Porsche ha deciso: addio al WEC dal 2018. Si chiude l'era dei prototipi ibridi

Il ritiro della Casa di Weissach appare ormai certo. Giudicata inutile la partecipazione al campionato da parte del consiglio di amministrazione del Gruppo VW dopo i tre successi a Le Mans e quelli nella serie iridata.

Sarà molto probabilmente annunciato domani il ritiro della Porsche dal WEC alla conclusione di questa stagione, in anticipo di un anno rispetto ai programmi originari. La notizia è stata anticipata oggi dal quotidiano Frankfurter Allgemeine , bruciando di fatto quella che sarà la comunicazione ufficiale del consiglio di amministrazione della Casa di Stoccarda. La decisione è stata presa dai vertici del Gruppo VW nei giorni scorsi e conferma quanto in questi ultimi mesi era trapelato. Il board del Gruppo ha di fatto giudicato ormai inutile la presenza dei prototipi di Weissach dopo la conquista di tre 24 Ore di Le Mans di seguito, di due campionati del mondo costruttori e piloti e di un probabile terzo titolo in questa stagione. Non si è trattato di una operazione di tagli di costi, si parla di cifre tra i 200 e i 250 milioni di euro,  ma di strategia operativa.

L'anticipazione di Fritz Enzinger

Da mesi gli uomini di Porsche, su tutti Fritz Enzinger, responsabile del programma LMP1, avevano posto l'accento sulla perdita progressiva di stimoli della Casa in un campionato nel quale, dopo il ritiro di Audi, era rimasto in lizza solo un concorrente. A motorsport.com Enzinger dichiarò venerdi 16 giugno, alla vigilia della 24 Ore di Le Mans,  che senza l'ingresso di un terza Casa automobilistica, Porsche  non avrebbe avuto alcun interesse " a investire in una serie dove è presente un solo costruttore di LMP1 come avversario". Porsche  dovrebbe proseguire nel programma ufficiale riguardante le belle 911 RSR  GTE che a partire dal 2018 saranno messe a disposizione anche per il team Proton Dempsey.

Non basta la Formula E per l'immagine del marchio

Non è chiaro  dove il marchio di Zuffenhausen andrà a posizionarsi nel mondo delle competizioni. La probabile fornitura di materiale per la Formula E, che comunque sarebbe stata indipendente dal progetto LMP1, servirà per lanciare il battage pubblicitario sulla rivoluzionaria GT elettrica Mission E, la cui produzione sarà avviata a partire dagli ultimi mesi del 2019. Ma è chiaro che Porsche per spirito e tradizione è il marchio sportivo per eccellenza del Gruppo VW e la sua immagine poco si lega a una serie che ancora è in via di sviluppo. Il fatto che Porsche sia da poco entrata nei board tecnici della Formula 1 potrebbe fornire risposte alla domanda.

Resterà poi da risolvere l'enigma legato al futuro del WEC che nel breve spazio  di due estati ha perso due costruttori fondamentali come Audi e appunto Porsche. L'abbandono di Weissach potrebbe portare, come conseguenza, alla decisione di Toyota di alzare anch'essa bandiera bianca, facendo di fatto morire l'epoca dei motori ibridi e della trazione sulle quattro ruote tra i prototipi della classe maggiore; quelli che avevano permesso al campionato di tornare in auge dopo anni di anonimato. La 6 Ore del Bahrain, il 18 novembre, chiuderà un'era.

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WEC
Piloti André Lotterer , Timo Bernhard , Neel Jani , Brendon Hartley , Earl Bamber , Nick Tandy
Team Porsche Team
Articolo di tipo Ultime notizie