WEC | Jansonnie: "Anche Monza sarà un test per la Peugeot 9X8"

La nuova LMH del Leone si appresta ad esordire nel Tempio della Velocità, ma come spiega in questa esclusiva intervista con Motorsport.com il Direttore Tecnico, Olivier Jansonnie, i preparativi non saranno mai sufficienti per un prototipo così sofisticato e avveniristico, dunque si lavorerà sempre per migliorarlo.

WEC | Jansonnie: "Anche Monza sarà un test per la Peugeot 9X8"
Carica lettore audio

Manca poco meno di un mese all'esordio nel FIA World Endurance Championship della nuovissima Peugeot 9X8 Hypercar.

Il prototipo francese sta ultimando le operazioni di prove e sviluppo prima di arrivare all'omologazione definitiva tramite il processo indetto da FIA e Automobile Club de l'Ouest.

La 6h di Monza sarà comunque un altro banco di prova molto importante per gli uomini della Casa del Leone, che stanno cercando di oganizzare al meglio le cose per il primo impegno di confronto con i rivali sul Tempio della Velocità.

Motorsport.com ha avuto la possibilità di incontrare il Direttore Tecnico, Olivier Jansonnie, che in questa intervista esclusiva spiega come proseguono le operazioni per l'evento dell'8-10 luglio.

Peugeot 9x8

Peugeot 9x8

Photo by: Peugeot Sport

Manca meno di un mese al debutto, a che punto siete?
"Lo sviluppo della vettura continua e allo stesso tempo abbiamo iniziato a costruire le nostre auto per Monza. Abbiamo presentato i documenti di omologazione alla FIA e stiamo discutendo gli ultimi dettagli. La macchina è tecnicamente a posto, a parte alcuni aggiustamenti dell'ultimo minuto che stiamo cercando di apportare a ciò che possiamo vedere in termini di affidabilità. Siamo molto vicini a Monza e l'aspetto particolare di questo periodo è che stiamo ancora provano, cosa che faremo fino alla fine, ma con la testa già a Monza".

Il piano di test qual è?
"Stiamo mantenendo la tabella di marcia, abbiamo percorso circa 11.000 km dal debutto della vettura e svolgiamo una sessione ogni tre o quattro settimane in media. Il compromesso è che dobbiamo girare il più possibile, ma anche ritagliarci il tempo tra le sessioni per poter apportare modifiche alla vettura. Altrimenti si scoprono i difetti, ma non si ha il tempo di correggerli. C'è una sorta di equilibrio da trovare tra l'andare veloce per ottenere il massimo e il non forzare troppo".

Quanto pensate di provare prima di arrivare in griglia a Monza?
"L'idea sarebbe di essere intorno ai 15.000km, Monza compresa magari. Ma è una cifra che assolutamente non è sufficiente a garantire l'affidabilità, né per la 24 Ore di Le Mans e nemmeno per Monza. Non sei mai al 100%, ma diciamo che avremo già un'idea di ciò che la vettura è in grado di fare in una gara breve".

Peugeot 9x8

Peugeot 9x8

Photo by: Peugeot Sport

Dal punto di vista dell'organizzazione della squadra, come vi siete mossi in questi mesi?
"Siamo in una fase in cui stiamo sviluppando la vettura, ma anche la squadra. Quindi una parte della nostra preparazione da qui a Monza è anche quella di essere pronti a gareggiare. Può sembrare una cosa insignificante, ma quando si parte con un team completamente nuovo e una vettura nuova, in termini operativi la logistica e l'ingegneria che si mettono in campo per una sessione di test non sono le stesse di una gara, non sono organizzate allo stesso modo. In pratica, siamo in una logica di ottimizzazione degli stint per raggiungere il massimo delle conclusioni, mentre in gara abbiamo il vincolo del calendario, che non decidiamo noi. Tutto questo fa parte della nostra preparazione per Monza e ci stiamo organizzando".

L'auto è stata presentata nel 2021, che riassunto puoi fare di questi mesi?
"In realtà sono stati due anni di lavoro. Avevamo già la base dei team di Stellantis Motorsport che erano coinvolti nei nostri progetti precedenti, e abbiamo ancora molte persone impegnate in altri programmi al momento, tra cui la Formula E. E sul lato operativo in particolare, questo è stato fatto da team che sono stati trasferiti da altri programmi in cui eravamo precedentemente coinvolti a livello di gruppo, e che abbiamo completato con persone nuove. La maggior parte di queste ha esperienza di gare endurance e di questo tipo di corse, quindi conoscono già il tutto, per fortuna. Non partiamo da zero individualmente, ma collettivamente. Singolarmente abbiamo persone che sanno come fare, ma non l'abbiamo mai fatto insieme. Questo è ciò che deve essere implementato. E' su questo che stiamo lavorando prima di Monza, perché è molto importante e non è mai stato fatto. Finora abbiamo pensato in funzione dei test, che non è la medesima se sei in gara".

Peugeot 9x8

Peugeot 9x8

Photo by: Peugeot Sport

Una volta omologata, la vettura viene 'congelata' per 5 anni: voi che jolly utilizzerete per lo sviluppo?
"Le evoluzioni si possono fare se si manifestano problemi di affidabilità. Ci riserviamo il diritto di risolverli e se c'è un guasto comprovato in un componente, ovviamente non sei costretto a correre mantenendolo. Quindi c'è la possibilità di portare un aggiornamento che non viene conteggiato nei 5 jolly spendibili nel periodo dal 2022 al 2025, che è quello che ci riguarderà. Questi sono validi per un aumento delle prestazioni della vettura, poi ci sarà il Balance of Performance che dovrebbe compensare questo aspetto".

Per Monza che aspettative avete?
"Onestamente è molto difficile dirlo, perché al momento non sappiamo quale sarà il nostro BoP. Possiamo cercare di ricavarlo basandoci sui nostri concorrenti perché c'è un sistema estremamente trasparente, dunque sappiamo in linea di massima come saremo posizionati rispetto a loro. Oggi il raggio è ampio, si può andare da 1030kg a 1080kg di peso minimo; c'è una differenza di 50kg, e 40kW che sono quasi 70CV. E' una differenza enorme, per cui bisognerà vedere dove saremo collocati in questa fascia. È impossibile fare riferimenti su dove abbiamo girato noi e dove hanno corso gli altri, le condizioni erano diverse. Ma sappiamo di non essere a 5" dai primi, cosa che comunque vedremo a Monza!"

condivisioni
commenti

WEC | Ogier potrebbe non correre le prossime gare del 2022

WEC | La Alpine tornerà in LMP2 per il 2023