Bird: "Essere pilota Ferrari è un sogno che si realizza"

condivisioni
commenti
Bird:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
11 gen 2016, 16:46

Il britannico è felice di essere tornato dopo il 2014 e aggiunge: "Conosco il team. Ha un grande potenziale"

#26 G-Drive Racing Ligier JS P2: Roman Rusinov, Julien Canal, Sam Bird
Sam Bird, G-Drive Racing
#26 G-Drive Racing Ligier JS P2: Roman Rusinov, Julien Canal, Sam Bird
Sam Bird
Sam Bird
#81 AF Corse Ferrari F458 Italia: Michele Rugolo, Sam Bird, Stephen Wyatt

Correre un giorno sotto le insegne della Ferrari è un vero e proprio sogno per la maggior parte dei piloti professionisti e Sam Jamie Bird non fa affatto eccezione. Il pilota britannico è stato da poco messo sotto contratto dalla casa del Cavallino Rampante per correre nel Mondiale Endurance al volante della nuova 488 GTE.

Dopo lo spostamento di Toni Vilander, il quale correrà assieme a Giancarlo Fisichella nell'IMSA, sembrava che Bird fosse destinato a prendere il suo posto accanto a "Gimmi" Bruni, invece sarà destinato a formare l'equipaggio con Davide Rigon. Accanto a Bruni correrà il confermato James Calado.

"Correre per la Ferrari non è solo un onore, ma è un sogno che diventa realtà", ha dichiarato Bird ai microfoni di Motorsport.com. "Quando ero piccolo avevo la bandiera con il Cavallino Rampante attaccata in camera. Ora avrò quel simbolo sul mio abbigliamento da gara e lo indosserò con orgoglio. Essere associati alla Ferrari è davvero speciale".

Bird non ha ancora potuto guidare la nuova 488 GTE, ma dovrebbe farlo entro la fine di questo mese, per poi proseguire la sua preparazione al volante della Rossa in vista dell'avvio del Mondiale Endurance 2016. "Non ho mai guidato la nuova 488 GTE per cui non ho esperienza a riguardo, ma spero di poterlo fare presto".

Al termine del Mondiale 2015, Bird ha ricevuto offerte importanti per il 2016. Tra queste, anche quella di Toyota per farlo correre in LMP1 sulla prossima TS050 HYBRID. I nipponici erano rimasti favorevolmente impressionati dal test svolto da Bird al termine della stagione, ma il britannico ha scelto di legarsi nuovamente alla Ferrari, dopo aver corso con la Rossa nel 2014.

"Avevo diversi motivi per legarmi alla Ferrari e, uno di questi, riguarda il fatto che avevo dià corso con loro nel 2014. Dentro al team c'è un'atmosfera vicina a quella che si può respirare in famiglia. Il gruppo AF Corse-Ferrari è composto da tante persone di talento. La leadership di Coletta e Amato e i risultati degli altri tre piloti del team mostrano quanto potenziale abbia questa squadra". 

Prossimo articolo WEC

Su questo articolo

Serie WEC
Piloti Sam Bird
Team AF Corse
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie