Müller.

Potrebbe gestire la situazione ma tenta un sorpasso impossibile alla prima curva con il risultato che le due Oreca si ritrovano in testacoda. La sorte peggiore spetta all'esemplare della G Drive che ha la gomma posteriore destra distrutta.

Müller perderà di fatto un giro intero per rientrare ai box e cedere la vettura a Rusinov che da parte sua finirà in testacoda all'ultima curva sfiorando il muro esterno. Ma Ho Pin Tung  per il gioco dei pit stop si ritroverà al comando davanti a Senna di pochissimo, meno di un secondo. Così la gara vive un'altra lotta fondamentale per le sorti del mondiale della classe minore dei prototipi. I

l duello si risolve al 164esimo giro quando il brasiliano approfittando del doppiaggio dell'Aston Martin Vantage di Dalla Lana passa all'esterno e portandosi al comando riapre totalmente il discorso del mondiale.

Il thriller a 37' dal traguardo

Stessa cosa accade in GTE PRO con Richard Lietz, terzo con la Porsche RSR, che recupera su Olivier Pla e passa al secondo posto dietro alla Ford di comando ora guidata da Tincknell. Quarta e quinta sono le Ferrari di Calado-Pier Guidi e Rigon-Bird.

L'austriaco, scatenato, poi va a prendere Harry Tincknell: anche qui c'è il discorso iridato che è fondamentale. Nessuno dei due può prendersi dei rischi perché in caso di errore potrebbe abbandonare le speranze di campionato e spalancare la porta a Pier Guidi-Calado. Ma il fattaccio avviene al 174.giro.

Lietz in piena lotta con Tincknell non si avvede dell'arrivo della Toyota di Lopez che da parte sua forse entra senza pensare al fatto che l'austriaco non lo lo abbia visto. Risultato: sospensione posteriore sinistra danneggiata per la TS050, foratura per la RSR. Per la Casa giapponese è l'addio al titolo mondiale costruttori. Bernhard sale al secondo posto; Lotterer al terzo. Lopez si deve accontentare del quarto dopo avere perso 7 giri per riparare la sospensione rotta.

In LMP2 Senna-Prost-Canal vanno a vincere. L'ultimo sussulto è quello di Piquet junior che regala alla Rebellion anche il terzo posto, relegando Pin Tung-Jarvis-Laurent al quarto.  In GTe PRO Priaulx-Tincknell vincono davanti a Lietz-Makowiecki ma Pier Guidi-Calado con il terzo posto mantengono intatte le speranze iridate e la Ferrari anche grazie al sesto posto di Rigon-Bird si porta a casa il campionato del mondo costruttori GT.

