Austin, 6° ora: Porsche una vittoria in apnea

Un guasto ferma la 919 di comando a poco dal termine. Vincono ancora Webber-Hartley-Bernhard

Austin, 6° ora: Porsche una vittoria in apnea
#18 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Romain Dumas, Neel Jani, Marc Lieb
#18 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Romain Dumas, Neel Jani, Marc Lieb
#18 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Romain Dumas, Neel Jani, Marc Lieb
#17 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Mark Webber, Brendon Hartley
#17 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Mark Webber, Brendon Hartley
#17 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Mark Webber, Brendon Hartley
#7 Audi Sport Team Joest Audi R18 e-tron quattro: Marcel Fässler, Andre Lotterer, Benoit Tréluyer
#7 Audi Sport Team Joest Audi R18 e-tron quattro: Marcel Fässler, Andre Lotterer, Benoit Tréluyer
#4 ByKolles Racing CLM P1/01: Simon Trummer, Pierre Kaffer
#91 Porsche Team Manthey Porsche 911 RSR: Richard Lietz, Michael Christensen

La doppietta non c'è stata. Quando mancavano poco meno di trentadue minuti alla conclusione della corsa la Porsche 919 Hybrid di Romain Dumas, fino ad allora al comando, si è fermata ai box. Sembrava una semplice operazione di splash and go ed invece è stata spinta nei garage. I meccanici hanno smontato il musetto, raffreddato gli impianti e i sistemi, ma ben presto ci si è accorti che non c'era nulla da fare. Il complesso sistema che controlla  anche l'efficienza in frenata era andato, probabilmente in tilt. Risultato: Dumas sconsolato fuori dalla macchina e vittoria per Brendon Hartley che ha portato la la 919 numero 17 alla seconda affermazione di seguito dopo la vittoria nella 6 Ore del Nurburgring. Una beffa per Jani-Dumas-Lieb i quali, al di là della prestazione personale dello svizzero, avevano goduto della penalizzazione comminata a Webber-Hartley-Bernhard, fermi per un minuto perché un meccanico era intervenuto sulla macchina durante l'operazione di rifornimento ancora in corso.

Un trionfo a metà che lancia in maniera importante la Porsche verso la conquista del titolo mondiale costruttori, anche se con il secondo e il terzo posto ottenuti l'Audi tiene aperta una piccola finestra di speranza. Nelle ultime fasi come era prevedibile Lotterer ha passato Di Grassi per andare a conquistare un secondo posto prezioso soprattutto per la graduatoria riservata ai piloti.

Al di là del ritiro della Porsche numero 18, la 6° ora non ha visto particolari cambiamenti in classifica. In LMP1 privati la CLM di Kaffer e di Trummer è rimasta di fatto da sola, visti i guai che hanno afflitto ancora una volta le due Rebellion. Non ha stupito nemmeno l'affermazione della Ligier della G Drive di Bird-Canal-Rusinov tra le LMP2: i tre, con Bird come sempre velocissimo, hanno anche approfittato di una penalizzazione ricevuta dall'Oreca di Lapierre-Howson-Bradley che ha permesso alla vettura della G Drive di tagliare il traguardo con i rivali, partiti dall'ultima posizione dopo l'annullamento dei tempi delle prove, staccati di oltre un minuto. Terzi gli altri della G Drive Yucaman-Derani-Gonzalez.

Nessun problema invece per Richard Lietz e Michael Christensen nel portare a casa la vittoria tra le GTE PRO davanti ai compagni Makowiecki-Pilet. Con questo risultato Richard Lietz guadagna punti in classifica su Rigon e Calado, terzi ma mai realmente in corsa, e soprattutto su Bruni-Vilander che dopo il guaio alla portiera hanno perso due giri pieni e si sono classificati all'ultimo posto nella classe. Per loro l'obiettivo di ripetersi sul trono iridato inizia a diventare, con sole tre corse alla fine, impossibile . Finale al fulimicotone invece in GTE AM e terza vittoria di seguito per Bertolini-Basov-Shaytar con la Ferrari 458 della Smp. Ma il protagonista dell'ultima ora nella classe è stato Earl Bamber capace di riportare la propria Porsche che divideva con Al Qubaisi e Ried al secondo posto davanti alla 458 di Collard-Aguas-Perrodo.

condivisioni
commenti
Austin, 5°ora: le regine della notte

Articolo precedente

Austin, 5°ora: le regine della notte

Prossimo Articolo

Dumas e le avvisaglie del guasto

Dumas e le avvisaglie del guasto
Carica commenti
Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto Prime

Ferrari Hypercar ancora senza nome: F255 è la sigla di progetto

L'Hypercar di Maranello che farà il suo ritorno a Le Mans nel 2023 per vincere la classifica assoluta è ancora tutta sulla carta: per ora è filtrato solo il numero di progetto, perchè il nome della vettura non esiste. Lo staff tecnico diretto dall'ingegner Ferdinando Cannizzo si sta formando: Antonello Coletta, che è a capo del progetto, vuole unire tutte le esperienze aziendali pescando risorse dal GT ma anche dalla F1, dalla gestione industriale e dal... mercato.

WEC
26 lug 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021
Glickenhaus: l'esordio di Davide vs Golia non è da bocciatura Prime

Glickenhaus: l'esordio di Davide vs Golia non è da bocciatura

A Portimão la 007 LMH di Westbrook/Briscoe/Dumas è rimasta molto lontana dalle Hypercar Toyota, ma l'obiettivo era raccogliere dati anche facendo fronte ad imprevisti che solo in gara possono accadere. A Monza e Le Mans ci si aspetta qualcosa in più.

WEC
16 giu 2021
Da Junior a Ufficiale: Altoè e la crescita in Lamborghini GT Prime

Da Junior a Ufficiale: Altoè e la crescita in Lamborghini GT

Intervista esclusiva di Motorsport.com al ragazzo del Toro, che in soli 3 anni è passato dal programma giovani ad essere uno dei prospetti su cui Sant'Agata Bolognese sta investendo enormemente. Ripercorriamo col veneto la storia dei trionfi del 2018 fino ai numerosi impegni di quest'anno.

LMh vs LMDh: le differenze delle classi regine di Le Mans Prime

LMh vs LMDh: le differenze delle classi regine di Le Mans

Andiamo a scoprire in questo video le differenze regolamentari tra le Le Mans Hypercar e le Le Mans Daytona Hypercar, le categorie regine del mondiale endurance ed ovviamente della 24 Ore più famosa del mondo

WEC
15 mag 2021
Aston Martin Racing-Prodrive: storia di un grande successo Prime

Aston Martin Racing-Prodrive: storia di un grande successo

La stagione 2021 del FIA World Endurance Championship è partita a Spa il 1° maggio e per la prima volta non c'erano le Aston Martin ufficiali in Classe LMGTE Pro, chiusa la era di Prodrive che si era occupata di queste vetture per conto della Casa dal 2005.

WEC
9 mag 2021