Porsche per il doppio titolo, Toyota per un domani che appare ancora confuso

La Casa tedesca ha la possibilità di chiudere al Fuji il discorso dei due mondiali. Quella giapponese potrebbe annunciare in anticipo su quanto programmato le decisioni sulla sua partecipazione al campionato 2018-19

Porsche per il doppio titolo, Toyota per un domani che appare ancora confuso
#2 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Earl Bamber, Brendon Hartley
#1 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Neel Jani, Andre Lotterer, Nick Tandy
#2 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Earl Bamber, Brendon Hartley
#1 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Neel Jani, Andre Lotterer, Nick Tandy
#7 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050 Hybrid: Mike Conway, Kamui Kobayashi, Jose Maria Lopez
#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050 Hybrid: Stéphane Sarrazin, Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima
#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050 Hybrid: Stéphane Sarrazin, Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, #7

Domenica mattina al Fuji il WEC potrebbe assegnare alla Porsche i due titoli mondiali più importanti: se le 919 Hybrid dovessero conquistare le prime due posizioni consegnerebbero alla Casa di Weissach il terzo campionato costruttori; se Brendon Hartley,Earl Bamber e Timo Bernhard arrivassero davanti a Sebastien Buemi e Kazuki Nakajima diventerebbero iridati piloti. Tutto questo a casa della Toyota che proprio alle pendici del monte sacro dei giapponesi l'anno passato conquistò una bella affermazione. Per le altre classifiche, quelle riservate a LMP2 e GTE, sia Pro sia Am, nulla potrà essere deciso al Fuji, stante la situazione di estremo equilibrio nelle due categorie.

Le 919 Hybrid saranno in versione alto carico

Porsche gareggerà in terra nipponica con la configurazione ad alto carico, inaugurata a partire dalla 6 Ore del Nürburgring e che le ha assicurato le affermazioni sia sul tracciato tedesco sia in Messico e negli Usa. Una decisione questa presa dopo un'attenta analisi delle caratteristiche della pista, dove esiste sì un tratto velocissimo seguito però da un'insieme di curve che richedono parecchia deportanza, e di quelle che potrebbero essere le condizioni meteo che al momento danno pioggia. Toyota cercherà di rispondere alla sua maniera: il Fuji è pista che dovrebbe ben adattarsi alle caratteristiche della TS050 Hybrid che è reduce da una buona prova statunitense, dove nelle prime fasi è riuscita a reggere il passo delle 919 grazie a una differente strategia sulle opzioni di pneumatici. Ma se negli Usa i suoi piloti hanno lavorato nelle prove e in qualifica in prospettiva corsa, al Fuji il team giapponese dovrà cambiare atteggiamento. È obbligato dalla classifica all'attacco e al gioco di squadra, perché la 6 Ore è l'ultima possibilità per invertire il senso di una stagione iniziata bene e proseguita in calando dopo la sconfitta alla 24 ore di Le Mans.

Ma il nodo focale resta il futuro del campionato

Ancora più interessante, però, è sapere se Toyota comunicherà le proprie intenzioni circa il futuro della sua paretecipazione al campionato. Ufficialmente la Casa ha fissato la deadline dell'annuncio a fine mese, prima della trasferta cinese. In realtà è molto probabile che già nel corso di questo week end si possa conoscere qualcosa in più su ciò che accadrà al team nel biennio 2018-19 e di conseguenza al WEC stesso. Conscia che le mancherà il confronto con un avversario tecnologicamente credibile Toyota potrebbe decidere un parziale disimpegno, schierando una sola vettura per il campionato biennale, portandone altre due alla 24 Ore di Le Mans. È una voce questa che circola nell'ambiente ma che non trova giustificazione economica e che sarebbe controproducente proprio per le finanze della squadra che non ammortizzerebbe gli investimenti programmati e che potrebbe compromettere lo stesso risultato sportivo. Un'altra ipotesi è quella del ritiro completo dal WEC, il che getterebbe la serie iridata ancora più in crisi dopo l'annuncio di Peugeot-ma sulla sua non partecipazione c'erano davvero pochi dubbi, erano soltanto speranze di incalliti sognatori-di non voler investire nel WEC nel breve-medio periodo. L'impressione è che Toyota darà ancora fiducia alla serie iridata se i regolamenti che appariranno tra novembre e dicembre per il bienno 2018-19 consentiranno un reale equilibrio delle forze in campo-come non si sa-senza castrare oltre ogni limite la combinazione motore endotermico-elettrico. E non c'è dubbio che siano proprio questi argomenti legati al futuro del WEC che terranno banco al Fuji  più della gara stessa.

 

condivisioni
commenti
Rigon: "Al Fuji affrontiamo la prima delle tre finali"
Articolo precedente

Rigon: "Al Fuji affrontiamo la prima delle tre finali"

Prossimo Articolo

Fuji, Libere 1: le due Porsche 919 Hybrid svettano sotto la pioggia

Fuji, Libere 1: le due Porsche 919 Hybrid svettano sotto la pioggia
Carica commenti
WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh Prime

WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh

Dopo che FIA ed IMSA hanno raggiunto l'accordo per fare correre le Hypercar del FIA World Endurance Championship contro le LMDh in IMSA WeatherTech SportsCar Championship dal 2023, vediamo quali scenari si possono aprire per team, piloti, Case, calendari e format di gara.

WEC
17 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti... Prime

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti...

La mitica Mazda 787 è considerata una delle più popolari auto vincitrici della 24 Ore di Le Mans, ma fino al suo successo a sorpresa di 30 anni fa, non era mai stata considerata come favorita. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un nuovo partner tecnico, alcune astute manovre politiche e un curioso 'autogol' di un rivale.

WEC
14 ago 2021
Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi Prime

Toyota a Quota 100: ecco il percorso... Mondiale coi prototipi

Nel fine settimana della 8 Ore di Portimao del FIA World Endurance Championship, la Toyota ha raggiunto le 100 gare nel Mondiale coi suoi prototipi. Ecco le principali pietre miliari di un percorso che era iniziato quasi 40 anni fa nel Gruppo C.

WEC
8 ago 2021
Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto Prime

Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto

L'Hypercar di Maranello che farà il suo ritorno a Le Mans nel 2023 per vincere la classifica assoluta è ancora tutta sulla carta: per ora è filtrato solo il numero di progetto, perchè il nome della vettura non esiste. Lo staff tecnico diretto dall'ingegner Ferdinando Cannizzo si sta formando: Antonello Coletta, che è a capo del progetto, vuole unire tutte le esperienze aziendali pescando risorse dal GT ma anche dalla F1, dalla gestione industriale e dal... mercato.

WEC
26 lug 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021