WEC
04 ott
-
06 ott
Prossimo evento tra
46 giorni

Porsche al lavoro per eliminare il pericolo pick up

condivisioni
commenti
Porsche al lavoro per eliminare il pericolo pick up
Di:
3 nov 2017, 14:47

La Casa tedesca ha effettuato le simulazioni di un doppio stint per scegliere la migliore mescola di gomma tra le due portate dalla Michelin. Per i piloti sarà fondamentale restare il più possibile nella traiettoria ideale in fase di doppiaggio

Il problema tecnico che sarà alla base della 6 Ore di Shanghai sarà il consumo delle gomme. Non a caso Michelin per le LMP1 ha portato in Cina soltanto le mescole medie e dure perchè l'asfalto dell'autodromo alle porte della metropoli è molto abrasivo e con la regola dei quattro treni a disposizione per la gara sarebbe stato impossibile sfruttare le mescole più morbide.

È per questa ragione che la Porsche ha preferito sacrificare i tempi assoluti nelle prove libere, cercando di effettuare il massimo dei giri possibili verificando la funzionalità e la durata delle coperture. Il lavoro svolto il venerdi sembra abbia dato i risultati sperati.

"Soprattutto nelle seconde libere siamo riusciti - ha commentato Andreas Seidl - a ricavare i dati che ci servivano con entrambe le vetture, sulle quale abbiamo alternato le soluzioni di gomme. Abbiamo simulato un doppio stint e contiamo di  effettuare un ulteriore salto di qualità nelle prove di domani".

"Verso la fine della seconda sessione - ha detto Neel Jani - iniziava a fare buio e saranno le stesse condizioni che troveremo nelle ultime fasi della 6 Ore di domenica. Abbiamo comparato le differenti mescole ma non è stato semplice. In Cina, infatti, c'è un sacco di sporco lungo la pista e ai suoi lati e dobbiamo scongiurare il fenomeno del pick up. Da non sottovalutare poi il problema del traffico che nonostante la lunghezza della pista potrebbe creare qualche grattacapo a tutti i piloti delle LMP1 perché sul rettifilo più lungo le LMP2 raggiungono velocità più elevate. Così i doppiaggi non saranno agevoli".

Anche Timo Bernhard, in odore di secondo titolo iridato, è sulla stessa lunghezza d'onda del pilota svizzero: "Qui il segreto è raccogliere meno sporco possibile sulle gomme e ci sarà da prestare parecchia attenzione nel traffico. Uscire troppo spesso di traiettoria potrebbe complicarci le cose".

Prossimo Articolo
Shanghai, Libere 2: le Toyota fanno il tempo, le Porsche il long run

Articolo precedente

Shanghai, Libere 2: le Toyota fanno il tempo, le Porsche il long run

Prossimo Articolo

Shanghai, libere 3: uno-due Toyota. La frizione blocca Hartley-Bamber-Bernhard

Shanghai, libere 3: uno-due Toyota. La frizione blocca Hartley-Bamber-Bernhard
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie