Nurburgring, libere 1: Lotterer al comando

Tra il tedesco e Jani pochi millesimi di differenza in una sessione caratterizzata dalle basse temperature

Prime prove libere in vista della 6 Ore del Nurburgring di domenica all'insegna del tradizionale duello tra Audi e Porsche, con la prima che almeno in questo turno iniziale ha avuto la meglio sulla rivale. Nonostante una fastidiosa pioggerellina e condizioni autunnali, 17 gradi all'asfalto e appena 13,9 nell'aria, il tempo fatto registrare dalla R18 E-tron-Quattro di André Lotterer, 1'39"201 non è troppo distante dall'1'37"456 che Loic Duval aveva fatto segnare nei test di luglio ma in condizioni di asfalto asciutto. Segno che nella corsa di casa nessuno vuole fare pretattica su una pista molto tecnica, difficile, dove sorpassi e doppiaggi saranno molto complessi.

La sessione ha confermato che nonostante gli aggiustamenti dell'EOP, introdotti proprio a partire dal Nurburgring, Audi e Porsche sono vicine, almeno sul passo di gara. Per lunghi tratti al comando dell'ora e mezza con Timo Bernhard, la Porsche si è rivista proprio all'ultimo passaggio con Neel Jani che ha di fatto ugualiato il tempo di Lotterer, restando distaccato di soli 76 millesimi di secondo, ottenendo anche il miglior parziale assoluto nel tratto conclusivo della pista. Terza è la seconda Audi di Duval-Di Grassi-Jarvis, a sette decimi dalla vetta, e quarta la 919 di Bernhard-Webber-Hartley, anch'essa di fatto attaccata alla rivale di Ingolstastd. Interessante notare l'equilibrio assoluto dei piloti della Porsche 919 con Romain Dumas, compagno di guida di Jani, vicinissimo allo svizzero e autore del terzo tempo.

Non fa più notizia, invece, il distacco subito dalle Toyota con la squadra che ormai è impegnatissima nel completare gli ultimi dettagli della prossima LMP1 sovralimentata che apparirà nel WEC l'anno prossimo. Le due TS040 sono lontane da Audi e Porsche con un miglior rilievo, ottenuto da Stephane Sarrazin ma a ben 2"e 6 da Lotterer.

A sorprendere è stata la piccola Ligier JS P2 di Gustavo Yacaman che con 1'46"631 si è preso la soddisfazione di mettere in fila la prima tra le Rebellion LMP1, quella di Heidfeld-Prost-Beche e la vettura gemella di Bird-Canal-Rusinov, seconda tra le LMP2.

Dominio delle Ferrari infine tra le GTE. Sia in PRO sia in AM le 458 hanno conquistato le due migliori prestazioni. Jimmy Bruni ha piazzato la propria 458 davanti a quella del compagno di squadra Rigon tra le PRO, con le Porsche ufficiali di Makowiecki e Lietz subito dietro, mentre Rui Aguas tra le GTE AM ha preceduto l'Aston Martin di Pedro Lamy e la Porsche del team Proton Abu Dhabi del vincitore di Le Mans Earl Bamber. Buonissima anche la prestazione della Corvette di Paolo Ruberti-Gianluca Roda-Kristian Poulsen, quarti, in una classe che vede un estremo equilibrio delle forze in campo.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati WEC
Evento Nürburgring
Sub-evento Venerdì
Circuito Nürburgring
Piloti André Lotterer , Marcel Fässler , Benoit Tréluyer
Team Team Joest
Articolo di tipo Prove libere