Cla #PilotiAutoClassGiriTempoGapDistaccoPitsRitiratoPunti
1   8 united_kingdom Anthony Davidson
japan Kazuki Nakajima
switzerland Sébastien Buemi
Toyota TS050 Hybrid LMP1 195 6:00'40.777     6    
2   2 germany Timo Bernhard
new_zealand Brendon Hartley
new_zealand Earl Bamber
Porsche 919 Hybrid LMP1 194 6:00'44.960 1 giro 1 giro 6    
3   1 germany André Lotterer
switzerland Neel Jani
united_kingdom Nick Tandy
Porsche 919 Hybrid LMP1 194 6:01'13.174 1 giro 28.214 6    
4   7 japan Kamui Kobayashi
united_kingdom Mike Conway
argentina José María López
Toyota TS050 Hybrid LMP1 188 6:01'55.423 7 giri 6 giri 7    
5   31 brazil Bruno Senna
france Julien Canal
france Nicolas Prost
Oreca 07 LMP2 183 6:01'34.869 12 giri 5 giri 7    
6   36 france Nicolas Lapierre
brazil André Negrao
united_states Gustavo Menezes
Alpine A470 LMP2 183 6:02'10.149 12 giri 35.280 7    
7   13 brazil Nelson Piquet Jr.
denmark David Heinemeier Hansson
switzerland Mathias Beche
Oreca 07 LMP2 182 6:00'46.539 13 giri 1 giro 8    
8   38 united_kingdom Oliver Jarvis
china Ho-Pin Tung
france Thomas Laurent
Oreca 07 LMP2 182 6:01'03.026 13 giri 16.487 8    
9   25 russia Vitaly Petrov
switzerland Simon Trummer
mexico Roberto Gonzalez
Oreca 07 LMP2 182 6:01'31.958 13 giri 28.932 7    
10   28 france François Perrodo
france Emmanuel Collard
france Matthieu Vaxivière
Oreca 07 LMP2 182 6:02'04.936 13 giri 32.978 8    
11   26 russia Roman Rusinov
france Leo Roussel
switzerland Nico Müller
Oreca 07 LMP2 181 6:02'04.177 14 giri 1 giro 7    
12   37 china David Cheng
france Tristan Gommendy
united_kingdom Alex Brundle
Oreca 07 LMP2 181 6:02'07.410 14 giri 3.233 9    
13   24 france Jean-Éric Vergne
united_kingdom Ben Hanley
united_kingdom Matt Rao
Oreca 07 LMP2 181 6:02'36.788 14 giri 29.378 8    
14   67 united_kingdom Harry Tincknell
guernsey Andy Priaulx
Ford GT LMGTE PRO 170 6:00'58.797 25 giri 11 giri 5    
15   91 austria Richard Lietz
france Frédéric Makowiecki
Porsche 911 RSR LMGTE PRO 170 6:01'09.879 25 giri 11.082 5    
16   51 united_kingdom James Calado
italy Alessandro Pier Guidi
Ferrari 488 GTE LMGTE PRO 170 6:01'18.717 25 giri 8.838 5    
17   66 germany Stefan Mücke
france Olivier Pla
Ford GT LMGTE PRO 170 6:01'37.536 25 giri 18.819 6    
18   95 denmark Marco Sorensen
denmark Nicki Thiim
Aston Martin Vantage LMGTE PRO 170 6:02'06.338 25 giri 28.802 5    
19   71 united_kingdom Sam Bird
italy Davide Rigon
Ferrari 488 GTE LMGTE PRO 170 6:02'07.114 25 giri 0.776 5    
20   97 united_kingdom Darren Turner
united_kingdom Jonathan Adam
Aston Martin Vantage LMGTE PRO 170 6:02'47.851 25 giri 40.737 5    
21   98 portugal Pedro Lamy
canada Paul Dalla Lana
austria Mathias Lauda
Aston Martin Vantage LMGTE AM 166 6:01'03.124 29 giri 4 giri 5    
22   86 united_arab_emirates Khaled Al Qubaisi
united_kingdom Ben Barker
australia Nick Foster Jr.
Porsche 911 RSR (991) LMGTE AM 165 6:01'13.862 30 giri 1 giro 5    
23   77 germany Christian Ried
italy Matteo Cairoli
germany Marvin Dienst
Porsche 911 RSR (991) LMGTE AM 164 6:00'41.293 31 giri 1 giro 5    
24   61 ireland Matt Griffin
malaysia Mok Weng Sun
japan Keita Sawa
Ferrari 488 GTE LMGTE AM 158 6:00'44.419 37 giri 6 giri 6    
25   92 denmark Michael Christensen
france Kevin Estre
Porsche 911 RSR LMGTE PRO 65 2:16'46.744 130 giri 93 giri 2 Ritirato  
26   54 italy Francesco Castellacci
spain Miguel Molina
switzerland Thomas Flohr
Ferrari 488 GTE LMGTE AM 37 1:21'37.147 158 giri 28 giri 2 Ritirato  

 

Prossimo Articolo
Shanghai, 4° Ora: il vuoto dietro alle Toyota

Articolo precedente

Shanghai, 4° Ora: il vuoto dietro alle Toyota

Prossimo Articolo

WEC: la Ferrari è campione del mondo Costruttori con la 488 GTE

WEC: la Ferrari è campione del mondo Costruttori con la 488 GTE
Carica commenti