Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Intervista

WEC | Porsche lavora per risolvere i guai: "Dimostriamo chi siamo"

Dopo i problemi accusati dalle 963 a Daytona, i tecnici tedeschi e del team Penske sono subito tornati in pista per sistemare le LMDh che dovranno esordire anche nel WEC a Sebring. C'è fiducia che le cose possano essere sistemate, ma si tratta anche di vetture complicate.

#6 Team Penske Porsche 963: Mathieu Jaminet, Nick Tandy, Dane Cameron, #7 Team Penske Porsche 963: Matt Campbell, Felipe Nasr, Michael Christensen

Foto di: Porsche Motorsport

La Porsche si sta ancora leccando le ferite dopo l'esordio della 963 in quel di Daytona, a circa 20 giorni dall'evento.

I tecnici del team Penske, che si occupano della gestione delle due LMDh tedesche che hanno preso parte per la prima volta ad una gara contro i rivali di categoria, sono tornati subito al lavoro per risolvere i problemi che le hanno afflitte in Florida.

Il responsabile della squadra, Jonathan Diuguid, ha preso parte ad una tavola rotonda con gli altri colleghi delle scuderie rivali che partecipano al FIA WEC e ai giornalisti presenti, fra cui Motorsport.com, ha spiegato la situazione delle ultime settimane.

#6 Team Penske Porsche 963: Mathieu Jaminet, Nick Tandy, Dane Cameron

#6 Team Penske Porsche 963: Mathieu Jaminet, Nick Tandy, Dane Cameron

Photo by: Porsche Motorsport

"Daytona ci è servita per capire bene come procedere con l'organizzazione di una gara e l'affrontare i problemi tecnici che si sono verificati, in vista di questa prima stagione. Siamo tornati subito al lavoro a Sebring per sistemare certe cose e stiamo lavorando duramente e con grande motivazione", ha detto Diuguid.

"Siamo certi che ci siano altre cose da imparare e capire, ma vogliamo fermamente mostrare di cosa siamo capaci noi e quanto possa essere competitiva la 963, quindi c'è fiducia".

Fiducia che era un po' venuta meno quando la 24h che ha aperto la stagione 2023 dell'IMSA SportsCar Championship è terminata, con entrambe le Porsche colpite da noie tecniche.

"Siamo rimasti un po' delusi dalle nostre prestazioni a Daytona, ma l'impegno è continuato anche dopo la gara, lavorando bene con Xtrac e i nostri partner legati al sistema ibrido e alle componenti tecniche per risolvere i problemi".

"Ci stiamo impegnando al massimo per essere sicuri di presentarci a Sebring preparati. Questo è il nostro lavoro e il nostro ruolo: rappresentare Porsche e Penske nel modo migliore".

"Negli ultimi due giorni abbiamo effettuato i test collettivi IMSA in Florida, il nostro obiettivo è assicurarci di essere pronti nelle prossime due settimane per le gare di WEC ed IMSA".

#6 Team Penske Porsche 963: Mathieu Jaminet, Nick Tandy, Dane Cameron

#6 Team Penske Porsche 963: Mathieu Jaminet, Nick Tandy, Dane Cameron

Photo by: Porsche Motorsport

Dopo aver fatto con tutta onestà ammenda, Diuguid ha poi sottolineato quanto difficile sia l'impegno con questo genere di vetture di nuova generazione non solo per Porsche, ma anche per gli altri marchi che hanno scelto le LMDh.

"Tutti i Costruttori LMDh hanno avuto problemi durante la gara. I nostri erano decisamente visibili agli occhi di tutti, ma credo anche che i componenti specifici comuni siano una misura positiva per il controllo dei costi. Si possono sviluppare su più piattaforme, ma queste ovviamente sono diverse".

"Ci sono motori vari con caratteristiche diverse, livelli di vibrazioni differenti e cose del genere. Stiamo lavorando con i fornitori per assicurarci di capire come questi componenti siano influenzati dall'architettura che il nostro team ha scelto e come garantire che queste parti siano affidabili in futuro".

#7 Team Penske Porsche 963: Matt Campbell, Felipe Nasr, Michael Christensen

#7 Team Penske Porsche 963: Matt Campbell, Felipe Nasr, Michael Christensen

Photo by: Porsche Motorsport

Fra l'altro il fine settimana di Sebring vedrà la Porsche impegnata su due fronti, perché al venerdì c'è la 1000 Miglia del FIA WEC, mentre al sabato la 12h dell'IMSA. E l'esperienza di Daytona, in un qualche modo, aiuterà.

"Sicuramente aver corso la 24h di Daytona è stato un vantaggio perché, come dicevo prima, abbiamo imparato molte cose in condizioni di gara, che ovviamente non sono riproponibili nei test. Questo ci pone sicuramente in vantaggio da un certo punto di vista, ma rispetto al WEC non so fino a che punto".

"Non abbiamo più provato in Europa dalla scorsa estate, ma ci torneremo prima di Sebring e credo che la preparazione per questa gara possa essere valida sia in ottica WEC che IMSA. Il regolamento tecnico e le omologazioni sono comuni nei due campionati, così come le gomme".

"Ci sono altri Costruttori e team che, come noi, hanno vetture in entrambi i campionati, quindi le regole per i test sono state poste anche per assicurarsi di non ottenere vantaggi rispetto agli altri. Per questo dobbiamo sfruttare i buchi presenti nei due calendari per andare in pista a girare".

"A Sebring abbiamo portato persone del programma WEC, come tecnici e anche i due piloti, Michael Christensen e Dane Cameron, per massimizzare l'efficienza delle informazioni che stiamo raccogliendo. Il nostro programma IMSA sta effettuando dei test a Sebring e il team tedesco è alle prese con un rollout programmato per la gara del WEC a Sebring".

"Man mano che continuiamo a crescere e a prepararci a gareggiare in entrambi i campionati, avremo eventi come questo, in cui le nostre infrastrutture saranno più connesse, mettendo sotto pressione il personale e chi si occupa delle varie operatività per capire meglio ogni cosa".

Jonathan Diuguid, AD di Porsche Penske Motorsport

Jonathan Diuguid, AD di Porsche Penske Motorsport

Photo by: Porsche Motorsport

Infine Diuguid non ha potuto dire molto di più sulle vetture clienti che dovrebbero arrivare nel corso della stagione, ma rimane convinto che saranno utili al programma ufficiale.

"Al momento non lo so come procedono le operazioni di costruzione per le squadre che hanno richiesto le 963, bisogna chiedere al nostro Vice Presidente, Thomas Laudenbach, che si occupa della questione".

"Personalmente, però, posso dire che ogni 963 che sarà in pista quest'anno e nei prossimi diventerà un'ulteriore risorsa di informazioni anche per le altre, che siano ufficiali o meno, quindi prima avremo le auto in pista e meglio sarà per tutti".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente WEC | La nuova Toyota LMH non c'è ancora: "Migliorata la GR010"
Prossimo Articolo WEC | Peugeot tra difficoltà e speranze: "Trovate le soluzioni"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia